Bulli a scuola, sospesa intera classe: faranno volontariato in un ospizio

gazzettino_logo_testata

di Mauro Favaro, Il Gazzettino 12.4.2015

TREVISO – Sfidavano i professori con atteggiamenti da bulli, li prendevano in giro e ultimamente erano arrivati addirittura a schernirne uno facendo il verso di alcuni animali. Sono questi i comportamenti decisamente sopra le righe che hanno spinto il Cerletti di Conegliano a sospendere per una settimana un’intera classe del percorso professionale. La punizione, però, non prevede che i ragazzi restino a casa beccandosi un votaccio in condotta.

Niente note o rapporti: la scuola enologica ha pensato che fosse molto più utile spedirli a fare lavori socialmente utili all’interno della Casa di riposo Fenzi, sempre a Conegliano.

Visto il comportamento irrispettoso e a tratti umiliante tenuto nei confronti degli insegnanti, il 6 in condotta non glielo toglierebbe nessuno. E questo a giugno prefigura una sola conclusione: la bocciatura. Ma il consiglio dei docenti ha scelto di dare loro un’altra possibilità. Stavolta non tra i banchi della scuola, ma nella Casa di riposo della città. Qui, se si comporteranno bene assistendo gli anziani e seguendo le indicazioni del personale, potranno recuperare un paio di voti fino a risalire all’8 in condotta. Minimo sindacale per chiunque voglia puntare alla promozione.

Piuttosto che affibbiare una punizione fine a se stessa, hanno pensato al Cerletti, meglio attivare un percorso educativo. Una scelta decisamente rara. E soprattutto non prevista. Tanto che per procedere, la scuola ha dovuto chiedere il consenso ai genitori. Ma nessuno ha sollevato problemi. Anzi. A differenza di quanto è accaduto in altri istituti, le famiglie si sono subito dette d’accordo con la punizione dal risvolto educativo. Così da domani e per tutta la prossima settimana i ragazzi, divisi in gruppi di quattro, andranno ogni giorno a prestare servizio nella struttura di viale Spellanzon.

Accompagnati dagli operatori della Fenzi, assisteranno gli anziani facendo loro compagnia e impegnandosi se necessario nelle pulizie o in altre piccole mansioni. Non è la prima volta che il Cerletti decide punizioni educative. Due anni fa una quarta era stata mandata a lavorare per una settimana nell’azienda agraria dell’istituto. Qual era stata all’epoca la colpa dei ragazzi? Aver organizzato nello spogliatoio un Harlem shake, un ballo di gruppo, registrandolo con un telefonino e caricando poi il video su YouTube, in barba all’insegnante che li stava aspettando in palestra. Mai si era arrivati a spedire una classe in blocco in casa di riposo. A quanto pare, però, i lavori socialmente utili funzionano molto meglio delle sospensioni.

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl