Aumenti, subito agli statali ma non a docenti e Ata: a loro dopo, meno soldi e più doveri?

di Alessandro Giuliani, La Tecnica della scuola, 18.1.2018

– Mentre per docenti e Ata il contratto rimane in sospeso, per via dei pochi soldi e la richiesta di incentivare i doveri professionali, arriva in Consiglio dei ministri l’intesa del 23 dicembre tra sindacati e Aran per il via libera definitivo al contratto di circa 240mila statali: nell’agenda della seduta del 19 gennaio, risulterebbe infatti anche la ratifica dell’accordo sottoscritto all’Aran lo scorso 23 dicembre e che La Tecnica della Scuola aveva già dato per imminente.

Tutti contenti per il contratto dei ministeriali

Oltre agli 85 euro di aumento, probabilmente già dal mese di febbraio, i dipendenti pubblici coinvolti – in prevalenza ministeriali – riceveranno anche gli arretrati del biennio 2016-2017: si tratta di cifre variabili, a seconda del compenso lordo individuale, dai 370 euro della fascia più bassa ai 712 della più alta, per una media pari a 492 euro.

Per rendere operativo il contratto non resterebbe che il vaglio della Corte dei Conti.  A tal proposito, il segretario confederale della Uil, Antonio Foccillo, spera “che la Corte dei Conti faccia velocemente in modo da poter sottoscrivere definitivamente il contratto e dare la possibilità ai lavoratori di usufruire degli incrementi salariali”.

Il sindacalista spiega poi come si continui a “lavorare per chiudere velocemente anche gli altri contratti” del pubblico impiego, relativi alla scuola, alla sanità e alle autonomie locali”.

Dello stesso avviso si è detto il segretario confederale della Cisl, Ignazio Ganga, “fiducioso che l’iter per il contratto degli statali si completi ed essendo questo un contratto apripista aiuterebbe anche le trattative in corso per gli altri comparti”.

Scuola penalizzata: che fine ha fatto l’accordo con la ministra Madia?

Tuttavia, la strada per sancire il rinnovo anche nel settore scolastico è tutt’altro che in discesa. Tanto che, se va bene, gli aumenti si materializzeranno non prima di aprile.

Come se non bastasse, negli ultimi incontri tenuti all’Aran, i sindacati hanno ricevuto delle proposte praticamente irricevibili. Ve le riportiamo:

  1. Un non ben precisato aumento dell’orario di lavoro dei docenti;
  2. Inserimento nelle attività funzionali all’insegnamento del ruolo di Tutor di ASL e delle ore di formazione (obbligatorie);
  3. Blocco triennale a partire dall’anno scolastico 2019/2020 della mobilità territoriale;
  4. Mancanza di contrattazione su temi riguardanti l’organizzazione del lavoro;
  5. Poca disponibilità ad inserire, ovviamente da parte dell’ARAN, le risorse economiche della legge 107/2015 sul tabellare degli stipendi o comunque in contrattazione.
  6. Questione di maggiore potere al DS per sanzionare i docenti, arrivando alla sospensione dal servizio fino a 10 giorni. Questo andrebbe addirittura a contrastare la Legge 297/94 che non dà questo potere ai DS.

Su alcune i sindacati difficilmente potranno cedere: in particolare, il possibile incremento di ore lavorative e impegni da annoverare tra gli obbligatori, l’inasprimento di sanzioni ai danni del personale, la non contrattazione dell’organizzazione scolastica, l’impossibilità a spostare i bonus merito e professionale sul ‘tabellare’ degli stipendi.

In attesa di capire come andrà a finire la trattativa, con le parti mai così distanti come oggi, viene da chiedersi per quale motivo nella scuola l’accordo del 30 novembre 2016 non riesca a trovare applicazione. Sui soldi utili agli aumenti, lo abbiamo detto in tempi non sospetti, c’è purtroppo poco da fare perché non sono sufficienti (considerando anche l’alto numero di docenti e Ata sotto i 25mila euro lordi) ad arrivare per tutti ad 85 euro medi lordi applicando la percentuale di aumenti “secchi” adottati invece senza troppi problemi negli altri comparti.

Per i sindacati della scuola il compito è arduo

Ma viene da chiedersi, stando così le cose, perchè si voglia anche quasi infierire sulla scuola: a queste condizioni, di retribuzione solo lievemente incrementata dopo nove anni di “fermo”, perché si vuole mettere mano al contratto cercando di imporre delle norme difficilmente condivisibili dai lavoratori?

Come si fa, soprattutto, a proporre un innalzamento delle ore di lavoro, delle sanzioni e addirittura una riduzione dei margini di trattativa nelle decisioni che ogni preside è chiamato a prendere, riducendo gli incontri sindacali a poco più che delle informative? Come la prenderebbero i tanti docenti e Ata che già si sentono penalizzati dalle ultime riforme, in particolare dalla Legge 107/15?

Non vorremmo stare nei panni dei sindacati di comparto, tra l’altro alle prese anche con il rinnovo delle Rsu e quindi in cerca di consensi: dopo gli entusiasmi per l’accordo di Palazzo Vidoni, si ritrovano davvero una bella “gatta da pelare”.

.

.

.

 

Aumenti, subito agli statali ma non a docenti e Ata: a loro dopo, meno soldi e più doveri? ultima modifica: 2018-01-19T05:32:14+02:00 da Gilda Venezia
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl