Categorie: Stampa

Treccine blu e libertà individuale

di Giorgio Ragazzini, Il Gruppo di Firenze,  18.9.2019

– È un attentato alla libertà individuale imporre a un allievo di non venire a scuola con un fascio di treccine blu elettrico in testa? La risposta è affermativa per la mamma del ragazzo di Scampia che ha dovuto tagliarsele per rientrare in classe, ma anche per il sottosegretario De Cristofaro, che chiederà all’Ufficio scolastico regionale “di intervenire per ripristinare un principio di libertà”.

Si sa però che le libertà in qualsiasi campo trovano qualche inevitabile limite; e anche la crescita esponenziale dell’informalità dopo il ’68 non ha reso raccomandabile andare a messa in bikini, con infradito e bermuda dal presidente di un’azienda o a torso nudo a un colloquio di lavoro. Su questo punto la scuola ha il duplice compito di contrastare l’esibizionismo, cioè il “guardate qua! guardatemi, vi supplico!” (Michele Serra), e quello di far capire che crescere significa anche saper adattare linguaggio, atteggiamenti e abbigliamento alle diverse situazioni. Far rispettare queste e altre regole a Scampia è poi, com’è intuibile, doppiamente importante.

Ma chi lo decide – si obbietta – che le treccine colorate, le mutande in vista e le natiche che occhieggiano sopra i jeans non vanno bene a scuola? La risposta è che spetta alla scuola stessa, come a chiunque abbia un ruolo educativo, applicare a casi concreti dei principi generali condivisi (cioè discussi). Nella media dove ho insegnato per dieci anni il regolamento di disciplina prescriveva semplicemente: “L’abbigliamento con il quale i ragazzi si presentano a scuola deve essere sempre decoroso e adatto al lavoro scolastico”. Punto. Ne avevano discusso una commissione, poi il Collegio dei docenti e infine il Consiglio di Istituto, evitando di elencare una casistica e affidando agli insegnanti il compito di applicare la norma con buonsenso e fermezza. E ha funzionato benissimo.

.

.

.

.

.

.

.

.

 

Treccine blu e libertà individuale ultima modifica: 2019-09-18T18:26:45+02:00 da Gilda Venezia
Gilda Venezia

Share
Pubblicato da
Gilda Venezia

Recent Posts

Mobilità, annullare e revocare la domanda. Che differenza?

Orizzonte Scuola, 31.3.2020 - Il docente che decide di partecipare alla mobilità per il prossimo…

12 minuti fa

Mobilità docenti 2020, docenti possono compilare domanda da soli ma Ministero non pubblica elenco posti vacanti previsti

Orizzonte Scuola, 31.3.2020 - Mobilità docenti 2020: querelle tra sindacati e Ministero sull’opportunità di pubblicare…

47 minuti fa

La valutazione nella didattica a distanza può svincolarsi dal voto ma implica una diversa metodologia

Orizzonte Scuola, 31.3.2020 - Di Alessandro Roehrssen Istituto Cattaneo Dall’Aglio in Castelnovo ne’ Monti (RE)…

1 ora fa

Didattica a distanza: proroga supplente se rientra titolare

Orizzonte Scuola, 31.3.2020 - Due docenti sullo stesso posto, chi fa cosa? - Il decreto…

2 ore fa

Anche la formazione di prof e presidi viaggia on line

di Laura Virli, Il Sole 24 Ore, 31.3.2020 - Con la nota n. 7304 del 27 marzo…

2 ore fa

Coronavirus e didattica a distanza: «Così non ci siamo mai fermati»

di Antonella De Gregorio, Il Corriere della sera, 30.3.2020 - Le regole della prima scuola chiusa…

2 ore fa

Questo sito contiene cookie tecnici, analitici e terze parti per la migliore fruizione dei contenuti del sito anche mediante tracciamento delle attività nel sito. Per visualizzare la cookie policy e disabilitare i cookie diversi da quelli tecnici, clicca sul link sotto. Chiudendo questo banner e navigando sulla pagina, acconsenti all'uso dei cookie.

Clicca qui per visualizzare la cookie policy