Diritto alla disconnessione, i prof hanno anche una famiglia

di Lucio Ficara,  La Tecnica della scuola, 9.11.2019

– I docenti vengono molto spesso disturbati dalla scuola, tramite messaggi e telefonate, anche in orario pomeridiano e serale quando sono fuori servizio. È utile sapere che con il nuovo contratto scuola c’è una norma riguardante il diritto del docente e del personale scolastico a restare disconnesso.

 Whatsapp, Registro online e messaggi vari

Il docente quando termina il suo orario di servizio e rientra a casa, avrebbe diritto alla disconnessione, quindi non dovrebbe essere obbligato ad aprire, nelle ore pomeridiane, il registro elettronico per visionare circolari e comunicazione dirigenziali.

In molte scuole esistono vari gruppi Whastapp per le comunicazioni ai docenti, c’è il gruppo del Collegio docenti, il gruppo del Consiglio di classe, il gruppo del dipartimento o per la programmazione. Il docente che ha terminato il servizio si ritrova un numero notevole di notifiche nella messaggistica del cellulare che provengono dai gruppi collegiali della scuola.

Alcuni Dirigenti scolastici chiedono formalmente ai propri docenti di visionare, più volte nell’arco della giornata, i registri elettronici per leggere le circolari allegate e le comunicazioni dirigenziali.

In alcune scuole c’è invece la norma che invita i docenti alla connessione pomeridiana al registro elettronico.

Diritto alla disconnessione nel CCNI di Istituto

A livello di contrattazione integrativa delle scuole, si è chiamati a intervenire sul diritto del docente a staccare la spina con il lavoro una volta terminato l’orario di servizio. A tal proposito è utile ricordare che al punto c8 del comma 4, lettera c), dell’art.22 del CCNL Scuola, è scritto che sono oggetto di contrattazione integrativa di Istituto: “i criteri generali per l’utilizzo di strumentazioni tecnologiche di lavoro in orario diverso da quello di servizio, al fine di una maggiore conciliazione tra vita lavorativa e vita familiare (diritto alla disconnessione);”.

In buona sostanza a livello di contrattazione di istituzione scolastica ed educativa, ovvero nel contratto integrativo di ogni singola scuola, dovrà essere garantito il diritto alla disconnessione del personale scolastico al fine di favorire una maggiore conciliazione tra lavoro e vita familiare.

È implicito che non possano esistere obblighi da parte del docente e del personale scolastico di restare connessi ai dispositivi digitali per ricevere e leggere notifiche da parte del dirigente scolastico, dei suoi collaboratori, di qualsiasi altro docente e applicato di segreteria. Il personale scolastico una volta terminato il servizio non ha obblighi di connessione, mentre tali obblighi esistono durante le ore di servizio.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

Diritto alla disconnessione, i prof hanno anche una famiglia ultima modifica: 2019-11-10T05:35:40+01:00 da Gilda Venezia

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl