Carta Docente 500 euro: si parte, ma con un’offerta formativa ancora scarsa

Tecnica_logo15B

 Andrea Carlino,  La Tecnica della scuola  2.12.2016

card13b

– Ieri, 1 dicembre, a mezzogiorno, è stata messa online la piattaforma web Carta del Docente. Il portale serve per acquistare libri, ticket per teatro o cinema, software e hardware o corsi di aggiornamento

Il portale è attivo da poche ore, in ritardo di un giorno rispetto a quanto previsto dal Miur. E non mancano già le prime perplessità. Infatti, come riporta “La Repubblica”, l’offerta è abbastanza scarsa e i quasi 10mila esercenti registrati sul portale rappresentano enti di formazione (e nemmeno tutti) e scuole statali.

Dunque, non sono le difficoltà per la registrazione al sistema di identità digitale attraverso lo Spid, ma anche le difficoltà a spendere il bonus di 500 euro previsto del ministero. Pochissime le librerie, pochi i cinema e i teatri e anche i rivenditori di materiale informatico scarseggiano.

Avevamo già scritto ieri di come i musei non fossero tutti a conoscenza del bonus, adesso anche per le altre categorie si registrano dei rallentamenti.

Il gestore della Carta del docente ha suddiviso enti ed esercizi commerciali in due grandi categorie: online e fisici, dov’è possibile acquistare di persona i beni o i servizi attraverso buoni generati dallo stesso insegnante per l’importo necessario.

Ieri alle 19, per l’acquisto di un computer o di un tablet per gestire il registro elettronico – scrive “La Repubblica” non era disponibile neppure un sito online. Ed erano pochi anche quelli con un negozio vero e proprio: nessuno a Milano e appena otto a Roma. Anche recarsi al cinema fruendo dei 500 euro sarà un problema visto che al momento le sale che si sono registrate sulla Carta del docente sono davvero poche: tre a Napoli, nessuna a Milano e Palermo, una a Torino e undici nella Capitale.

Anche comprare un libro sarà difficile perché online è presente un solo sito. E le librerie “convenzionate” sono pochissime: tre a Palermo, una a Catania, due a Milano e dieci a Roma.

 

—————————————————————————————————-

 

BONUS 500 EURO

Si tratta dello strumento interattivo che consente agli insegnanti di ruolo di utilizzare via internet, attraverso un “borsellino elettronico”, i 500 euro per l’aggiornamento professionale”.

Quest’anno, ricorda il ministero dell’Istruzione, i 500 euro potranno essere spesi generando sull’apposita piattaforma buoni di spesa per:

  • l’acquisto di libri e di testi, anche in formato digitale;
  • l’acquisto di pubblicazioni e di riviste utili all’aggiornamento professionale;
  • l’acquisto di hardware e software;
  • l’iscrizione a corsi per attività di aggiornamento e di qualificazione delle competenze professionali, svolti da enti accreditati presso il Ministero dell’Istruzione;
  • l’iscrizione a corsi di laurea, di laurea magistrale, specialistica o a ciclo unico, inerenti al profilo professionale;
  • l’acquisto di biglietti per rappresentazioni teatrali e cinematografiche;
  • l’acquisto di biglietti di musei, mostre ed eventi culturali e spettacoli dal vivo;
  • iniziative coerenti con le attività individuate nell’ambito del piano triennale dell’offerta formativa delle scuole e del Piano nazionale di formazione.

Ma come utilizzare la carta del docente?
Prima di tutto bisogna avere un’identità digitale per accedere alla piattaforma dei servizi. Lo SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale) è l’identità digitale composta da credenziali (nome utente e password) che permetterà di generare i buoni spesa per comprare un corso o servizio per l’aggiornamento del docente.

Per ottenere l’identità digitale su SPID è possibile seguire una delle procedure disponibili: InfoCertSielte, TIM e Poste Italiane.

Utilizzando InfoCert è necessario disporre di un PC con webcam (il servizio costa 19,90 euro); si può anche andare di persona presso un Centro InfoCert ma in tal caso spesso ci si dovrà spostare di cento chilometri o anche più dalla propria città.

In alternativa ci si può registrare tramite Sielte ID, del tutto gratuito (fino al 31 dicembre 2016). Se hai un pc, tablet o uno smartphone dotati di webcam si può selezionare la modalità di riconoscimento online gratuita. Dopo aver inserito i dati sul sito di Sielte, seguendo le istruzioni degli operatori si completa la registrazione attraverso web cam, anche tramite videochiamata su facebook.
In alternativa si possono inserire i dati che richiesti sul sito Sielte e una volta concluse le operazioni ci si potrà recare in uno degli uffici per concludere la registrazione.

Per quanto riguarda il portale di TIM, per poter ottenere l’identità digitale è necessario invece disporre di una CNS (carta nazionale dei servizi), oppure di una firma digitale, da acquistare presso un provider privato, oppure di una carta di identità digitale (non tutti i Comuni sono attrezzati per rilasciarla).
Entro fine anno Tim intende adibire alcuni negozi fisici per il rilascio di Spid, in questo caso basterà la carta d’identità.
Attenzione però: il servizio di TIM è gratuito se ci si registra entro il 31 dicembre, ma l’identità digitale è gratuita per i primi due anni, poi si dovrà pagare sottoscrivendo un abbonamento annuale.

Infine, per registrarsi attraverso Poste Italiane, non è necessario possedere un conto corrente postale o avere a disposizione il Bancoposta e il relativo lettore. La procedura è gratuita e si può svolgere in tutta semplicità.
Infatti, c’è Poste Id che è gratuito per tutta la durata del contratto (24 mesi) per coloro che aderiranno al servizio entro il 31 dicembre 2016. Procedura di registrazione rapida (una decina di minuti) con richiesta anche in questo caso del documento di riconoscimento e del codice fiscale.

Per tutte le domande su SPID ed indentità digitale CLICCA QUI

Vogliamo ribadire che il 30 novembre si riferisce alla data di apertura della piattaforma a cui si potrà accedere per utilizzare la Card e non la data di chiusura per ottenere l’identità digitale, che quindi si potrà richiedere in qualsiasi momento.

Per sapere tutto ciò che non è compreso nel Bonus 500 euro CLICCA QUI

Ecco tutti i numeri utili

  • Assistenza tecnica
    800.863.119
  • Assistenza Spid
    06.82888.736
  • Assistenza tecnica fatturazione
    06.85796874

.

Carta Docente 500 euro: si parte, ma con un’offerta formativa ancora scarsa ultima modifica: 2016-12-02T15:26:30+01:00 da Gilda Venezia
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl