Abilitati SFP saranno i nuovi DM: la politica deve impegnarsi

di Rocco Mannetta, Scuola in Forma, 24.7.2019

– E’ ormai alle porte il concorso ordinario per infanzia e primaria per i docenti abilitati SFP; il bando uscirà a giorni. Sono previsti circa 17.000 posti e neanche in tutte le regioni.

Abilitati SFP: Concorso super selettivo

Sarà un concorso altamente selettivo.

Prova preselettiva, computer based, unica per territorio, accerta capacità logiche, comprensione testo, normativa scolastica; verrà svolta solo se il numero dei candidati è superiore a 3 volte il numero dei posti messi a concorso. NOTA BENE: il punteggio della preselettiva non concorre alla formazione del voto finale della GM; 1 punto risposta esatta, 0 punti risposta non data o errata.
Prova scritta (ammesso solo un numero di candidati pari a 3 volte il numero dei posti messi a concorso + coloro che, all’esito della prova preselettiva, abbiano conseguito il medesimo punteggio dell’ultimo degli ammessi,). Prova in 180 minuti x 3 QUESITI → Due quesiti aperti che prevedono la trattazione di tematiche disciplinari, culturali e professionali, volti all’accertamento delle conoscenze e competenze didattico-metodologiche in relazione alle discipline alle discipline e ai campi di esperienza + un quesito articolato in 8 domande a risposta chiusa volto alla verifica della comprensione di un testo di lingua inglese (B2).
Prova orale = 30 minuti → progettazione di una unità didattica comprensiva dell’illustrazione delle scelte contenutistiche, didattiche e metodologiche compiute e di esempi di utilizzo pratico delle TIC (viene valutata la padronanza delle discipline, nonché la relativa capacità di progettazione didattica efficace, anche con riferimento alle TIC, finalizzate al raggiungimento degli obiettivi previsti dagli ordinamenti didattici vigenti + viene valutata la conoscenza della lingua inglese e la specifica capacità didattica).

I numeri

A questo concorso possono partecipare tutti gli abilitati per le classi infanzia e primaria, quindi tutti coloro che hanno seguito il percorso di Scienze della Formazione Primaria (per comodità SFP), tutti i diplomati magistrale (e forse anche una categoria di educatori).

In questa storia i più penalizzati sono gli abilitati di SFP in quanto i più selezionati (prova in ingresso su fabbisogno nazionale di circa 6000 posti all’anno- senza contare 40 esami, 35 laboratori e 4 anni di tirocinio diretto ed indiretto). Con il nuovo ordinamento, iniziato nel 2011, dal 2016 si sono abilitati circa 5000 studenti ogni anno. dal 2016 al 2019 siamo già a 20000 abilitati SFP. Per fare un esempio rapido: anche se tutti gli abilitati SFP vincessero il concorso comunque ne rimarrebbero circa 3000 disoccupati (a fronte di 17000 posti), non perché poco competenti ma perché non ci sono posti (andati con il concorso straordinario ai Diplomati Magistrale).

Che cosa sta facendo la politica per tutelare queste persone che si ritroveranno ad essere precari di lungo corso? Ad oggi, quasi niente.

Purtroppo questo concorso non avrà solo vincitori di SFP ma anche (come è giusto che sia) tanti DM.

Gli SFP che rimarranno fuori dal ruolo saranno oltre 5000 e destinati ad aumentare negli anni, in attesa di un prossimo concorso, scongiurando ulteriori sanatorie a danno degli stessi.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

Abilitati SFP saranno i nuovi DM: la politica deve impegnarsi ultima modifica: 2019-07-25T04:35:38+01:00 da Gilda Venezia
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl