Maturità 2021: date, novità, prove, commissioni e come si calcola il voto

di Laura Pellegrini, Money.it, 21.1.2021.

Tutto quello che occorre sapere sulla Maturità 2021: data di inizio, modalità di svolgimento dell’esame scritto e orale, commissioni, voto. Ecco le novità.

Gilda Venezia

Come sarà la Maturità 2021? Dalle date alle informazioni sull’esame scritto e orale, dalle commissioni al voto, ecco tutto quello che c’è da sapere.

Un emendamento alla Legge di Bilancio 2021 riporta le seguenti dichiarazioni: “Si affida al ministero dell’Istruzione la possibilità di adottare specifiche misure per la valutazione degli apprendimenti e lo svolgimento dei medesimi esami, tra le quali quelle che sono state previste per l’Anno scolastico 2019-2020“.

Ciò significa che spetterà alla ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina predisporre le modalità di svolgimento della Maturità 2021, senza dover sottoporre le sue proposte alla discussione del Parlamento. Tutto questo per evitare i ritardi registrati lo scorso anno.

Inoltre, grazie all’emendamento presentato da Alessandra Carbonaro (di M5S), sono stati stanziati 30 milioni di euro per gli Esami di Stato 2021, che potrebbero addirittura seguire la linea «light» prevista per il 2020.

Vediamo, quindi, come potrebbero essere gli Esami di Maturità 2021, quali sono le date fissate, come si svolgeranno le prove e come si calcola il voto.

GUIDA ALLA MATURITÀ 2021

  • Novità per la Maturità 2021
  • Date Maturità 2021
  • Esame scritto
    • Prima prova
    • Seconda prova
  • Esame orale
  • Calcolo del voto
  • Alternanza scuola-lavoro e le Prove Invalsi
  • Commissioni Maturità 2021
  • Il parere degli studenti

Maturità 2021: le novità in arrivo

Dopo l’approvazione di un nuovo emendamento alla Legge di Bilancio per il 2021 è stata disposta una possibile modifica dell’Esame di Maturità 2021. Infatti, se la didattica a distanza proseguirà anche nei prossimi mesi, la ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina potrebbe adottare le modalità di svolgimento degli esami già introdotte lo scorso anno.

Anche per quest’anno, quindi, si potrebbe parlare di un unico “maxi orale”(proposta accolta all’interno della maggioranza), senza la previsione di introdurre le prove in forma scritta. Inoltre, a differenza del 2020, quest’anno la didattica a distanza si è rivelata strutturale e non emergenziale e dunque dovrebbero tornare le bocciature e le non ammissioni. Per poter essere ammessi alla Maturità, quindi, occorrerà ricevere un giudizio “complessivamente positivo” agli scrutini, senza avere alcuna materia al di sotto del 6.

La Maturità, in questo modo, non sarebbe più «light», come ha voluto precisare la Ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina a La Repubblica.

Certo è che l’emendamento approvato domenica 20 dicembre non è piaciuto a tutti i partiti. In particolare, c’è chi reclama la possibilità di discutere le discussioni di Azzolina in Parlamento. «Faccio fatica a capire i tempi – ha commentato Gabriele Toccafondi (di Italia Viva).

»Siamo a dicembre, tempo ce n’è, e non capisco perché su un tema simile si voglia evitare la discussione in Parlamento. Inoltre non c’è stata nessuna discussione in maggioranza: per la scuola serve riaprire in presenza e una visione su cosa serve alla scuola del futuro“.

Date Maturità 2021

L’unica certezza per tutti gli studenti è che gli Esami di Stato si faranno e non ci saranno slittamenti, a differenza di quanto stabilito dagli altri Paesi europei. La data di inizio della Maturità 2021, infatti, è stata fissata ufficialmente al 16 giugno 2021.

Per quanto riguarda le date successive, invece, tutto dipende dalla decisione che adotterà il Ministero dell’Istruzione:

  • nel caso in cui si mantenga l’impostazione del 2020, quindi con la previsione di un orale di 60 minuti, dal 16 giugno partirebbero i primi colloqui;
  • nel secondo caso, invece, la Maturità prevedrebbe le due prove scritte e il colloquio orale.La prima prova, in questo caso sarebbe fissata al 16 giugno 2021 a partire dalle ore 8:30, mentre la seconda prova si svolgerebbe il 17 giugno 2021 sempre dalle ore 8:30.

Esame scritto Maturità 2021

Stando alla prima ipotesi sul tavolo del Ministero dell’Istruzione, la modalità di svolgimento degli Esami di Stato 2021 potrebbe seguire la via tradizionale delle due prove scritte e del colloquio orale. Tutto dipenderà dalla possibilità di rientrare in classe per tutti i ragazzi delle scuole superiori delle diverse Regioni italiane, oltre alla valutazione doverosa sull’andamento dell’epidemia in Italia.

Come funzionano la prima e la seconda prova? Ecco tutto quello che occorre sapere per arrivare preparati agli esami.

Prima prova Maturità 2021

La prima prova di maturità si svolgerà lo stesso giorno in tutta Italia, ovvero il 16 giugno a partire dalle ore 8:30.

Nelle tracce inviate dal Ministero dell’Istruzione alle scuole – direttamente pochi minuti prima dello svolgimento dell’esame stesso – sono presenti 3 tipologie d’esame per un totale di 7 tracce. Nonostante non si tratti della prova più temuta dagli studenti, non occorre sottovalutare i titoli ed è bene scegliere quello su cui ci si sente più preparati.

Le tracce saranno suddivise in tre tipologie, come segue:

  • 2 tracce per l’analisi del testo (tipologia A);
  • 3 tracce per il testo argomentativo (tipologia B);
  • 2 tracce per il tema d’attualità (tipologia C).

Molto spesso i temi vertono sull’attualità e sulle notizie più importanti dell’ultimo anno: un consiglio utile per arrivare preparati è quello di seguire i principali eventi e non perdersi le ultime novità a livello nazionale e internazionale.

Seconda prova Maturità 2021

La seconda prova di maturità si svolge solitamente il giorno seguente alla prima prova, ovvero il 17 giugno a partire dalle ore 8:30.

A differenza del primo scritto, però, la seconda prova verte su una materia di indirizzo dell’istituto scolastico e varia quindi in tutta Italia, rimanendo la stessa per le medesime tipologie di scuole.

Per quanto riguarda il liceo classico la scelta è tra le materie di latino e greco, mentre per il liceo scientifico il MIUR realizzerà una prova mista di matematica o fisica (si potranno scegliere 2 problemi e 4 degli 8 quesiti proposti). Per quanto riguarda, invece, il liceo linguistico, la seconda prova prevede la comprensione di due testi scritti con 15 domande aperte o chiuse, e la produzione di due testi scritti, uno argomentativo e l’altro narrativo o descrittivo.

Per il liceo delle scienze umane la seconda prova consiste nella trattazione di un argomento antropologico, pedagogico o sociologico. Infine, per il liceo artistico la prova può estendersi fino a tre giorni, per un massimo di sei ore al giorno, e dipende dall’indirizzo di studio scelto.

Esame orale Maturità 2021

Qualora il MIUR decidesse di seguire l’impostazione adottata lo scorso anno, l’Esame di Stato si ridurrebbe a un unico colloquio orale della durata di 60 minutiche si svolgerebbe a partire dal 16 giugno 2021.

Stando alla riforma, l’obiettivo del colloquio è quello di “accertare il conseguimento del profilo culturale, educativo e professionale della studentessa o dello studente”.

Il colloquio verrebbe suddiviso in due fasi: in un primo momento verrebbe presentato l’elaborato sulle materie inerenti la seconda prova su un argomento scelto e concordato tra alunno e insegnante.

Nella seconda parte, invece, si andrebbe a discutere e commentare un testo relativo all’insegnamento di lingua e letteratura italiana; oltre alla discussione del materiale assegnato dalla commissione. Infine, si andrebbe a raccontare brevemente le esperienze effettuate grazie all’alternanza scuola-lavoro, e si andrebbero a verificare le conoscenze del ragazzo su “Cittadinanza e Costituzione”.

Voto Maturità 2021: come si calcola

Anche il voto di Maturità varia al variare delle modalità con cui il MIUR deciderà di svolgere gli esami.

Se l’impianto dovesse essere formato da due prove scritte e un orale, il punteggio massimo attribuibile al candidato sarebbe 100, mentre il minimo 60. Il voto si andrebbe a costituire in questo modo:

  • 20 punti massimo per ciascuna prova (i due scritti e l’orale) per un totale di 60 punti;
  • 40 punti massimo per i crediti conseguiti nell’ultimo triennio scolastico.

Se, invece, il MIUR optasse per il maxi orale come lo scorso anno, allora il voto si andrebbe a ripartire come segue:

  • il 60 per cento dipenderà dai giudizi del triennio,
  • il 40 per cento dipenderà dall’orale conclusivo.

L’alternanza scuola-lavoro e le Prove Invalsi

Anche per il 2021, l’ammissione all’Esame di Stato prevede lo svolgimento dell’alternanza scuola-lavoro (chiamata Pcto), che molti studenti stanno svolgendo a distanza.

Per quanto riguarda, invece, le Prove Invalsi, pare difficile riuscire a programmare una data per svolgere entro i tempi prestabiliti. Il test, infatti, non è stato confermato come requisito necessario per l’ammissione agli Esami di Stato 2021.

Commissione Maturità 2021

La Commissione di Maturità 2021 replicherà il modello adottato lo scorso anno: è previsto un presidente esterno, mentre tutti gli altri membri saranno interni.

Maturità 2021: il parere degli studenti

In un sondaggio realizzato da Skuola.net è stato chiesto agli studenti quale Maturità vorrebbero svolgere per il 2021. Su un campione di 1.500 ragazzifrequentanti il quinto anno della scuola superiore, più della metà ha confessato di non voler svolgere l’Esame adottato lo scorso anno, dove a prevalere è l’intero percorso scolastico anziché la singola prova.

Quel che è più importante, però, è che le modalità di svolgimento della Maturità vengano chiarite e definite quanto prima per evitare quanto accaduto lo scorso anno. Infatti, nel 2020 le modifiche alla Maturità vennero inserite nel decreto di aprile, ma vennero confermate soltanto all’inizio di giugno, creando una serie di ansie e generando confusione tra studenti e insegnanti.

Per nove studenti su dieci il Ministero dell’Istruzione dovrebbe giocare di anticipo. Quasi la metà dei ragazzi, inoltre, vorrebbe conoscere le modalità di svolgimento dell’Esame di Stato entro i primi giorni del 2021, mentre l’altra metà lo vorrebbe conoscere già nel mese di dicembre.

Infine, il 47% degli intervistati non vorrebbe proprio svolgere l’Esame e – puntando al modello francese – è nata una petizione su Change.org che punta proprio all’abolizione della Maturità 2021. A pesare su questa decisione estrema è proprio la didattica a distanza, che per il 49% degli studenti non è in grado di fornire una preparazione adeguata per gli Esami di Stato.

.

.

.

.

.

.

.

 

Maturità 2021: date, novità, prove, commissioni e come si calcola il voto ultima modifica: 2021-01-21T13:32:19+01:00 da Gilda Venezia
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl