Categorie: Stampa

Crepet: “Basta smartphone e scrittura stile whatsapp, non ci guardiamo più negli occhi”

di Andrea Carlino,  La Tecnica della scuola, 10.12.2019

– Paolo Crepet, noto psichiatra, è intervenuto a Radio Cusano Campus per un commento sulla ricerca Censis in merito all’utilizzo degli psicofarmaci da parte di 4 milioni di italiani: “Rabbia sociale sul web? Che ci sia gente che approfitta di uno strumento che ti rende visibile dalla tua caverna è abbastanza comprensibile. I 3 minuti di notorietà li ottieni bestemmiando e non certo facendo un ragionamento raffinato. 4 milioni di italiani usano psicofarmaci? 4 milioni mi sembrano anche pochi. Questo fa parte anche della cattiva cultura sanitaria che abbiamo, legata a forum, chat, cose che si leggono sulla rete”.

E poi sull’utilizzo degli smartphone afferma: “Dire che gli italiani sono sempre con lo smartphone è come dire che mangiano la pasta. Non so se siamo campioni mondiali o siamo vice, mi pare anche un dato sottostimato. Lo smartphone è uno strumento di lavoro e comunicazione, ma anche di svago. Su questo non farei una battaglia punica, il problema è educativo semmai. Se poi, per parlarci, usiamo una scrittura tipo whatsapp e non usiamo più le parole, gli sguardi, gli incontri, io sarei preoccupato ma non solo per l’Italia, per il mondo”.

A procurare ansia, secondo il rapporto Censis, è soprattutto il lavoro che manca o che non dà molta stabilità, soprattutto per il 44% della popolazione.

Anche se rispetto al 2017 gli occupati aumentano, in realtà cresce solo il numero di quelli a tempo parziale, ben 1,2 milioni, tanto che tra il 2007 e il 2018 il part time è aumentato del 38%, soprattutto quello involontario, praticamente raddoppiato rispetto al 2007 e ancor di più (71,6%) tra i giovani.

Calano dunque le ore complessive di lavoro (2,3 miliardi rispetto al 2007) e anche le retribuzioni (del 3,8%). Ci sono quasi 3 milioni di lavoratori che guadagnano meno di 9 euro all’ora, specie tra giovani e operai.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

Crepet: “Basta smartphone e scrittura stile whatsapp, non ci guardiamo più negli occhi” ultima modifica: 2019-12-11T05:08:32+01:00 da Gilda Venezia
Gilda Venezia

Leave a Comment
Share
Pubblicato da
Gilda Venezia

Recent Posts

Ruoli con procedura telematica. Come funziona

dalla Gilda degli insegnanti di Venezia, 10.8.2020. Come si inoltrano le domande. Presentazione Istanza Informatizzazione Nomine…

11 minuti fa

Supplenze. Le fasi delle nomine da GPS

dalla Gilda degli insegnanti di Venezia, 10.8.2020. Come avvengono le nomine da GPS? Quali sono…

5 ore fa

I banchi per la scuola secondo Renzo Piano: la proposta dell’archistar

QuiFinanza, 9.8.2020 Il noto architetto interviene nel dibattito del ritorno in classe e lo fa…

5 ore fa

Spazi scolastici: in mancanza di teatri si farà lezione negli hotel e nei B&B

di Reginaldo Palermo, La Tecnica della scuola, 9.8.2020. Mano a mano che ci si avvicina alla…

5 ore fa

Flora Frate: Dire che verranno assunti 85mila docenti precari non significa nulla

InfoDocenti.it, .8.2020. L’on. Flora Frate del Gruppo Misto, insegnante, da sempre molto vicina al mondo della…

12 ore fa

Corsi in preparazione alle prove del concorso straordinario: classi di concorso A24 e A25 e quesito in inglese

Associazione docenti art.33, agosto 2020 -  L' Associazione  Docenti Articolo 33 - in collaborazione con…

15 ore fa

Questo sito contiene cookie tecnici, analitici e terze parti per la migliore fruizione dei contenuti del sito anche mediante tracciamento delle attività nel sito. Per visualizzare la cookie policy e disabilitare i cookie diversi da quelli tecnici, clicca sul link sotto. Chiudendo questo banner e navigando sulla pagina, acconsenti all'uso dei cookie.

Clicca qui per visualizzare la cookie policy