USR Veneto – FAQ Alunni con disabilità e con BES

dall’USR per il Veneto,  17.3.2021.

Riportiamo di seguito le FAQ dell’USR per il Veneto relative agli alunni con certificazione di disabilità e Bisogni Educativi Speciali.

DPCM 2 MARZO 2021 – FAQ Alunni con disabilità e con BES

 

1.
Come procedono le Istituzioni scolastiche nella programmazione delle attività didattiche in presenza destinate agli allievi con disabilità e agli allievi con bisogni educativi speciali?

Il DPCM 2 marzo 2021, art. 43 comma 1 dispone “Sono sospese le attività dei servizi educativi dell’infanzia di cui all’art. 2 del decreto legislativo 13 aprile 2017, n. 65, e le attività scolastiche e didattiche delle scuole di ogni ordine e grado si svolgono esclusivamente con modalità a distanza. Resta salva la possibilità di svolgere attività in presenza qualora sia necessario l’uso di laboratori o in ragione di mantenere una relazione educativa che realizzi l’effettiva inclusione scolastica degli alunni con disabilità e con bisogni educativi  speciali,  secondo  quanto  previsto  dal  decreto  del  Ministro dell’istruzione n. 89 del 7 agosto 2020, e dall’ordinanza del Ministro dell’istruzione  n.  134  del  9  ottobre  2020,  garantendo  comunque il collegamento on line con gli alunni della classe che sono in didattica digitale integrata”.

Inoltre, la nota ministeriale n. 662 del 12 marzo 2021 della Direzione generale per lo studente, l’inclusione e l’orientamento scolastico ha fornito alcuni orientamenti alle Istituzioni scolastiche, nel rispetto dell’autonomia didattica e organizzativa.

Per quanto attiene agli allievi con disabilità, posto il diritto della famiglia a richiedere l’attività in presenza, i Dirigenti scolastici organizzano le relative attività e tempi di frequenza, in rapporto agli obiettivi propri del PEI e alle misure previste nel piano scolastico per la didattica digitale integrata, d’intesa con i genitori e con i docenti della classe. Sulla base dei tempi di frequenza, il Dirigente scolastico individua le unità di personale docente necessarie allo svolgimento del servizio in presenza, da considerarsi come attività indifferibile.

Per quanto riguarda gli allievi con DSA, posto il diritto della famiglia a richiedere l’attività didattica in presenza, i Dirigenti scolastici organizzano le relative attività, in rapporto agli obiettivi propri del PDP e alle misure previste nel piano scolastico per la didattica digitale integrata, d’intesa con i genitori e con i docenti della classe. Sulla base dei tempi di frequenza, il Dirigente scolastico individua le unità di personale docente necessarie allo svolgimento del servizio in presenza, da considerarsi come attività indifferibile.

Per quanto  riguarda  gli  allievi  con  altri  bisogni  educativi  speciali opportunamente certificati e in possesso di PDP, i Dirigenti scolastici organizzano le relative attività, in rapporto agli obiettivi propri del PDP e alle misure previste nel piano scolastico per la didattica digitale integrata, d’intesa con i genitori e con i docenti della classe. Sulla base dei tempi di frequenza, il Dirigente scolastico individua le unità di personale docente necessarie allo svolgimento del servizio in presenza, da considerarsi come attività indifferibile.

Laddove le valutazioni congiunte della scuola e della famiglia depongano a favore dell’armonizzazione con il percorso del gruppo classe, l’allievo con bisogni educativi speciali frequenterà le lezioni in modalità di didattica a distanza. Sul punto, si richiama quanto precisato nella nota ministeriale n. 662 del 12 marzo 2021: “la condizione dell’alunno con bisogni educativi speciali non comporta come automatismo la necessità di una didattica in presenza, potendo talora essere del tutto compatibile con forme di didattica digitale integrata salvo diverse esplicite disposizioni contenute nei già adottati progetti inclusivi”.

2.
Le attività educative della scuola dell’infanzia vengono effettuate in DAD?

Il DPCM 2 marzo 2021, art. 43 comma 1 prevede che siano sospese soltanto “le attività dei servizi educatividell’infanzia di cui all’art. 2 del D. Lgs.vo 13 aprile 2017, n. 65 e le attività scolastiche e didattiche delle scuole di ogni ordine e grado si svolgono esclusivamente con modalità a distanza”. Sul punto, si precisa che le scuole dell’infanzia non rientrano tra i servizi educativi dell’infanzia elencati all’art. 2 comma 3 del D. Lgs.vo n. 65/2017. Di conseguenza,  nella  scuola  dell’infanzia  le  attività  didattiche  vengono effettuate in modalità a distanza.

 

3.
Le scuole dell’infanzia svolgono attività didattiche in presenza destinate ai bambini con disabilità e con bisogni educativi speciali?

Per quanto attiene ai bambini con disabilità, posto il diritto della famiglia a richiedere l’attività in presenza, i Dirigenti scolastici/Coordinatori delle attività didattiche organizzano le relative attività e i tempi di frequenza, in rapporto agli obiettivi propri del PEI e alle misure previste nel piano scolastico per la didattica digitale integrata, d’intesa con i genitori e con i docenti della sezione. Sulla base dei tempi di frequenza, il Dirigente scolastico/Coordinatore delle attività didattiche individua le unità di personale docente necessarie allo svolgimento del servizio in presenza, da considerarsi come attività indifferibile.

Per quanto riguarda i bambini con altri bisogni educativi speciali, i Dirigenti scolastici/Coordinatori delle attività didattiche organizzano le relative attività, in rapporto ai bisogni degli stessi e alle misure previste nel piano scolastico per la didattica digitale integrata, d’intesa con i genitori e con i docenti della sezione. Sulla base dei tempi di frequenza, il Dirigente scolastico/Coordinatore delle attività didattiche individua le unità di personale docente necessarie allo svolgimento del servizio in presenza, da considerarsi come attività indifferibile.

.

.

.

.

USR Veneto – FAQ Alunni con disabilità e con BES ultima modifica: 2021-03-17T15:25:51+01:00 da Gilda Venezia
Gilda Venezia

Leave a Comment
Share
Pubblicato da
Gilda Venezia

Recent Posts

Si ripete lo schema del 2020 Commissari tutti interni e solo il presidente esterno

di Laura Virli, Il Sole 24 Ore, 6.5.2021. Quando va bene, per i presidenti, è uno…

3 ore fa

Si può bocciare anche se le attività scolastiche di recupero sono state inadeguate

di Pietro Alessio Palumbo, Il Sole 24 Ore, 6.5.2021. La poca comunicazione scuola-famiglia nel corso dell'anno…

3 ore fa

Vaccini scuola, si riparte. Floridia: si proceda rapidi. Sasso: ora test salivari

di Carla Virzì,  La Tecnica della scuola, 5.5.2021. Vaccini scuola, si riparte, anche per quei…

4 ore fa

Esame terza media, come sarà l’elaborato?

di Lara La Gatta,  La Tecnica della scuola, 5.5.2021. - FAQ - L’OM n. 52…

5 ore fa

Mobilità: quando spetta il punteggio aggiuntivo

Obiettivo scuola, 5.5.2021. Il punteggio aggiuntivo per non aver presentato domanda provinciale tra il 2000/2001…

5 ore fa

I soldi, tanti, che la scuola butterà via in estate

di Salvatore Salerno, lo scrigno di Pandora, 5.5.2021. Ci sono da sfatare anche i luoghi…

12 ore fa

Questo sito contiene cookie tecnici, analitici e terze parti per la migliore fruizione dei contenuti del sito anche mediante tracciamento delle attività nel sito. Per visualizzare la cookie policy e disabilitare i cookie diversi da quelli tecnici, clicca sul link sotto. Chiudendo questo banner e navigando sulla pagina, acconsenti all'uso dei cookie.

Clicca qui per visualizzare la cookie policy