Categorie: Senza categoria

Scuole sicure? Molti dubbi, hanno fatto bene alcune Regioni a prendere decisioni autonome

dal blog di Gianfranco Scialpi, 17.11.2020.

Scuole sicure? Si, no, forse! Continua l’incertezza sui dati che non sono sufficienti a definire la situazione. Hanno fatto bene alcune Regioni a muoversi autonomamente. E’ in gioco il diritto più importante: la salute (art. 32 Costituzione).

Scuole sicure? La Ministra sostiene la tesi favorevole, ma…

Scuole sicure? La Ministra Azzolina continua a rispondere in modo affermativo. Non si sa su quali dati, però. Lei continua a basarsi sulla percentuale dei focolai. Alcuni quotidiani nella versione online (“La Repubblica”, “La Sicilia”, “Avvenire”) e testate specializzate (“OrizzonteScuola”, “Tecnicadellascuola”, “Tuttoscuola”) riportano la dichiarazione della Ministra. Questa risulta poco chiara, come ha affermato  E. Bucci, che con A. Viola (immunologa) e G. Poli  ha realizzato uno studio interessante sui contagi a scuola. Secondo Il Prof. Bucci (9:18) i focolai non ci forniscono il numero esatto dei contagiati: “I focolai potrebbero essere uno, sedici. venti, quante classi sono comprese o coinvolte…”
Del resto continua Bucci  non abbiamo un numero sufficiente di dati  disaggregati (separati per scuola e contesto) che ci forniscano certezze sui contagi a scuola. “La debolezza del nostro studio è in questa carenza“, conclude E.Bucci.

La giusta decisione di alcune Regioni

Quindi se questa è la situazione di poca chiarezza sul contributo della scuola nell’aumento dei  contagi, allora hanno fatto bene alcune Regioni a chiuderle o a prendere decisioni più sfumate. E’ in gioco il diritto costituzionale (art.32)  più importante per una persona: la salute!
Nello specifico, la Basilicata e la Campania, hanno chiuso tutte le scuole di ogni ordine e grado fino al 22 novembre. Più sfumata la decisione della Provincia autonoma di Bolzano: chiusura delle scuole, tranne per gli alunni (infanzia e primaria) che hanno genitori che lavorano nei servizi essenziali. Più morbida la decisione dell’Umbria (didattica a distanza per le scuole medie). Dai contorni vagamente pilateschi la decisione della Puglia, che dopo la sentenza del Tar, ha lasciato ogni decisione alle famiglie. Conclude l’elenco l’Emilia Romagna e il Veneto che hanno deciso di mantenere le scuole aperte, ma alleggerite della presenza dell’educazione motoria e musicale.

.

.

.

.

.

.

.

.

 

Scuole sicure? Molti dubbi, hanno fatto bene alcune Regioni a prendere decisioni autonome ultima modifica: 2020-11-18T06:15:42+01:00 da Gilda Venezia
Gilda Venezia

Leave a Comment
Share
Pubblicato da
Gilda Venezia

Recent Posts

Nuovo Dpcm Draghi, cosa accadrà nelle scuole zona arancione?

di Carla Virzì,  La Tecnica della scuola, 2.3.2021. Il nuovo Dpcm, il primo del Governo…

51 minuti fa

Lavoratori fragili, proroga al 30 aprile 2021 sorveglianza sanitaria eccezionale

Orizzonte Scuola, 2.3.2021. Nota Inail – Sono state prorogate fino alla data di cessazione dello…

4 ore fa

Mancano docenti di sostegno/1: migliaia di posti restano non assegnati

Tuttoscuola,  2.3.2021. Questa stagione concorsuale che sta procedendo faticosamente a causa della pandemia e che,…

5 ore fa

Stipendio, importo di Marzo 2021 già visibile su NoiPA: ecco come visualizzarlo

di Giuseppe de Tullio, InfoDocenti.it, 2.3.2021. Lo stipendio di marzo 2021 è già visibile su NoiPA, nella…

8 ore fa

Il vincolo dei 5 anni è a rischio

di Carlo Forte, ItaliaOggi  2.3.2021 Nei prossimi giorni la proposta ai sindacati, che poi dovrà essere…

11 ore fa

Covid, scuole osservate speciali

di Alessandra Ricciardi, ItaliaOggi  2.3.2021 Oggi il dpcm sulle misure. Salgono i contagi nella fascia 13-19.…

11 ore fa

Questo sito contiene cookie tecnici, analitici e terze parti per la migliore fruizione dei contenuti del sito anche mediante tracciamento delle attività nel sito. Per visualizzare la cookie policy e disabilitare i cookie diversi da quelli tecnici, clicca sul link sotto. Chiudendo questo banner e navigando sulla pagina, acconsenti all'uso dei cookie.

Clicca qui per visualizzare la cookie policy