Violenza nelle scuole. Nessuno “sconto” dalla Corte di Cassazione

di Pietro Verna, Il Sole 24 Ore, 2.12.2019

– L’uso sistematico della violenza, quale ordinario trattamento del minore affidato, anche lì dove fosse sostenuto da “animus corrigendi”, non può rientrare nell’ambito della fattispecie di abuso dei mezzi di correzione, ma concretizza, sotto il profilo oggettivo e soggettivo, gli estremi del più grave delitto di maltrattamenti.

Lo ha stabilito la Sesta Sezione della Corte di Cassazione (sentenza 31 ottobre 2019, numero 44634), che ha confermato l’ordinanza con la quale il Giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Lametia Terme aveva sottoposto alla misura cautelare degli arresti domiciliari una collaboratrice scolastica per non aver impedito a una maestra di una scuola d’infanzia di porre in essere condotte violente e vessatorie nei confronti dei bambini ( frasi offensive del tipo «siete tutti cani», l’ordine di «stare seduti, immobili e in silenzio», schiaffi sul viso, sulla nuca, sulle mani e sul fondoschiena etc. ) nonché per essersi resa essa stessa responsabile di condotte altrettanto riprovevoli (percuotere i bambini per costringerli a mangiare, metterli in castigo, ovvero di dileggiarli dinanzi alla classe, come era avvenuto con un bambino affetto da incontinenza sfinterica). Fatti che il Tribunale del riesame di Catanzaro aveva qualificato «episodi […] rientranti in metodi educativi […] obsoleti» riconducibili all’ipotesi di reato (meno grave) di abuso di mezzi di correzione (articolo 571 Cp).

Argomentazioni che i Supremi giudici hanno respinto, confermando il consolidato indirizzo giurisprudenziale secondo cui il reato di abuso dei mezzi di correzione presuppone un uso consentito e legittimo dei mezzi correttivi, che, senza attingere a forme di violenza, trasmodi in abuso a causa dell’eccesso, arbitrarietà o intempestività della misura correttiva.

Mentre nel caso in cui la persona offesa sia vittima di continui episodi di prevaricazione e violenza, ricorre il più grave reato di maltrattamenti (ex multis, Cassazione Penale, Sez. VI, sentenze 12 settembre 2007, numero 34460 e 22 dicembre 2014, numero 53416). Reato che assume particolare rilevanza se, come nel caso di specie, la persona che lo ha commesso (o che avrebbe dovuto impedirlo ) abbia «uno specifico obbligo giuridico in ragione dell’attività di vigilanza a lei affidata».

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

Violenza nelle scuole. Nessuno “sconto” dalla Corte di Cassazione ultima modifica: 2019-12-02T06:02:58+01:00 da Gilda Venezia

Gilda Venezia

Leave a Comment
Share
Pubblicato da
Gilda Venezia

Recent Posts

Ruoli con procedura telematica. Come funziona

dalla Gilda degli insegnanti di Venezia, 10.8.2020. Come si inoltrano le domande. Presentazione Istanza Informatizzazione Nomine…

36 minuti fa

Supplenze. Le fasi delle nomine da GPS

dalla Gilda degli insegnanti di Venezia, 10.8.2020. Come avvengono le nomine da GPS? Quali sono…

5 ore fa

I banchi per la scuola secondo Renzo Piano: la proposta dell’archistar

QuiFinanza, 9.8.2020 Il noto architetto interviene nel dibattito del ritorno in classe e lo fa…

5 ore fa

Spazi scolastici: in mancanza di teatri si farà lezione negli hotel e nei B&B

di Reginaldo Palermo, La Tecnica della scuola, 9.8.2020. Mano a mano che ci si avvicina alla…

6 ore fa

Flora Frate: Dire che verranno assunti 85mila docenti precari non significa nulla

InfoDocenti.it, .8.2020. L’on. Flora Frate del Gruppo Misto, insegnante, da sempre molto vicina al mondo della…

13 ore fa

Corsi in preparazione alle prove del concorso straordinario: classi di concorso A24 e A25 e quesito in inglese

Associazione docenti art.33, agosto 2020 -  L' Associazione  Docenti Articolo 33 - in collaborazione con…

16 ore fa

Questo sito contiene cookie tecnici, analitici e terze parti per la migliore fruizione dei contenuti del sito anche mediante tracciamento delle attività nel sito. Per visualizzare la cookie policy e disabilitare i cookie diversi da quelli tecnici, clicca sul link sotto. Chiudendo questo banner e navigando sulla pagina, acconsenti all'uso dei cookie.

Clicca qui per visualizzare la cookie policy