C’era una volta l’idea di una scuola…

roars_logo

di Francesco Coniglione, Roars, 24.8.2018 

– C’era una volta l’idea di una scuola pubblica, universalista, gratuita, rivolta a tutti i ceti sociali, nelle cui classi potevano sedere nello stesso banco il figlio dell’avvocato e quello dell’operaio o del contadino. Si voleva con essa dare corpo al grande sogno illuministico: l’elevazione dell’umanità e il riscatto delle classi sociali più svantaggiate attraverso la cultura, la possibilità di un loro progresso con lo studio, l’opportunità di sfuggire al destino segnato dalla nascita grazie alla dura fatica e all’impegno dello studio. E se di fatto percentualmente erano ancora pochi i figli delle classi subalterne che accedevano alle scuole più prestigiose (come i licei), non era perché queste erano loro precluse da qualche barriera formale, ma per le condizioni sociali e culturali di provenienza.

Sembrava che verso questa idea di scuola ci si stesse avviando con quella ereditata nel dopoguerra; essa aveva sì i suoi percorsi di eccellenza – disegnati nel recente passato dittatoriale, ma da un illuminato filosofo – incarnati nei licei (scientifico e specialmente classico, l’unico che fino al 1968 permetteva l’accesso a tutte le facoltà universitarie), ma essi si erano via via aperti a tutte le classi sociali, a seguito del generale rivolgimento della società italiana, del miglioramento delle condizioni economiche della gente sino allora emarginata e subalterna e del convincimento, ancora diffuso e politicamente praticato, che una buona istruzione di massa potesse essere di giovamento per il paese: l’obbligo scolastico viene così progressivamente esteso negli anni, sino ad arrivare alla scuola media unificata nel 1963 (con le sue luci ed ombre). Nei licei – si diceva – viene preparata la classe dirigente; ma questa classe dirigente ora poteva venire da ceti sociali che prima ne erano rigorosamente esclusi: negli anni ’60 e ’70 pareva proprio che tale idea di scuola potesse diventare uno straordinario veicolo di mobilità sociale. Avvocato poteva ora diventare il figlio del bottegaio, o dell’ambulante; medico chirurgo il figlio del pescivendolo, o del commesso.

Le famiglie lo avevano capito: sapevano che a scuola si poteva decidere il destino dei loro figli e ci tenevano a mandarli nelle scuole migliori. Si ambiva addirittura a fare loro frequentare il liceo classico (o almeno lo scientifico), solo che avessero dimostrato di avere qualità e voglia di studiare. Che sono equamente divise, per fortuna, e non solo appannaggio dei ceti abbienti. E così, con grande rispetto e deferenza verso una cultura che ritenevano una conquista e un prezioso bene, cercavano di mandare i loro figli nelle migliori scuole, si assicuravano che venissero iscritti nelle sezioni più di qualità, si informavano dove fossero i docenti più bravi: non quelli più lassisti o dalla sufficienza facile, non le sezioni dove si promuoveva più facilmente, non le scuole dove si studiasse meno. E così questi “figli del popolo” potevano competere con quelli degli avvocati e dei professionisti, dei benestanti e dei redditieri che, pur partendo da condizioni economiche e culturali di vantaggio, non potevano essere più sicuri di aver riservati solo per i loro pargoli i posti migliori: ormai dovevano sgomitare per affermarsi, in concorrenza col figlio del pizzicagnolo. Sembrava che fosse sul punto di attuarsi l’ideale illuminista e della “società aperta”: una scuola che selezionava in base al merito su una platea vasta di discenti e così forniva una più vasta coorte dalla quale sarebbe naturalmente derivata una classe dirigente migliore e più qualificata.

Ma i ceti privilegiati e abbienti, che sino a quel momento avevano tenuto le redini del potere e avevano potuto trasmettere alla propria prole il privilegio acquisito, senza eccessiva concorrenza, si sono accorti del pericolo che stavano correndo e hanno preso le contromisure. Ovviamente non si poteva dire che si voleva ridurre il diritto all’istruzione, ma che si volevano assicurare i vantaggi delle private anche a chi non se le poteva permettere; e non si potevano chiudere le scuole e i licei: bastava riformarli, seppellendoli progressivamente in sempre nuove incombenze burocratiche e amministrative; bastava “migliorare la loro offerta formativa”, distraendoli dalla loro missione educativa di base, mediante una miriade di “progetti”, PON, POR e iniziative collaterali; era sufficiente demotivarne il ceto insegnante e formarlo sempre peggio attraverso curricula universitari via via più scadenti, affidati ai crediti e a massicce dosi di didattica in assenza di contenuti disciplinari; era indispensabile mettere in secondo piano il fine educativo e la funzione pedagogica per trasformarle in “aziende” in cui il vecchio Preside è trasformato in “dirigente scolastico”, comprandone con un cospicuo aumento stipendiale la complicità e il consenso. Era anche necessario eliminare i percorsi di eccellenza col fare rientrare i licei in un’unica istituzione polivalente dove quelli che prima erano i classici, con una propria identità e specificità anche ambientale, venivano progressivamente ridotti a percorsi o curricula, spesso depotenziati e imbastarditi nel tentativo di “modernizzarli” un po’ a caso, per renderli meglio “appetibili” ai possibili “clienti”. Così, infine – come ha già sinteticamente ed efficacemente sottolineato lo storico Alessandro Barbero, in un articolo pubblicato su ROARS– «quando han cominciato ad andarci anche i figli degli operai si è cominciato a dire “ma appunto, in fondo in fondo siamo sicuri che tutto questo serve?” […] E si è arrivati adesso all’assurdità che si è tornati a dire ai ragazzi, come ai loro nonni analfabeti: “anche se avete soltanto sedici o diciassette anni o diciott’anni, però, un po’ di lavoro lo dovete fare. Che è questo lusso di passare quegli anni solo a studiare a scuola? No, no: alternanza scuola lavoro!”».

Sì è in tal modo avviato quel processo che in altri paesi, presi in Italia a modello, è già andato assai avanti: scuole pubbliche sempre più impoverite e prive di prestigio, frequentate solo da chi non si può permettere le ricche rette di istituzioni private, le quali ultime diventano via via il salotto pregiato della nuova e vecchia borghesia ricca, che non vuol vedere i propri rampolli mischiarsi a ceti popolari involgariti e ormai aventi in non cale, o addirittura disprezzano, cultura ed istruzione. In queste nuove, linde, eleganti scuole private si studiano tre lingue (o anche quattro!), si godono insegnanti educati e compiacenti, ci si assicura comunque una promozione perché si è “clienti”, e senza il pericolo di imbattersi in qualche docente riottoso o eterodosso dalle strane e sovversive idee; alla fine si può accedere in qualche prestigiosa università, anche essa privata e magari estera o in lingua inglese, che così completerà l’hortus conclusus di classi sociali benestanti e benpensanti che si autoriproducono in regime di imbreeding.

Il sogno illuministico e laico di una scuola concepita come ascensore sociale, come riscatto dei ceti popolari, come premiazione del merito indipendentemente dalla professione o dalla provenienza sociale dei genitori, si sta così estinguendo senza che nessuno ne abbia dichiarato esplicitamente l’obsolescenza o ne abbia firmato il certificato di morte. Paradossalmente – ma non a caso – ciò accade in un susseguirsi di riforme, regolamenti, programmazioni, valutazioni Anvur e Invalsi, tutte misure implementate allo scopo di migliorare la didattica, la qualità, la professionalizzazione, la “soddisfazione dei clienti” e così via. Perché si può ammazzare anche per troppe cure, per intossicazione farmacologica, esibendo le migliori intenzioni. E così la scuola italiana (e l’università, che l’ha seguita in questa terapia d’urto cominciata con il proto-riformatore Berlinguer e poi proseguita con la Gelmini e i corollari conseguenti) sta progressivamente allontanandosi da quell’idea che sembrava averne governato per una lunga fase l’evoluzione e via via scivolando sempre più verso il basso in un’orgia di riforme e di interventi tutti volti a migliorarne la qualità.

.

.

.

C’era una volta l’idea di una scuola… ultima modifica: 2018-08-25T05:07:33+00:00 da Gilda Venezia

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl