Le Fake News di Presa Diretta sulla scuola italiana

Roars, 29.10.2020.

 

 

L’ultimo rapporto dell’Ocse Pisa, che valuta i livelli di istruzione degli studenti nel mondo, segnala che gli studenti italiani sono ormai agli ultimi posti per competenze scientifiche e comprensione del testo.” Un incipit allarmante quello del servizio di  Presa Diretta, intitolato Cambiamo la scuola, andato in onda il 28 febbraio 2020. Eppure basta un rapido fact checking per vedere che quella di Presa Diretta è una fake news: nelle competenze scientifiche gli studenti italiani si collocano a metà classifica e un po’ sopra la metà per quanto riguarda la comprensione del testo.

La bufala non è marginale nell’economia della trasmissione. Al telespettatore viene spiegato che la scuola italiana in passato è stata capace di formare il vincitore della medaglia Fields (il Nobel della Matematica) e la ricercatrice che ha isolato il Coronavirus, ma, che, come testimoniano i dati PISA OCSE, non è più all’altezza del suo compito. Il programma prosegue con una specie di catalogo delle meraviglie: neuroscienze, soft skills, flippclassroom (sic) e l’immancabile INVALSI aprono la via a una rivoluzione dell’apprendimento che diventerà meno faticoso e più funzionale a quello che chiedono veramente le imprese. Non può mancare il pellegrinaggio alla mitologica Finlandia per carpire i segreti della suo sistema scolastico, oggetto di una sorta di culto grazie ai risultati conseguiti dagli studenti finlandesi nei test OCSE PISA. Un viaggio che poteva essere molto più breve, se solo i giornalisti di Presa Diretta avessero studiato i risultati italiani. Infatti, in Matematica, gli studenti del Italia del Nord Est e Nord Ovest superano quelli finlandesi.

 

Eppure, nessun giornalista va in pellegrinaggio a Busto Arsizio o a Treviso, intervistando come oracoli i professori e i presidi locali. E nemmeno si domanda se le differenze nei punteggi dipendano dai diversi tessuti socio-economici, piuttosto che da bacchette magiche neuro-soft-skill-psico-pedagogiche. Arrivati al termine del servizio, è difficile sottrarsi all’impressione di aver assistito a un esempio di giornalismo sotto dettatura che rifila al telespettatore il catalogo completo dei luoghi comuni dei “riformatori scolastici”. Un appiattimento talmente acritico da non aver nemmeno controllato cosa diceva veramente il rapporto OCSE. Per evitare infortuni giornalistici, prima di accettare una velina sarebbe meglio farsi qualche domanda sull’affidabilità di chi te la propone.

 

P.S. L’uso dei dati OCSE PISA era doppiamente problematico. Da un lato sono stati citati in modo errato (non è una novità). Dall’altro, la loro affidabilità scientifica è controversa. Secondo David Spiegelhalter, noto e apprezzato Professore di Statistica a Cambridge,  “learning lessons from PISA is as hard as predicting who will win a football match“.

.

.

.

.

.

.

Le Fake News di Presa Diretta sulla scuola italiana ultima modifica: 2020-10-29T20:59:30+01:00 da Gilda Venezia
Gilda Venezia

Leave a Comment
Share
Pubblicato da
Gilda Venezia

Recent Posts

Covid, la bozza delle linee guida Ue per Natale

di F.Q.  Il Fatto Quotidiano, 1.12.2020. “Allungare le vacanze scolastiche per evitare la diffusione dei…

1 ora fa

Ammalarsi costa fatica ed anche denaro

di Antonio Marchetta, Orizzonte Scuola, 1.12.2020. La decurtazione dello stipendio in caso di malattia fino a…

11 ore fa

Ricambio d’aria contro il Covid, le scuole ferme alle finestre aperte

di Carlo Forte,  ItaliaOggi 1.12.2020. Studio multidisciplinare sulla ventilazione. Scarsa ventilazione delle aule e sovraffollamento rischiano…

11 ore fa

Anno di prova e giorni di servizio: cambia qualcosa con il covid?

di Vito Carlo Castellana, InfoDocenti.it, 1.12.2020. Molti docenti neo immessi si chiedono se cambi qualcosa ai tempi…

13 ore fa

Cds: l’emergenza Covid-19 giustifica la stretta sulla scuola

di Carlo Forte,  ItaliaOggi 1.12.2020. Il diritto alla salute prevale sul diritto all'istruzione La suprema magistratura…

14 ore fa

La nuova medicina INVALSI per la scuola in difficoltà: i test a uso locale

di Rossella Latempa, Roars, 30.11.2020. In pieno spirito natalizio, tenendo fede alla parola data durante la…

15 ore fa

Questo sito contiene cookie tecnici, analitici e terze parti per la migliore fruizione dei contenuti del sito anche mediante tracciamento delle attività nel sito. Per visualizzare la cookie policy e disabilitare i cookie diversi da quelli tecnici, clicca sul link sotto. Chiudendo questo banner e navigando sulla pagina, acconsenti all'uso dei cookie.

Clicca qui per visualizzare la cookie policy