Veneto. Attivazione della DDI alle superiori

dall’USR per il Veneto,  27.10.2020.

Nota DG Veneto. Tramissione Ordinanza Regione Veneto prot. n. 19680 del 26.10.2020

 

Ordinanza del Presidente della Regione del Veneto del 26 ottobre 2020.
Attivazione della didattica digitale integrata complementare alla didattica in presenza per i percorsi del secondo ciclo di istruzione e per i percorsi di secondo livello dell’istruzione degli adulti.

Con Ordinanza del 26 ottobre 2020 (allegata alla presente) il Presidente della Regione del Veneto, a causa dell’aumento dei casi di diffusione del contagio da SARS-CoV- 2 sul territorio regionale, ha disposto che venga incrementato nelle scuole statali e paritarie del Veneto il ricorso alla didattica digitale integrata nei percorsi del secondo ciclo di istruzione e nei percorsi di secondo livello dell’istruzione degli adulti, in conformità al D.P.C.M. del 24 ottobre u.s. e in modo da ridurre la presenza giornaliera a scuola degli studenti per non meno del 75% sul totale dei 213.596 studenti della scuola superiore.

La misura ha effetto dal 28 ottobre e fino al 24 novembre 2020.

Le sezioni di scuola dell’infanzia e le classi di scuola primaria e secondaria di primo grado proseguiranno la regolare didattica in presenza.

Pertanto, le scuole del secondo ciclo, a partire dalla data stabilita dall’ Ordinanza regionale, organizzano la didattica digitale integrata a distanza per il 75% degli studenti, applicando criteri di rotazione fra le classi o fra gli studenti all’interno delle classi e utilizzando gli strumenti di flessibilità previsti dagli articoli 4 e 5 del D.P.R. 275/99. Sarà favorita, per quanto possibile, la didattica in presenza degli studenti del primo anno dei percorsi di studio.

La scelta sul modello organizzativo da attuare è demandata alle scuole, fatta salva la necessità di mantenere il numero di studenti presenti giornalmente a scuola entro i limiti previsti dall’Ordinanza.

Per gli studenti disabili certificati deve essere garantita la didattica in presenza per l’intero orario, mentre per gli alunni “fragili” (con patologie gravi o immunodepressi) vanno favorite forme di istruzione a distanza e/o domiciliare, secondo quanto previsto dall’O.M. n. 134 del 9 ottobre 2020.

Tutti i docenti svolgeranno il proprio orario di cattedra a scuola, collegandosi con le classi (ovvero con gli alunni) collocati in didattica a distanza attraverso i dispositivi presenti nelle aule e nei laboratori o con quelli eventualmente ricevuti in dotazione dall’Istituzione scolastica o con i propri, ma servendosi della rete Internet scolastica.

Per ragioni di praticità organizzativa, potrà essere mantenuto l’orario settimanale già in vigore, con alcuni possibili accorgimenti:
– rimodulazione della durata della lezione (es. 40/45 minuti);
– riduzione del numero di ore di ogni disciplina, svolte in modalità sincrona.

In ogni caso la parte restante dell’orario obbligatorio sarà garantita con attività asincrone (microprogetti affidati; ricerche; attività pratiche; letture; relazioni; esercitazioni, ecc.). Va garantito comunque un minimo di 20 ore settimanali di attività in sincrono.

Il nucleo di supporto alla gestione dell’emergenza sanitaria presso l’USR e i dirigenti tecnici restano a disposizione delle scuole in attività di supporto e consulenza organizzativa e didattica.

Non pare superfluo sottolineare come la scelta operata sia estremamente dolorosa, anche se ponderata e necessaria; chi scrive ha ben presente le difficoltà incontrate da studenti e docenti nello scorso anno scolastico e il lavoro, la dedizione, l’impegno che i dirigenti scolastici e il personale tutto hanno profuso per assicurare la prosecuzione delle attività a distanza, la conclusione dell’anno scolastico e, soprattutto, per garantire la ripresa delle lezioni in presenza e in sicurezza.

Ci si augura che questo ulteriore sacrificio richiesto al sistema scolastico serva a prevenire e scongiurare la necessità di misure ancora più drastiche e prolungate.

Carmela Palumbo

.

.

.

.

.

.

 

Veneto. Attivazione della DDI alle superiori ultima modifica: 2020-10-28T06:56:22+01:00 da Gilda Venezia
Gilda Venezia

Leave a Comment

Recent Posts

Covid e scuola, i dati allarmanti dell’ISS non chiariscono

di Gianfranco Scialpi, Scuola in Forma, 12.5.2021. Covid e scuola, l'ISS ha pubblicato un report…

8 ore fa

TFA sostegno: i posti banditi dagli atenei devono rispettare il fabbisogno; no a sperequazioni territoriali [Sentenza]

Obiettivo scuola, 12.5.2021. No a sperequazioni territoriali. Sentenza. Il Consiglio di Stato con sentenza N.…

14 ore fa

Piano scuola estate, le tre fasi: tempistiche e iniziative attivabili

di Lara La Gatta,  La Tecnica della scuola, 12.5.2021. Il Piano scuola estate presentato dal…

15 ore fa

Patto per la scuola nelle mani di Draghi

di Roberto Bosio, InfoDocenti.it, 12.5.2021. La bozza di intesa tra sindacati e Patrizio Bianchi prospettata nella bozza…

19 ore fa

Scuola: superiori, solo 1 su 4 può andare in classe al 100%

Il Sole 24 Ore, 12.5.2021. Siamo ormai all'ultimo mese di scuola “in presenza”: riusciranno tutti gli…

23 ore fa

Verso un fondo scuola da 500 milioni nel decreto Sostegni-bis

Il Sole 24 Ore, 12.5.2021. Un nuovo fondo da 500 milioni per garantire l'avvio del prossimo…

23 ore fa

Questo sito contiene cookie tecnici, analitici e terze parti per la migliore fruizione dei contenuti del sito anche mediante tracciamento delle attività nel sito. Per visualizzare la cookie policy e disabilitare i cookie diversi da quelli tecnici, clicca sul link sotto. Chiudendo questo banner e navigando sulla pagina, acconsenti all'uso dei cookie.

Clicca qui per visualizzare la cookie policy