Verbali dei collegi dei docenti: non sono solo un atto formale

di Maria Grazia Costa,  La Tecnica della scuola, 27.7.2019

– Una questione molto attuale di cui  i membri della comunità scolastica  possono discutere per trarre delle soluzioni costruttive, è la comunicazione del verbale del Collegio dei docenti ai diretti interessati.

Al di là delle controversie che possono nascere su questo argomento, è fuori dubbio che i docenti debbano conoscere i contenuti  del verbale,  sapere e ricordare le deliberazioni effettuate e gli argomenti discussi.

Non è solo una questione formale: i verbali – nella loro sequenza – possono servire anche per inquadrare meglio i problemi e per poter contribuire nelle successive riunioni alla progettazione di azioni più efficaci in relazione alle finalità istituzionali, correggendo se necessario quelle precedenti.

La legge della trasparenza,  per antonomasia, il D.lgs. 33/2013 novellato dal D.lgs.97/2016 e la legge del diritto all’accesso sui documenti amministrativi (legge 241/1990)  garantiscono “la partecipazione dei cittadini all’attività  amministrativa”.

La mancata pubblicazione del verbale del Collegio o la sua  mancata  trasmissione tramite e-mail ai singoli docenti,  rappresenta a mio modesto avviso, una potenziale violazione  dell’interesse, concreto, attuale, qualificato di ciascun docente ad avere copia del verbale o a poterlo leggere sul sito web dell’Istituzione scolastica per la realizzazione delle finalità istituzionali.

La lettura del verbale durante le riunioni con componenti che superano le 70 unità, spesso non risulta chiara. Inoltre talora può anche accadere che il verbale risulti volutamente incompleto o parziale e quindi una verifica successiva da parte di tutti gli interessati è sempre utile.

Fortunatamente sono moltissimi i dirigenti scolastici che  pubblicano  il verbale nell’area riservata del sito istituzionale o lo inviano tramite e-mail ai componenti del Collegio: è una buona prassi per garantire la trasparenza ma anche per favorire la crescita della “memoria storica” della comunità scolastica.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

Verbali dei collegi dei docenti: non sono solo un atto formale ultima modifica: 2019-07-28T04:32:33+02:00 da Gilda Venezia
Gilda Venezia

Share
Pubblicato da
Gilda Venezia

Recent Posts

Il registro elettronico non è obbligatorio, lo sottolinea la Cassazione

di Marco Barone, Orizzonte Scuola, 5.12.2019 - Il registro di classe e del professore sono atto pubblico - Una interessante sentenza…

17 ore fa

TFA sostegno: parte il quinto ciclo con 7 mila posti in più del previsto

di Reginaldo Palermo,  La Tecnica della scuola, 4.12.2019 -  Non è ancora concluso il quarto ciclo di TFA per il…

22 ore fa

Contratto d’Istituto: come renderlo migliorativo rispetto al CCNL

di Alvaro Belardinelli,  La Tecnica della scuola, 4.12.2019 - Pur essendo una categoria di lavoratori intellettuali, troppo spesso i docenti…

22 ore fa

Legge di bilancio: in due anni tre miliardi e mezzo di tagli al Ministero dell’Istruzione

di Reginaldo Palermo,  La Tecnica della scuola, 4.12.2019 - VIDEO - - Il Ministro Fioramonti continua a dichiararsi soddisfatto di…

1 giorno fa

Bonus merito: scuola vota all’unanimità distribuzione a tutti i docenti, precari inclusi

di Vincenzo Brancatisano, Orizzonte Scuola, 4.12.2019 - Bonus premiale, un insegnante liceale mette ai voti la proposta di spalmare il bonus…

2 giorni fa

Scuola, il conto delle assunzioni sale a 70mila unità

di Eugenio Bruno e Claudio Tucci, Il Sole 24 Ore, 4.12.2019 - Si riaprono le assunzioni nella scuola: altre 9mila cattedre recuperate…

2 giorni fa

Questo sito contiene cookie tecnici, analitici e terze parti per la migliore fruizione dei contenuti del sito anche mediante tracciamento delle attività nel sito. Per visualizzare la cookie policy e disabilitare i cookie diversi da quelli tecnici, clicca sul link sotto. Chiudendo questo banner e navigando sulla pagina, acconsenti all'uso dei cookie.

Clicca qui per visualizzare la cookie policy