Pensioni, a settembre via oltre 30 mila docenti, 8.860 Ata e 363 dirigenti scolastici

di Alessandro Giuliani, La Tecnica della scuola, 19.6.2020.

Rimpiazzarli sarà difficile

Prende dimensioni sempre maggiori il numero di cattedre prive del docente titolare: alle oltre 100 mila già esistenti se ne aggiungono ora altre 29.900. L’ultima tranche di posti liberi dalla titolarità arriva dai pensionamenti che scatteranno il prossimo 1° settembre: il numero è stato ufficializzato dall’Inps, con un comunicato ufficiale del 19 giugno. In realtà si tratta di un numero che sfora i 30 mila pensionamenti, perché vanno aggiunti 446 insegnanti di religione e 99 educatori, che sono da equiparare ai docenti.

Gli altri che vanno in pensione

A lasciare il servizio saranno anche 8.860 assistenti amministrativi, tecnici e collaboratori scolastico e 363 dirigenti scolastici.

Per il personale Ata, stando anche al numero di assunzioni degli ultimi anni, si prevede un numero di immissioni in ruolo non molto superiore ai pensionamenti. Quindi si manterranno le attuali supplenze, superiori alle 10 mila unità.

Per i capi d’istituto, invece, scalpitano i vincitori dell’ultimo concorso, ma per una serie di motivi non tutti i posti che si andranno a liberare verranno coperti dal turn over.

Quanti docenti nuovi?

Per tutti i profili professionali, sempre in base a quanto dichiarato dell’Inps, c’è ancora da “lavorare” un ulteriore 3% di pratiche, che potrebbe innalzare il numero di pensionamenti di un ulteriore migliaio di lavoratori della scuola.

La domanda da porre, ora, è la seguente: ci sono i docenti precari per sopperire al numero di cattedre giù libere o che si apprestano a liberarsi? Sicuramente no. Perché i concorsi, anche quello straordinario della secondaria, sono slittati. E nelle graduatorie esistenti permangono solo poche decine di migliaia di candidati abilitati (nelle GaE) o vincitori delle precedenti procedure selettive (nelle cosiddette graduatorie di merito).

E allora? Al ministero di Viale Trastevere confidano nelle “call veloci”, volute dal Governo proprio per dare possibilità ai precari in odore di ruolo di spostarsi in province dove si dispensano più posti.

Poi, per i (tanti) posti che avanzeranno, al MI sperano nelle graduatorie d’Istituto trasformate in provinciali: una opportunità, davvero provvidenziale, giunta per volontà della maggioranza, in particolare del M5S, nella versione finale del Decreto Scuola dopo che inizialmente era stato spostato l’aggiornamento al 2021.

Al ministero si lavora

Al ministero dell’Istruzione stanno lavorando alacremente, assieme agli Uffici scolastici regionali, per digitalizzare le procedure e permettere anche di velocizzare i tempi di assegnazione delle supplenze.

Rimane il fatto dell’eccesso di posti da coprire: un numero così alto, oltre 100 mila, che non potrà non creare problemi alla ripartenza della scuola “vera” e ai dirigenti scolastici, che soprattutto alle superiori potrebbero essere costretti a ricorrere anche quest’anno a scegliere i candidati, soprattutto di classi di concorso particolari atipiche, utilizzando le Mad ed in certi casi addirittura i social media.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

 

 

Pensioni, a settembre via oltre 30 mila docenti, 8.860 Ata e 363 dirigenti scolastici ultima modifica: 2020-06-20T05:36:52+02:00 da Gilda Venezia
Gilda Venezia

Leave a Comment
Share
Pubblicato da
Gilda Venezia

Recent Posts

Covid, la bozza delle linee guida Ue per Natale

di F.Q.  Il Fatto Quotidiano, 1.12.2020. “Allungare le vacanze scolastiche per evitare la diffusione dei…

30 minuti fa

Ammalarsi costa fatica ed anche denaro

di Antonio Marchetta, Orizzonte Scuola, 1.12.2020. La decurtazione dello stipendio in caso di malattia fino a…

10 ore fa

Ricambio d’aria contro il Covid, le scuole ferme alle finestre aperte

di Carlo Forte,  ItaliaOggi 1.12.2020. Studio multidisciplinare sulla ventilazione. Scarsa ventilazione delle aule e sovraffollamento rischiano…

10 ore fa

Anno di prova e giorni di servizio: cambia qualcosa con il covid?

di Vito Carlo Castellana, InfoDocenti.it, 1.12.2020. Molti docenti neo immessi si chiedono se cambi qualcosa ai tempi…

12 ore fa

Cds: l’emergenza Covid-19 giustifica la stretta sulla scuola

di Carlo Forte,  ItaliaOggi 1.12.2020. Il diritto alla salute prevale sul diritto all'istruzione La suprema magistratura…

13 ore fa

La nuova medicina INVALSI per la scuola in difficoltà: i test a uso locale

di Rossella Latempa, Roars, 30.11.2020. In pieno spirito natalizio, tenendo fede alla parola data durante la…

15 ore fa

Questo sito contiene cookie tecnici, analitici e terze parti per la migliore fruizione dei contenuti del sito anche mediante tracciamento delle attività nel sito. Per visualizzare la cookie policy e disabilitare i cookie diversi da quelli tecnici, clicca sul link sotto. Chiudendo questo banner e navigando sulla pagina, acconsenti all'uso dei cookie.

Clicca qui per visualizzare la cookie policy