Concorso, commissari siano esonerati da attività didattica

Gilda_logo-zeroB

dall’ufficio stampa della Gilda degli insegnanti,   12.4.2016

 Rino Di Meglio: fare un doppio lavoro e ricevere un compenso da fame
è lesivo della dignità umana e professionale

euro-rotto9

“Se il Governo intende davvero porre rimedio all´ingiusto trattamento economico previsto per i commissari del concorso, la smetta di tirare dritto per la sua cattiva strada e conceda almeno l´esonero dalle lezioni e dalle altre attività scolastiche”.

E´ quanto dichiara Rino Di Meglio, coordinatore nazionale della Gilda degli Insegnanti.

“Esaminare i candidati che aspirano alla cattedra è un compito di grande responsabilità ed è assurdo ricompensare questo delicato lavoro con la misera cifra di un euro l´ora e, per giunta, costringere i commissari a tour de force assurdi tra attività didattica e commissioni. Chi, diversamente dal presidente del Consiglio, vive e conosce bene la realtà della scuola, sa quanto sia estenuante conciliare con l´insegnamento in classe le sessioni d´esame, che come stabilito dal calendario pubblicato oggi in Gazzetta Ufficiale si svolgeranno sia di mattina sia di pomeriggio per le prove scritte. Fare un doppio lavoro e ricevere un compenso da fame è lesivo della dignità umana e professionale.

Ci auguriamo – conclude Di Meglio – che la rassicurazione arrivata ieri da Renzi non sia la solita promessa propagandistica elargita a buon mercato”.

Roma, 12 aprile 2016
Ufficio stampa Gilda degli Insegnanti

Allegati
Concorso, commissari siano esonerati da attività didattica ultima modifica: 2016-04-12T17:59:07+02:00 da Gilda Venezia
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl