Categorie: Insegnanti

Rinnovo contratto scuola, per la Gilda i 50 euro netti sono un’elemosina

di Lucio Ficara,  La Tecnica della scuola, 22.1.2021.

Sulla questione del prossimo rinnovo contrattuale 2019-2021 della scuola abbiamo ascoltato la sindacalista della Gilda Insegnanti Maria Domenica Di Patre. La sindacalista della Gilda Nazionale ci ha fatto il quadro della situazione e in particolare si è soffermata sulle scarse risorse economiche per il rinnovo del contratto scuola.

Ministra vuole indirizzare i pochi soldi nel FIS

Alla nostra domanda su come giudica l’atto di indirizzo sul rinnovo del CCNL 2019-2021 inviato dalla Ministra Lucia Azzolina all’ARAN, la prof.ssa Di Patre della Gilda insegnanti ha cosi risposto: “Per la Scuola non ci sono mai soldi, più o meno sarebbero circa 50 euro netti , la solita elemosina!
La cosa però ancor più grave è che l’Azzolina nel suo atto d’indirizzo li vuole destinare tutti al FIS per premiare i migliori Docenti, naturalmente dello Staff del Dirigente, cioè zero euro in tasca ai Docenti!
Mi viene in mente di fare una domanda: si sta già preparando a tornare a casa a fare la Dirigente Scolastica?”

Separare contratto docenti da quello Ata

Tra le proposte principali della Gilda degli insegnanti per il rinnovo del contratto scuola, c’è, ricorda la Di Patre, la separzione del contratto scuola in due parti, quella riguardante i docenti e quella riguardante il personale Ata. Per la Gilda il profilo professionale docente deve essere trattato a parte, sia dal punto di vista economico che da quello della normativa.

Un’altra importante conquista, conclude la sindacalista nuorese, sarebbe quella di uniformare la normativa dei docenti precari a quella dei colleghi che hanno un contratto a tempo indeterminato.

Le ultime interlocuzioni con il MI

Abbiamo chiesto alla Di Patre se hanno ricevuto qualche convocazione dall’ARAN per avviare la partita del rinnovo del CCNL scuola 2019-2021, ci ha risposto che, anche se l’ARAN ha ricevuto l’atto di indirizzo da parte della Ministra Azzolina, ancora non ha formalizzato nessuna convocazione ai sindacati. Per adesso, ha aggiunto la sindacalista della Gilda, siamo impegnati negli incontri con il Ministero per le linee guida del PEI, che diventeranno nazionali e per ordine di scuola e stiamo ragionando sul CCNI che andrebbe a impegnare le somme economiche, poco più di 13 milioni di euro, avanzate dalla modifica degli esami di Stato 2019-2020.

.

.

.

.

.

.

.

 

 

Rinnovo contratto scuola, per la Gilda i 50 euro netti sono un’elemosina ultima modifica: 2021-01-23T05:21:23+01:00 da Gilda Venezia
Gilda Venezia

Leave a Comment
Share
Pubblicato da
Gilda Venezia

Recent Posts

Si può accettare una supplenza anche se si è in quarantena, si è positivi al covid o semplicemente in malattia?

di Guido Ferrari, InfoDocenti.it, 7.3.2021. In questi giorni spesso si verifica che il docente convocato per una…

2 ore fa

Scuola in presenza per i figli dei “lavoratori indispensabili”? Interviene Bianchi

OggiScuola, 7.3.2021. A far luce ci ha pensato una nota dell'Ufficio scolastico regionale per la…

2 ore fa

“Mio figlio non sa scrivere? Userà il telefono”

di Riccardo Prando, il Sussidiario, 7.3.2021. Per il secondo anno consecutivo l’esame finale, quello di…

3 ore fa

Perplessità per la nota che consente la presenza di figli di chi svolge lavori essenziali

Tuttoscuola,  6.3.2021. Il Dpcm 2 marzo 2021 ha emanato “Misure urgenti per fronteggiare l’emergenza epidemiologica…

5 ore fa

Scuole chiuse: mio figlio dove lo lascio?

di Francesca Barbieri e Serena Uccello, Il Sole 24 Ore, 6.3.2021. Ecco chi può fare lezione in…

5 ore fa

Alunni disabili e figli di key workers: in presenza anche in arancione scuro

di Sabina Pignataro, Vita, 4.3.2021. Il Ministero ha emanato oggi una nota per specificare che anche…

5 ore fa

Questo sito contiene cookie tecnici, analitici e terze parti per la migliore fruizione dei contenuti del sito anche mediante tracciamento delle attività nel sito. Per visualizzare la cookie policy e disabilitare i cookie diversi da quelli tecnici, clicca sul link sotto. Chiudendo questo banner e navigando sulla pagina, acconsenti all'uso dei cookie.

Clicca qui per visualizzare la cookie policy