Consiglio di classe straordinario. Chi ha diritto di voto in caso di sanzione ad uno studente

Orizzonte_logo14
Orizzonte Scuola, 8.1.2019 

– Come opera il consiglio di classe per decidere la sanzione da assegnare a un alunno? Quali componenti hanno diritto al voto?

Carmela scrive
Le scrivo per avere un chiarimento riguardo alla normativa relativa ai consigli di classe straordinari nelle scuole superiori. Oggi ho partecipato a un consiglio di classe straordinario per decidere la sanzione da assegnare a un alunno a cui veniva contestato un fatto configurabile quale violazione al regolamento di Istituto. Oltre a noi insegnanti del CdC, erano presenti l’alunno, i suoi genitori, gli alunni e i genitori rappresentanti di classe. La seduta era presieduta dal Dirigente Scolastico. Dopo una prima fase in cui sono stati esposti i fatti e ciascuno ha chiarito il proprio punto di vista, i genitori dell’alunno e l’alunno sono stati invitati ad uscire. Hanno, invece, partecipato alla seconda parte del CdC, prendendo anche parte alla votazione, gli alunni e i genitori rappresentanti di classe. Giacchè è la prima volta che mi ritrovo ad operare in una situazione del genere, mi chiedo se la normativa prevede che alla decisione sulla sanzione da assegnare possano partecipare con il loro voto anche i rappresentanti di classe nella componente di alunni e genitori. La ringrazio in anticipo per la cortese attenzione. In attesa di un suo riscontro le invio cordiali saluti.

Consiglio straordinario

La nota MIUR prot. 3602/P0 del 31 luglio 2008 specifica che  “l’interpretazione maggiormente conforme al disposto normativo (art. 5 D.Lgs. 297/1994) sia nel senso che tale organo collegiale quando esercita  la competenza in materia disciplinare deve operare nella composizione allargata a tutte le componenti, ivi compresi pertanto gli studenti e i genitori, fatto salvo il dovere di astensione (es. qualora faccia parte dell’organo lo studente sanzionato o il genitore di questi) e di successiva e conseguente surroga”.

Scuola secondaria di II grado

In base al chiarimento Miur quando il consiglio di classe è chiamato ad esprimersi per l’esame di sanzioni disciplinari, devono essere convocati anche i rappresentanti dei genitori e, se si tratta di scuola secondaria superiore, degli studenti.

Conclusioni

Nel caso sottoposto dalla collega appare quindi chiaro come nella scuola secondaria di II grado, nel caso in questione, la componente studenti abbia diritto di voto al pari delle altre due componenti, docenti e genitori, diritto che scaturisce proprio dal far parte a tutti gli effetti del consiglio di classe.

Si ricorda inoltre che affinché la delibera sia valida abbia necessità della maggioranza dei voti espressi. Non si computano le astensioni.

.

.

.

.

Consiglio di classe straordinario. Chi ha diritto di voto in caso di sanzione ad uno studente ultima modifica: 2019-01-08T21:56:19+01:00 da Gilda Venezia
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl