Categorie: Insegnanti

In Italia docenti guadagnano meno dell’80% di ciò che guadagnano altri lavoratori con istruzione terziaria. I dati

 Orizzonte Scuola, 16.10.2019

– Quanto guadagnano gli insegnanti in Europa? A quanto ammonta l’aumento dei salari con la progressione della carriera? Quanto incide il salario sul rendimento degli studenti? A queste domande dà risposte il rapporto “Education and Training MONITOR 2019” dell’Unione Europea

Differenza salari e progressione di carriera

Secondo il rapporto, in Europa il più piccolo aumento percentuale tra lo stipendio iniziale e massimo lo troviamo in Lituania (inferiore al 3%), seguita dalla Danimarca (16%). Gli aumenti percentuali più alti sono in Romania (143%), Paesi Bassi (104%), Portogallo (99%), Grecia (95%), Austria (94%), Ungheria (90%), Irlanda (89%) e Slovenia (80%).

Nel complesso, più lunga è la carriera di un insegnante, maggiore è la differenza percentuale tra lo stipendio iniziale e lo stipendio massimo.

Ulteriori compensi

Nella maggior parte dei paesi, gli insegnanti percepiscono ulteriori compensi per responsabilità e lavoro straordinario, prestazioni eccezionali e insegnamento in circostanze difficili.

Differenze tra i gradi di scuola

Nella maggior parte degli Stati membri, gli insegnanti della scuola primaria (e soprattutto infanzia) guadagnano meno dei docenti delle secondarie.

Insegnanti guadagnano meno degli altri lavoratori con istruzione terziaria

Secondo il rapporto, gli insegnanti spesso guadagnano molto meno la media per i lavoratori con istruzione terziaria. In particolare tra i paesi dell’UE, Repubblica Ceca, Slovacchia, Italia e Ungheria, a tutti i livelli di istruzione guadagnano meno dell’80% di ciò che guadagnano altri lavoratori con istruzione terziaria. Solo a Lussemburgo, Portogallo e Grecia mostrano livelli di stipendio superiori agli altri lavori con istruzione terziaria.

Salari e rendimento studenti

Secondo quanto riferisce il rapporto, esiste una relazione tra i salari e l’apprendimento degli alunni. Infatti Gli stipendi più alti sono associati a impatti positivi sul reclutamento e l’idea di insegnanti meglio qualificati. I livelli degli stipendi degli insegnanti sono correlati positivamente alle performance degli studenti

Tuttavia, gli aumenti modesti degli stipendi degli insegnanti nelle scuole svantaggiate non sembrano essere sufficienti da soli per avere un impatto significativo sull’inclusione.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

In Italia docenti guadagnano meno dell’80% di ciò che guadagnano altri lavoratori con istruzione terziaria. I dati ultima modifica: 2019-10-17T05:38:10+02:00 da Gilda Venezia
Gilda Venezia

Leave a Comment
Share
Pubblicato da
Gilda Venezia

Recent Posts

Decalogo della legalità uguale

dalla Gilda degli Insegnanti della Provincia di Venezia, 21.9.2020. Ecco le effettive facoltà del dirigente anche…

7 ore fa

Galimberti, la ricetta: “Docenti selezionati con test personalità, genitori espulsi da scuola e 12 alunni a classe”

di Marco Barone, Orizzonte Scuola, 21.9.2020. “Bisogna estendere la filosofia a tutte le scuole e inserirla…

10 ore fa

Il sostegno dei disabili in crisi

TuttoscuolaNews, n.963 del 21.9.2020 158 mila alunni in attesa di docente. È crisi profonda per…

11 ore fa

I presidi chiedono di reintrodurre l’obbligo del certificato dopo l’assenza per malattia

Il Sole 24 Ore, 21.9.2020. La legge non prevede attualmente un obbligo di certificazione per rientrare…

12 ore fa

Pensione anticipata, come funziona la quota 100

di Noemi Secci, La legge per tutti, 19.9.2020 Che cos’è la pensione quota 100 e chi…

12 ore fa

Vivalascuola. Che fatica la vita da ministra! E figuriamoci da governati (male)

di Giovanna Lo Presti, Vivalascuola, La poesia e lo spirito, 14.9.2020. Curiamo la scuola. Che dura…

13 ore fa

Questo sito contiene cookie tecnici, analitici e terze parti per la migliore fruizione dei contenuti del sito anche mediante tracciamento delle attività nel sito. Per visualizzare la cookie policy e disabilitare i cookie diversi da quelli tecnici, clicca sul link sotto. Chiudendo questo banner e navigando sulla pagina, acconsenti all'uso dei cookie.

Clicca qui per visualizzare la cookie policy