Di mamma ce n’è una prof.

di Massimo Gramellini, Il Corriere della sera, 30.6.2017

 In un liceo del Centro Italia i commissari d’esame hanno sorpreso uno studente a copiare dal telefonino la prova di matematica fornitagli con ogni probabilità dalla madre, che insegna la stessa materia nella stessa scuola. Il ragazzo è stato bocciato, ma ha presentato un ricorso che di sicuro qualche Tar accetterà, consentendogli di replicare la Maturità a Ferragosto, seduto sulle ginocchia dell’algebrica genitrice, così da evitarsi la seccatura di scaricare la batteria dello smartphone.

Sono giornate intense per i copisti di famiglia. Sul Corriere è appena emerso il tormento interiore di quella zia che, avendo scritto il tema di Maturità per conto del nipote, se la prendeva con i professori che non si erano accorti di niente. Forse stavano passando gli esami ai loro cari.

Si scherza, naturalmente. Le parole della zia tradivano in realtà un pensiero molto italiano: aiutare il sangue del tuo sangue è un dovere a cui non puoi sottrarti nemmeno in nome della legge. Se sei onesto, tutt’al più potrai augurarti di venire smascherato. Con la mamma-prof si assiste a uno sdoppiamento della personalità: in classe sorveglia il rispetto delle regole e a casa si industria per infrangerle, usando il salvacondotto dell’affetto genitoriale.

Sarà vero affetto? Proteggere il proprio cucciolo impedendogli di misurarsi con la vita è una forma d’amore, ancorché distorta e alla lunga perdente. Ma fargli fare «bella figura» a qualsiasi costo — perché farne una brutta, prima che la sua reputazione, rovinerebbe quella del clan familiare — c’entra poco con l’amore e moltissimo con l’egoismo.

 

.

.

Di mamma ce n’è una prof. ultima modifica: 2017-07-01T05:36:35+02:00 da Gilda Venezia
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl