Valorizzazione dei docenti, la strada obbligata per il Ministro

dal blog di Gianfranco Scialpi, 13.1.2020

– La valorizzazione dei docenti è un aspetto importante del profilo docente. Non può essere identificata con una maggiore formazione. Al Ministro L. Azzolina, però non resta che questa carta, considerata la normativa vigente.

Valorizzazione dei docenti passa per la formazione

La valorizzazione dei docenti è un aspetto importante del profilo docente e passa anche  attraverso la formazione che è  integrata con la sua funzione. A onor del vero occorre affermare che molti docenti hanno un rapporto problematico con la formazione. Sono demotivati e poco propensi a farla. Non sempre però la causa è riconducibile alle specificità personali . In questi anni non sono state attuate delle condizioni che rimandano al “ridisegno dell’organizzazione della scuola, dei suoi organismi e del tempo scuola per i docenti, per garantire una coerente formazione in servizio;
– la realizzazione di un nuovo inquadramento giuridico-contrattuale.”
Ora il nuovo Ministro vuole investire molto nel connubio valorizzazione docente/formazione. Infatti  ha dichiarato: “Tutto il personale dovrà essere valorizzato. Prioritario sarà il tema della formazione. Dei dirigenti, dei docenti, ma anche del personale ATA (amministrativo, tecnico e ausiliario) sempre troppo poco considerato.

Il Ministro L. Azzolina non può fare altro

E’ indubbio però che la valorizzazione del profilo docente non può identificarsi tout court  con la formazione, ma anche attraverso un significativo riconoscimento economico. Quindi  l’affermazione del Ministro L. Azzolina risulta molto strana se a formularla è un insegnante prestata al politica.
Purtroppo le parole del Ministro certificano una resa, un arretramento rispetto ai propositi espressi dal suo precedessore. L’ostacolo a una piena e reale valorizzazione è rappresentato dalla legge di Bilancio 2020 (160/2020), la quale a sua volta è fortemente condizionata dal D. Lvo 29/93 che stabilisce aumenti contrattuali pari all’inflazione programmata. Il legame si traduce in questo passaggio” l’ incremento delle retribuzioni medie complessive del personale appartenente al settore Stato pari all’1,3 per cento per il 2019, all’1,9 per cento per il 2020 e al 3,49 per cento a decorrere dal 2021“. In sostanza 80€ lordi a regime.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

 

.

.

.

.

.

.

 

 

Valorizzazione dei docenti, la strada obbligata per il Ministro ultima modifica: 2020-01-14T04:43:52+01:00 da Gilda Venezia
Gilda Venezia

Share
Pubblicato da
Gilda Venezia

Recent Posts

Organico di diritto 2020/21, quando si può cambiare classe concorso potenziamento

Orizzonte Scuola, 27.2.2020 - Organico di diritto 2020/21, posti di potenziamento: quando è possibile variare…

7 minuti fa

Concorso ordinario infanzia e primaria, in cosa consiste la prova preselettiva

di Andrea Carlino, La Tecnica della scuola, 26.2.2020 - La prova preselettiva del concorso infanzia e…

2 ore fa

Decreto Milleproroghe al Senato. Tutte le novità per la scuola

di Libero Tassella, La Tecnica della scuola, 26.2.2020 - Nel pomeriggio di mercoledì 26 il testo…

3 ore fa

Coronavirus, proporzionalità e adeguatezza per le misure regionali e locali

di Anna Maria Bellesia, La Tecnica della scuola, 26.2.2020 - Il caos sorto sulla questione scuole-aperte/scuole-chiuse…

9 ore fa

Fabiana Dadone: concorsi al via

dal profilo FB di Fabiana Dadone, 26.2.2020 - Solo la scuola può proiettare davvero il…

12 ore fa

Coronavirus: a scuola obbligatorio il certificato medico. Ecco dove e quando

di Teresa Maddonni, Money.it, 26.2.2020 - Nuove disposizioni su coronavirus e scuola: il certificato medico è obbligatorio.…

12 ore fa

Questo sito contiene cookie tecnici, analitici e terze parti per la migliore fruizione dei contenuti del sito anche mediante tracciamento delle attività nel sito. Per visualizzare la cookie policy e disabilitare i cookie diversi da quelli tecnici, clicca sul link sotto. Chiudendo questo banner e navigando sulla pagina, acconsenti all'uso dei cookie.

Clicca qui per visualizzare la cookie policy