Categorie: InsegnantiRiforma

Ma la Homeschool non è una cosa seria

di Cinzia Mion, Pavone Risorse, 1.8.2020

Correva l’anno 2013, al tempo della ministra Carrozza, che aveva appena emanato delle “Linee guida per l’educazione alla sessualità e all’affettività” e ricordo l’alzata di scudi delle forze più oltranziste, per non dire talebane, che si sono subito organizzate per fare un fronte comune…
Si temeva che tale formazione …sdoganasse l’omosessualità! La parola incriminata era “gender” o meglio identità di genere….

Per farla breve schiere di madri “sciamannate” hanno invaso, senz’altro in Veneto –  ma credo anche in altre regioni, anche se non così famose come il Veneto per essere stata la patria della cosiddetta “balena bianca”- dicevo hanno invaso le Presidenze scolastiche per diffidare i Dirigenti dall’organizzare non solo corsi di formazione su queste linee guida ma addirittura corsi contro il bullismo.
Nell’immaginario genitoriale senz’altro era meglio un figlio bullo che a rischio di diventare (anche se per la verità gay si “è” non si diventa) omosessuale.
Sono sorte allora, un po’ come i funghi, le minacce-proposta di farsi la scuola personale-privata-casalinga-genitoriale.

Ci sarebbe da ridere se non fossimo in grado di capire fino in fondo quali sono le pulsioni soggiacenti a simili fantasie.
“Il figlio è mio e lo faccio diventare quello che desidero io”.
Lasciamo perdere la valutazione sulla tipologia di madre ma il bello è che, rispetto all’orientamento sessuale – perché di questo si trattava – non c’è niente, ma proprio niente da fare, perché esso non risponde ai dettati delle madri (o dei padri)!

Naturalmente stessa sceneggiata si ripresenta quando con la legge 107/15, il comma 16 riparla della necessità di educare bambini e bambine “ai principi di pari opportunità, alla parità tra i sessi, e alla prevenzione della violenza di genere e di tutte le discriminazioni…”CAPIRAI….!
L’ASPETTO PIU’ GRAVE invece della  “HOMESCHOOL” secondo me,  è quello che scaturisce dall’inevitabile INDOTTRINAMENTO, sia che sia intenzionale sia che sia automatico e inconsapevole, da parte della famiglia sui propri figli.
Per chiarire meglio cosa intendo dire riporto un piccolo ma significativo capoverso –  del testo degli ex Nuovi programmi  per la scuola elementare , datati 1985 – che recitava a proposito dei rapporti Scuola, Famiglia e Partecipazione : ”La scuola, rispettando le scelte educative della famiglia, costituisce un momento di RIFLESSIONE APERTA, ove si incontrano ESPERIENZE DIVERSE : essa aiuta il fanciullo a superare i PUNTI DI VISTA EGOCENTRICI E SOGGETTIVI, così come ogni  giudizio sommario che PRIVILEGI IN MANIERA ESCLUSIVA  UN PUNTO DI VISTA E UN GRUPPO SOCIALE A SCAPITO D’ALTRI” (il maiuscolo è mio!)

Io credo che queste parole così sagge inquadrino perfettamente il rischio che –  in questi tempi molto più complessi dovuti  alla società multiculturale, multietnica, multireligiosa in cui l’educazione al CONFRONTO deve essere preponderante rispetto a quella connotata solo dal CONSENSO-  la “homeschool” sia veramente pericolosa.
Naturalmente non sono a conoscenza di quante scuole genitoriali  siano state avviate per ragioni del primo tipo oppure per ragioni strettamente ideologiche del secondo tipo.
Desidero però aggiungere che in entrambi i casi non sono stati rispettati i cosiddetti PERMESSI di cui parla Eric Berne, il fondatore dell’Analisi Transazionale.  Berne infatti pone come presupposto di una sana educazione l’emissione in primis da parte dei genitori –  e degli educatori poi, compresi i docenti – di alcuni fondamentali PERMESSI, che vengono attivati il più delle volte attraverso il linguaggio del corpo e spesso non sono nemmeno intenzionali ma fanno parte dell’atteggiamento CORRETTO di porsi di un buon educatore.

Si tratta del permesso DI ESSERE SE STESSI e del permesso di PENSARE (con la propria testa). Sembrano atteggiamenti scontati ma scontati non sono se i genitori stessi , che si presume vogliano il bene per i loro figli , li sconfessano così platealmente, considerando i figli come i loro prolungamenti.

Altri contributi

.

.

.

.

.

.

.

.

.

Ma la Homeschool non è una cosa seria ultima modifica: 2020-08-02T04:55:00+02:00 da Gilda Venezia
Gilda Venezia

Leave a Comment
Share
Pubblicato da
Gilda Venezia

Recent Posts

Didattica online, caso politico La bozza sulla Dad firmata solo da due sigle su sei

di Marco Nobilio,  ItaliaOggi 27.10.2020. La bozza sulla Dad firmata solo da due sigle su sei.…

2 ore fa

Dad, prestazione e durata dubbie

di Marco Nobilio,  ItaliaOggi 27.10.2020. I docenti delle scuole chiuse dovranno lavorare da casa, ma non…

2 ore fa

Contagi, i conti non tornano. Impennata di casi negli ultimi 7 giorni

di Emanuela Micucci,  ItaliaOggi 27.10.2020. Azzolina rassicura, ma i dati regionali sono diversi. «I dati ci…

3 ore fa

I docenti in quarantena dovranno insegnare

di Claudio Tucci, Il Sole 24 Ore, 27.10.2020. I docenti in isolamento o in quarantena (oggi ridotta…

4 ore fa

DID, Gilda non firma il contratto e chiede un tavolo politico

dalla Gilda degli insegnanti, 23.10.2020. Il contratto sulla didattica digitale integrata non ci trova d’accordo…

5 ore fa

Questo sito contiene cookie tecnici, analitici e terze parti per la migliore fruizione dei contenuti del sito anche mediante tracciamento delle attività nel sito. Per visualizzare la cookie policy e disabilitare i cookie diversi da quelli tecnici, clicca sul link sotto. Chiudendo questo banner e navigando sulla pagina, acconsenti all'uso dei cookie.

Clicca qui per visualizzare la cookie policy