Decreto Scuola in gazzetta ufficiale

Professionisti_logo1

di Antonio Guerriero, Professionisti Scuola Network, 28.12.2019

– Al via concorso straordinario e ordinario per docenti, tutte le misure per la scuola –

Pubblicato in Gazzetta ufficiale il testo del cosiddetto Decreto Scuola approvato lo scorso 19 dicembre dal Senato, in via definitiva, con voto di fiducia come legge legge n. 159 del 20 dicembre 2019, di conversione con modificazioni, del decreto-legge 29 ottobre 2019, n. 126, recante misure di straordinaria necessità ed urgenza in materia di reclutamento del personale scolastico e degli enti di ricerca e di abilitazione dei docenti. La legge entrerà in vigore domani, 29 dicembre 2019. Il decreto scuola raccoglie diversi provvedimenti che affrontano alcuni dei temi più caldi relativi al mondo dell’istruzione. In particolare, le principali norme contenute nella legge di conversione del decreto di cui è possibile scaricate il testo definitivo pubblicato in Gazzetta Ufficiale riguardano:

  • Concorso ordinario per la scuola secondaria;
  • Concorso straordinario per la scuola secondaria
  • Riapertura e aggiornamento II e III fascia;
  • Insegnamento dell’educazione civica a scuola;
  • Bonus merito per i precari;
  • Rilievi delle impronte digitali
  • Concorso per dirigenti tecnici;
  • Assunzione DSGA;
  • Assunzioni personale ATA;

Di seguito il dettaglio di tutte le novità sopra elencate:

Concorso ordinario scuola secondaria 24 mila posti

La legge dispone il bando di un concorso ordinario per i docenti di scuola secondaria che potrebbe essere pubblicato entro febbraio 2020 o comunque entro la primavera del 2020, riguardare posti ordinari e di sostegno e prevedere i seguenti requisiti:

  • abilitazione specifica sulla classe di concorso oppure
  • laurea (magistrale o a ciclo unico, oppure diploma di II livello dell’alta formazione artistica, musicale e coreutica, oppure titolo equipollente o equiparato, coerente con le classi di concorso vigenti alla data di indizione del concorso) e 24 CFU nelle discipline antropo-psico-pedagogiche e nelle metodologie e tecnologie didattiche. Controlla classi di concorso a cui puoi accedere con la tua laurea oppure
  • abilitazione per altra classe di concorso o per altro grado di istruzione, fermo restando il possesso del titolo di accesso alla classe di concorso ai sensi della normativa vigente oppure

Possono accedere con riserva ai concorsi per i posti di sostegno gli specializzandi del IV ciclo TFA, purché il titolo sia conseguito entro il 15 luglio 2020.

Per i posti di insegnante tecnico-pratico (ITP) il requisito richiesto sino al 2024/25 è il diploma di accesso alla classe della scuola secondaria superiore (tabella B del DPR 19/2016 modificato dal Decreto n. 259/2017).

Possono partecipare al concorso anche i docenti di ruolo.

Concorso straordinario scuola secondaria 24 mila posti

Contestualmente al bando per il concorso ordinario, il Miur pubblicherà anche quello per il concorso straordinario. La procedura sarà per titoli ed esami (su posti ordinari e di sostegno) e sarà aperta a tutti coloro che potranno vantare almeno tre annualità di servizio dal 2008/09 al 2019/20. Potranno partecipare anche i docenti che hanno maturato l’anzianità nelle scuole paritarie ma solo al fine di conseguire l’abilitazione. Per annualità si intende servizio prestato per almeno 180 giorni nell’anno scolastico o, ai sensi dell’articolo 11, comma 14, della legge 3 maggio 1999, n. 124 un servizio prestato ininterrottamente dal 1° febbraio fino al termine delle operazioni di scrutinio finale ”. Questi i requisiti di accesso:

  • titolo di studio valido per l’accesso alla classe di concorso
  • tre annualità di servizio anche non consecutive svolte tra l’a.s. 2008/09 e l’anno scolastico 2019/20 su posto comune o di sostegno. Il docente che fa valere l’a.s. 2019/20 come requisito accede al concorso con riserva.
  • almeno un anno di servizio deve essere stato svolto per la classe di concorso o nella tipologia di posto per la quale si concorre
  • Il servizio svolto su posto di sostegno in assenza di specializzazione è considerato valido ai fini della partecipazione alla procedura straordinaria per la classe di concorso, fermo restando il requisito dell’anno di servizio specifico.

Per accedere al concorso per i posti di sostegno è necessario essere in possesso della relativa specializzazione.

Il servizio per accedere al concorso straordinario ai fini del ruolo è preso in considerazione unicamente se prestato nelle scuole secondarie statali

I docenti che hanno gli stessi requisiti (tre annualità, di cui uno specifico) ma con servizio svolto presso le scuole paritarie o servizio misto  partecipano alla procedura esclusivamente per conseguire l’abilitazione.

Possono partecipare anche i docenti di ruolo anche senza l’anno di servizio specifico con almeno tre anni di servizio svolti tra l’anno scolastico 2008/09 e l’anno scolastico 2019/20 per conseguire l’abilitazione per altra cdc.

Riapertura e aggiornamento graduatorie II e III fascia nel 2020 con carattere provinciale

Con la legge si dispone non solo l’aggiornamento ma anche la riapertura nel 2020 delle graduatorie di istituto di seconda e terza fascia dando la possibilità di nuovi inserimenti, per i docenti che hanno i requisiti di legge. Inoltre, secondo quanto stabilito dal Decreto Scuola, le graduatorie diventeranno provinciali.

Competenze digitali nei 24 CFU

Le competenze digitali saranno sempre più importanti nel mondo della scuola e probabilmente verranno inserite nel programma dei 24 CFU obbligatori per l’insegnamento avendo inserito il coding tra le metodologie didattiche da acquisire nell’ambito dei crediti formativi o durante il periodo di formazione e prova legato al concorso.

Educazione civica a scuola

Il decreto scuola interviene anche sul tema della reintroduzione dell’insegnamento dell’educazione civica, che dovrebbe entrare in vigore dall’anno scolastico 2020/2021. Il testo dispone che l’introduzione dell’insegnamento dell’educazione civica – il cui avvio è slittato a settembre 2020 – non determina l’incremento della dotazione organica complessiva, né l’adeguamento dell’organico dell’autonomia alle situazioni di fatto oltre i limiti del contingente previsto.

Bonus merito

Il discusso bonus di merito non sparisce al momento. Anzi, il decreto scuola lo estende anche agli insegnati precari. Nello specifico, i docenti interessati dall’estensione del bonus sono quelli che hanno un contratto a tempo determinato fino al termine dell’anno scolastico (31 agosto) o fino al termine delle attività didattiche (30 giugno).

Rilievi delle impronte digitali

Per i dirigenti e tutto il personale scolastico viene confermata l’esclusione del rilievo biometrico delle presenze e dei rilievi delle impronte digitali al fine di operare un controllo sulle presenze sul luogo di lavoro dei dipendenti della Pubblica Amministrazione. La norma avrebbe dovuto toccare il personale ATA e i dirigenti scolastici (non i docenti). Come annunciato dal Ministro dell’Istruzione Fioramonti, però, i decreti attuativi non saranno pubblicati e quindi la novità resterà lettera morta

Concorso per dirigenti tecnici e assunzione DSGA

Non solo docenti. Il decreto apre anche ad una procedura concorsuale dedicata alla selezione di 59 dirigenti tecnici, assunti a partire dal 1° gennaio 2021 (a cui se ne aggiungeranno altri 87 a partire dal 2023).

Inoltre, assunzioni in arrivo anche per gli assistenti amministrativi facenti funzioni di DSGA (direttori dei servizi generali e amministrativi). Per poter accedere a questa opportunità, sarà necessario:

  • essere laureati;
  • aver svolto per almeno 3 anni e a tempo pieno la funzione di DSGA.

L’assunzione avverrà a partire dal 1° settembre 2020.

Assunzioni personale ATA

Buone notizie per i lavoratori delle cooperative che hanno in appalto i servizi di pulizia nelle scuole visto che saranno internalizzati, infatti, i servizi di pulizia e ausiliarato nelle scuole di ogni ordine e grado. E per i cosiddetti ex LSU, si stabilisce una proroga tecnica di due mesi per consentirne la stabilizzazione. Per loro è in arrivo un concorso finalizzato all’assunzione come collaboratori scolastici, a partire dal 1° gennaio 2021. La selezione avverrà per soli titoli e saranno ammessi a partecipare tutti coloro che abbiano i seguenti requisiti:

  • Diploma di scuola secondaria di secondo grado;
  • 10 anni di attività (compresi 2018 e 2019) svolti nei servizi di pulizia e ausiliari, presso scuole e istituzioni educative statali, in qualità di dipendenti a tempo indeterminato di imprese titolari di regolare contratto di svolgimento delle suddette attività.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

Decreto Scuola in gazzetta ufficiale ultima modifica: 2019-12-31T05:36:50+01:00 da Gilda Venezia
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl