Collegio docenti di Istituti Comprensivi, l’organo è unico e non è divisibile

di Lucio Ficara,  La Tecnica della scuola, 30.12.2019

– Rispondiamo ad una interessante domanda di una docente della scuola secondaria di I grado di un Istituto comprensivo che oltre la scuola secondaria ha anche la sezione della scuola primaria. In buona sostanza la docente chiede se, riguardo temi come la valutazione degli alunni, la delibera dei dipartimenti della secondaria di I grado può decidere in autonomia dal Collegio dove la maggioranza è appartenente alla primaria.

Domanda della docente di scuola secondaria

Premetto che insegno nella scuola media di in un istituto comprensivo statale. Tempo addietro il dipartimento della scuola media si è riunito per deliberare aspetti inerenti la valutazione degli alunni appartenenti a tale ordine. I docenti del dipartimento si sono espressi a favore di modificazioni con maggioranza assoluta. Più tardi, in sede di collegio composto dalla maggioranza da insegnanti della scuola primaria, la delibera del dipartimento, è stata non accolta per votazione contraria da parte dei componenti della scuola primaria che in queste condizioni decidono, oramai, sul bello e cattivo tempo in quanto possiedono la maggioranza assoluta. Premesso ciò gradirei sapere, quando possibile, se tale procedimento risulta regolare e se ciò, nelle more, non violi la libertà di insegnamento che appartiene ad ogni docente.

Dipartimento non è organo collegiale deliberante

Il dipartimento di una classe di concorso o di un’area interdisciplinare di una scuola secondaria di I o II grado, non è un organo collegiale riconosciuto dalla legislazione scolastica, ma è soltanto un’articolazione del Collegio docenti. Proprio il Collegio docenti decide, per rendere il lavoro di programmazione più semplice, di disarticolarsi in più dipartimenti e lo deve fare con un voto di maggioranza. Un dipartimento non ha potere deliberante, ma può solamente programmare e proporre pareri al Collegio dei docenti, che resta il vero organo deliberante in materia di valutazione.

Negli Istituti comprensivi dove sono raggruppate scuole secondarie di I grado, scuole primarie e dell’infanzia, il collegio dei docenti è un organo unico che mette insieme tutti i docenti dei vari ordini in un’unica adunanza. Sarà il Collegio docenti nella sua interezza a deliberare sui compiti riconosciuti dalla legge.

Il collegio dei docenti, ai sensi dell’art.7, comma 2 lettera a), del d.lgs. 297/94, ha potere deliberante in materia di funzionamento didattico del circolo o dell’istituto. In particolare cura la programmazione dell’azione educativa anche al fine di adeguare, nell’ambito degli ordinamenti della scuola stabiliti dallo Stato, i programmi di insegnamento alle specifiche esigenze ambientali e di favorire il coordinamento interdisciplinare. Esso esercita tale potere nel rispetto della libertà di insegnamento garantita a ciascun docente. Quindi per quanto suddetto, appare ovvio che debba essere il Collegio dei docenti, attraverso le sue articolazioni dipartimentali, a stabilire i criteri e le griglie di valutazione da inserire nelle programmazioni individuali dei singoli docenti. Per cui i criteri e le modalità di valutazione degli apprendimenti vengono elaborati dai dipartimenti, deliberati dal Collegio docenti e inseriti nel PTOF. A sua volta il PTOF verrà deliberato dal Consiglio di Istituto e il tutto verrà reso pubblico agli studenti e alle famiglie che dovrebbero firmare anche il patto di corresponsabilità con la scuola.

È utile dire che se il Collegio docenti, nella sua interezza ovvero con docenti della primaria e della secondaria, boccia i criteri di valutazione proposti dal dipartimento e ne adotta altri questo fa parte della democrazia collegiale stabilita dal Testo Unico come precedentemente spiegato.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

 

Collegio docenti di Istituti Comprensivi, l’organo è unico e non è divisibile ultima modifica: 2019-12-30T21:12:04+01:00 da Gilda Venezia
Gilda Venezia

Leave a Comment
Share
Pubblicato da
Gilda Venezia

Recent Posts

Azzolina: a scuola si tornerà con gradualità ma non di domenica

di Alessandro Giuliani,  La Tecnica della scuola, 29.11.2020. Stiamo decidendo come fare. Dopo le polemiche del…

20 minuti fa

La ministra Azzolina? Facendo un excursus dell’ultimo ventennio non ha fatto così male

di Pasquale Almirante,  La Tecnica della scuola, 29.11.2020. Mentre da tempo le opposizioni ne chiedono le…

33 minuti fa

Valutazione nella primaria: i voti spariscono del tutto, sia nelle pagelle, sia nella pratica didattica

di Reginaldo Palermo,  La Tecnica della scuola, 29.11.2020. La notizia della imminente pubblicazione della ordinanza ministeriale…

44 minuti fa

Prove scritte concorso straordinario: perché non si possono ricalendarizzare anche quelle per il TFA sostegno?

di Rocco Mannetta, Scuola in Forma, 29.11.2020. Si sta procedendo a fare un nuovo calendario…

8 ore fa

Scuola, la mappa dei rientri regione per regione

di Alex Corlazzoli, Il Fatto Quotidiano,  29.11.2020. L’incognita del ritorno in presenza dopo Natale. Nonostante le…

8 ore fa

Lavoratori fragili, come fare per essere riconosciuti tali?

di Guido Ferrari, InfoDocenti.it, 29.11.2020. Vengono cosiderati “Lavoratori Fragili” coloro che sono maggiormente esposti a rischio contagio,…

18 ore fa

Questo sito contiene cookie tecnici, analitici e terze parti per la migliore fruizione dei contenuti del sito anche mediante tracciamento delle attività nel sito. Per visualizzare la cookie policy e disabilitare i cookie diversi da quelli tecnici, clicca sul link sotto. Chiudendo questo banner e navigando sulla pagina, acconsenti all'uso dei cookie.

Clicca qui per visualizzare la cookie policy