Coronavirus, proporzionalità e adeguatezza per le misure regionali e locali

di Anna Maria Bellesia, La Tecnica della scuola, 26.2.2020

– Il caos sorto sulla questione scuole-aperte/scuole-chiuse nelle varie regioni per l’emergenza coronavirus sta mettendo in luce un aspetto che può essere molto pericoloso. Basta guardare cosa è successo nelle Marche con un’ordinanza di chiusura più volte annunciata, ritirata, riproposta e infine, pare, impugnata dallo Stato. Un tira e molla che lascia i cittadini sbigottiti.

Combattere il virus e, al tempo stesso, combattere il panico dovrebbe essere la bussola per chi è deputato a prendere decisioni ai vari livelli. Magari anche posticipare le beghe politiche sarebbe un bene in questo momento.

A chi fanno capo le competenze in materia di sanità e salute?

  • La materia sanità e tutela della salute è oggetto di legislazione concorrente tra Stato e Regioni, secondo il titolo V della Costituzione. “Concorrenza” che dal 2001, quando è entrata in vigore la riforma, ha provocato numerosi conflitti di attribuzione.
  • In generale, lo stato ha funzione d’indirizzo per garantire un certo livello di uniformità a garanzia di tutti i cittadini, mentre la gestione e organizzazione dei servizi è di competenza regionale. Sono tuttavia previste forme di concertazione secondo il principio della “leale collaborazione istituzionale” e la definizione di accordi in sede di Conferenza Stato-Regioni.
  • Il Ministro della sanità può emettere ordinanze di carattere contingibile e urgente, in materia di igiene, sanità pubblica e polizia veterinaria, con efficacia estesa all’intero territorio nazionale o a parte di esso comprendente più regioni, come appunto accaduto per fronteggiare l’emergenza sanitaria del coronavirus.
  • Anche i sindaci hanno dei poteri in materia d’igiene, sanità, pubblica incolumità. Possono emanare ordinanze contingibili e urgenti in caso di situazioni straordinarie e inaspettate (esempio scuole chiuse per fenomeni gravi di maltempo).

Quali sono i principi cui attenersi in caso di provvedimenti per contrastare l’epidemia?

Visto che i soggetti con competenza a intervenire sono diversi a più livelli, bisogna attenersi ad alcuni principi guida, che sono stati più volte ripetuti sia dal governo sia dalla maggior parte dei presidenti di regione.

  • Coordinamento centrale

Nel caso come quello attuale di una preoccupante epidemia da coronavirus, è fondamentale prendere le decisioni opportune per contrastare l’infettività del virus mantenendo un buon coordinamento centrale per evitare provvedimenti presi anarchicamente a livello locale, che potrebbero disorientare la popolazione e diffondere panico, con conseguenze ancora peggiori. Il 25 febbraio scorso c’è stata appunto la riunione tra Governo e Regioni presso la sede operativa della Protezione civile per definire una linea comune. Dopo aver superato qualche attrito in merito alle rispettive competenze che non sono in discussione, il presidente del consiglio Conte ha ribadito che “Nessuno deve andare in ordine sparso” evitando misure prese autonomamente e non giustificate. Nel caso del coronavirus, occorre anche un valido coordinamento internazionale col supporto e il sostegno dell’Oms.

  • Proporzionalità e adeguatezza

Il presidente del consiglio continua a parlare di un “Protocollo unico per tutte le regioni” che preveda quali sono le misure da prendere sulla base dei principi di proporzionalità e adeguatezza, valutando le situazioni non solo regione per regione, ma provincia per provincia. Quindi, anche in una stessa regione potrebbero esserci misure diverse secondo le aree e l’evoluzione del quadro epidemiologico.

  • Tempestività e temporaneità

Finora i provvedimenti emanati dal ministro della salute, d’intesa con i presidenti delle regioni interessate al contagio, indicano delle date ben precise. Al di fuori delle zone cluster, soggette a divieti specifici, i provvedimenti restrittivi delle attività di aggregazione e la chiusura delle scuole sono fissati finora al 1 marzo 2020. Ma tutto potrà essere soggetto a modifiche a seguito del variare dello scenario epidemiologico e in considerazione anche di non danneggiare troppo le attività economiche.


IL TESTO DEL DECRETO ATTUATIVO

Dai viaggi di istruzione, alla didattica a distanza nelle scuole dove le attività sono sospese per l’emergenza sanitaria. È stato firmato ieri sera il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri con ulteriori misure di contenimento dell’epidemia, comprese quelle per il mondo della scuola.

In particolare, per effetto del provvedimento, sono sospesi fino al 15 marzo 2020 i viaggi d’istruzione, le iniziative di scambio o gemellaggio, le visite guidate e le uscite didattiche programmate dalle istituzioni scolastiche. È possibile esercitare il diritto di recesso come previsto dal codice del turismo. Fino al prossimo 15 marzo la riammissione nelle scuole di ogni ordine e grado per assenze dovute a malattia di durata superiore a cinque giorni avverrà solo dietro presentazione di certificato medico.

I dirigenti scolastici delle scuole in cui l’attività didattica è stata sospesa per l’emergenza sanitaria possono attivare, di concerto con gli organi collegiali competenti e per la durata della sospensione, modalità di didattica a distanza, ponendo particolare attenzione alle specifiche esigenze degli studenti con disabilità.

Il Ministero dell’Istruzione è al lavoro, attraverso la propria task force, per supportare le scuole per la didattica a distanza. Si partirà dalle numerose buone pratiche già messe in campo dalle scuole. E si lavorerà anche con realtà pubbliche e private che collaborano da tempo con il dicastero e che metteranno a disposizione contenuti e supporti digitali.

Leggi anche

  • Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 23/02/2020 Disposizioni attuative del decreto-legge 23 febbraio 2020, n. 6, recante misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19.
  • Decreto-Legge del Presidente del Consiglio dei Ministri del 20/02/2020 Misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19

Normativa emergenza Coronavirus

Ministero della Salute – normativa Coronavirus
Regione Veneto – normativa Coronavirus
Regione Lombardia – normativa Coronavirus
Regione Friuli Venezia Giulia – normativa Coronavirus
Regione Emilia-Romagna – normativa Coronavirus
Regione Piemonte – normativa Coronavirus
Provincia Autonoma di Trento
Regione Toscana – normativa Coronavirs
Regione Liguria – normativa Coronavirus

 

La mappa dell’ateneo di Baltimora (clicca qui)

CORONAVIRUS – TUTTI GLI AGGIORNAMENTI

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

 

Coronavirus, proporzionalità e adeguatezza per le misure regionali e locali ultima modifica: 2020-02-26T23:26:34+01:00 da Gilda Venezia
Gilda Venezia

Share
Pubblicato da
Gilda Venezia

Recent Posts

Mobilità 2020, ecco come delegare un collega per compilare la domanda

di Lucio Ficara, La Tecnica della scuola, 30.3.2020 - La ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina ha precisato,…

31 minuti fa

L’assalto ai forni e la resa dell’istruzione

  di Alessandro Giuliani, La Tecnica della scuola, 30.3.2020 - L’assalto ai forni dei secoli passati,…

42 minuti fa

Il cigno nero che cambierà la scuola italiana

TuttoscuolaNews, n. 943 del 30.3.2020 - Il coronavirus è certamente un cigno nero, un evento…

7 ore fa

Mobilità 2020, docenti possono chiedere diversi tipi di movimenti

Orizzonte Scuola, 30.3.2020 - Quante domande si possono presentare? Qual è il loro ordine di…

9 ore fa

Esami di terza media, cosa accadrà? Tutte le ipotesi

di Katia Russo, NotizieOra, 29.3.2020 - Come verranno organizzati gli esami di terza media? Potranno…

12 ore fa

TFA Sostegno IV ciclo esami finali online

di Concetta P.  Professionisti Scuola Network, 29.3.2020 - Possibile ulteriore slittamento TFA sostegno V ciclo…

12 ore fa

Questo sito contiene cookie tecnici, analitici e terze parti per la migliore fruizione dei contenuti del sito anche mediante tracciamento delle attività nel sito. Per visualizzare la cookie policy e disabilitare i cookie diversi da quelli tecnici, clicca sul link sotto. Chiudendo questo banner e navigando sulla pagina, acconsenti all'uso dei cookie.

Clicca qui per visualizzare la cookie policy