Concorso, più trasparenza su criteri valutazione e commissioni

Gilda_logo-zeroB

dall’ufficio stampa della Gilda degli insegnanti,   28.4.2016

  Di Meglio: semplice spot elettorale le dichiarazioni del ministro Giannini

domanda-Trasparenza2

“Sul concorso partito oggi con le prime prove scritte gravano la mancata comunicazione ai candidati delle griglie di valutazione, in base alle quali saranno valutati i loro elaborati, e l´incognita dei commissari su cui, al momento, si sa soltanto che nei prossimi giorni il Governo depositerà un emendamento per aumentarne i compensi. Le migliaia di partecipanti meriterebbero maggiore trasparenza e organizzazione”.

E´ quanto dichiara Rino Di Meglio, coordinatore nazionale della Gilda degli Insegnanti.

“Al ministro Giannini, secondo la quale questo è un concorso ´storico, il più grande della scuola italiana´, ricordiamo che i 63.712 insegnanti che entreranno in ruolo non rappresentano nuove assunzioni, ma semplicemente la copertura del turnover per sostituire i docenti che andranno in pensione. Non c´è, dunque, alcun nuovo investimento.

Ed è uno spot elettorale – conclude Di Meglio – affermare che ´dopo tanti anni si torna alla Costituzione´, visto che l´ultimo concorso si è svolto nel 2012″.

Roma, 28 aprile 2016
Ufficio stampa Gilda degli Insegnanti

Concorso, più trasparenza su criteri valutazione e commissioni ultima modifica: 2016-04-28T20:07:50+00:00 da Gilda Venezia

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl