Visita medica obbligatoria: docenti ancora esclusi, ma sempre più a rischio

oggi-scuola_logo15

 Oggiscuola, 2.3.2017

– L’obbligo della visita medica per un dipendente è previsto dalla legge per quei dipendenti che svolgono mansioni che comportano dei rischi: sia che si tratti di rischi fisici dovuti a lavoro pesante, sia alla vista nel caso di lavoro prolungato al pc e quant’altro.
Per quanto riguarda gli insegnanti, invece, la questione è diversa in quanto questi rappresentano una categoria non sottoposta a visita obbligatoria nonostante i grandi rischi cui sono a contatto ogni giorno. Negli ultimi mesi si è parlato molto di meningite, con numerosi casi che hanno toccato studenti e docenti, ma anche di altre malattie come, ad esempio la scabbia.
Inoltre, i docenti, sono sottoposti a numerosi altri rischi come sottolineato dall’istituto Conbs che ha esaminato le diagnosi formulate dai Collegi Medici per determinare l’inidoneità all’insegnamento per motivi di salute.
Lo studio dimostra che l’inidoneità degli insegnanti è causata da patologie psichiatriche in oltre il 60% dei casi (il 70% delle quali appartengono all’area ansioso-depressiva), mentre le “disfonie” sono appena il 13% (5 volte di meno).

MA CHI SI AMMALA DI PIU’ DI STRESS?
E’ stato analizzato un campione di insegnanti provenienti dal Nord, Sud e centro Italia che hanno lavorato nella scuola materna/infanzia, elementare, media e superiore con età media di 54,7 anni, mentre l’anzianità di servizio media è pari a 29,2 anni. Diagnosi psichiatriche: Il 64% dei docenti che hanno visto riportare sul verbale del Collegio Medico una diagnosi psichiatrica hanno la seguente provenienza geografica: Nord 37%; Centro 30%; Sud e Isole 33%. Per la maggioranza di loro la patologia psichiatrica riscontrata interessa l’asse ansioso-depressivo, una minima parte circoscrive i disturbi di personalità e psicosi. Per meglio descrivere il gruppo più consistente, si veda di seguito lo spaccato delle diagnosi pervenute: Sindrome AnsiosoDepressiva (30); Disturbo da Attacchi di Panico (13); Depressione Maggiore (12); Disturbo Bipolare (12); Sindrome Depressiva (6); Disturbo d’Ansia Generalizzato (5); Disturbo dell’Adattamento (5); Disturbo Ossessivo Compulsivo (4); Disturbo Post Traumatico da Stress. Gli insegnanti con diagnosi psichiatrica provengono dalle elementari (35%); superiori (30%); medie (24%); materna/infanzia (12%), quasi a sottolineare che nessun ordine scolastico è risparmiato dalla usura psicofisica, come evidenziato nello studio pubblicato sul N° 5 de La Medicina del Lavoro ma che alcuni classi portano a un maggiore livello di stress dovuto probabilmente anche agli obiettivi da raggiungere.

COSA CHIEDONO I DOCENTI?
La richiesta dei docenti è che venga istituita così come per gli altri dipendenti, una visita obbligatoria che attesti l’eventuale presenza di patologie dovute allo stare in classe a contatto con tanti studenti. Il rischio di contrarre infezioni e malattie è, infatti, molto più elevato per gli insegnanti, rispetto ad altre categorie.

.

Visita medica obbligatoria: docenti ancora esclusi, ma sempre più a rischio ultima modifica: 2017-03-02T17:05:25+01:00 da Gilda Venezia
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl