Concorsi, è corsa contro il tempo per pubblicare i bandi entro il 30 aprile

sole-scuola_logo14

di Cl.T. Il Sole 24 Ore, 16.4.2020

– Il nodo precari agita torna ad agitare la maggioranza. Il nodo sono i concorsi per oltre 60mila cattedre annunciati ormai un anno fa e ancora chiusi nei cassetti di Viale Trastevere. Ieri alla riunione di maggioranza sono emerse opinioni divergenti; la ministra Azzolina vuole andare avanti e mantenere un minimo di “selettività” alle prove, mentre Leu chiede di semplificare ulteriormente le selezioni per c’entrare l’obiettivo di procedere alle immissioni in ruolo in tempo per l’inizio del prossimo anno.

La dead line del 30 aprile

L’idea della ministra Azzolina è pubblicare i bandi entro il 30 aprile e poi correre soprattutto per il concorso straordinario, che al momento non è per soli titoli. Una eventuale ulteriore semplificazione della procedura necessita di una norma ad hoc, e il cammino parlamentare non appare in discesa. Il tema è delicato. A settembre, senza assunzioni, si rischia l’esplosione delle supplenze, destinate a superare quota 200mila (sarebbe precaria una cattedra su quattro).

Al via un tavolo con gli esperti

Anche per come chiudere e aprire il nuovo anno le posizioni sembrano distanti. Anche per questo motivo, la Azzolina sta per istituire un tavolo con esperti che lavoreranno fianco a fianco del governo per mettere a punto una serie di proposte. Non solo come ripartire a settembre, un tema su cui siamo già al lavoro ma anche come costruire, uscendo da questo emergenza, una nuova scuola, ha detto la ministra.

Iv: la riapertura non può essere gestita solo con circolari ministeriali

Sull’utilità del tavolo si è espressa Iv: «Riaprire la scuola, almeno a settembre, è di un’utilità evidente, pensando a famiglie e soprattutto ai ragazzi – dichiarano l’ex sottosegretario, Gabriele Toccafondi e Daniela Sbrollini, capigruppo di Italia Viva in Commissione Cultura alla Camera e al Senato -. Riaprire comporta quindi il ricorso a strumenti, indicazioni, strutture, ripensamenti che hanno bisogno di tempo e di una rimodulazione dei luoghi. C’è bisogno di capire come riaprire. Per questo è fondamentale creare da subito un tavolo che elabori soluzioni sull’organizzazione del lavoro scolastico e sulla sua logistica. Il sistema delle riaperture non può essere gestito unicamente con circolari ministeriali o con il buonsenso preziosissimo di dirigenti e docenti».

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

Concorsi, è corsa contro il tempo per pubblicare i bandi entro il 30 aprile ultima modifica: 2020-04-16T06:14:30+02:00 da Gilda Venezia

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl