Docenti in ruolo con concorsi per titoli, no del Governo ma Trento lo fa

di Alessandro Giuliani, La Tecnica della scuola, 19.4.2020

– Domande fino al 4 maggio –

– Ormai è ufficiale: negli ultimi due-tre giorni di aprile assisteremo alla pubblicazione dei testi ufficiali che regoleranno i concorsi ordinari e riservati della scuola. Con domande da presentare fino a luglio. Se ne parlava da tempo, da anni ormai. E ora che arrivano, sono diversi a lamentarsene. Anche in seno allo stesso Governo, dove la situazione di emergenza generata dal Coronavirus ha scalzato le “gerarchie” sulle selezioni dei docenti da assumere. Anche perché la procedura con prove, ammesso che riesca a partire, dovrà fare i conti con i ritmi blandi dovuti pure alle probabili difficoltà che incontreranno gli uffici scolastici a formare le commissioni. In pratica, poiché le prove sono comunque sospese almeno sino a fine maggio, i “contestatori” sostengono che a questo punto è meglio rispolverare i concorsi per titoli e servizi.

Anche perché le assunzioni in ruolo rimangono indifferibili e, considerato che il nuovo anno scolastico si aprirà con quasi 200 mila supplenze annuali da attuare, è necessario prospettare delle possibili soluzioni. Ora che si fa ancora in tempo a trovare delle soluzioni.

De Cristofaro: assumiamo con graduatorie per titoli

Nei giorni passati ad esprimersi in questo senso è stato anche il sottosegretario Pippo De Cristofaro (LeU), intervenuto sulla questione sostenendo che non si è nella condizione di far svolgere i concorsi per assumere in ruolo gli insegnanti, pertanto risulta inutile bandire nuovi concorsi mentre bisogna assolutamente rinnovare le graduatorie d’istituto.

Secondo il sottosegretario De Cristofaro è necessaria una procedura per stabilizzare le migliaia di precari di cui si prevedeva l’assunzione a mezzo concorso straordinario. Nella prospettata impossibilità a svolgere i concorsi, si potrebbe quindi pensare a graduatorie per titoli.

“È meglio non bandire concorsi che poi non si faranno. Dobbiamo immaginare da subito altre strade per immettere nella scuola nuovi docenti sin dal primo settembre”, ha detto il sottosegretario.

Snadir: riconoscimento del servizio svolto

Secondo lo Snadir, la prospettiva ipotizzata dal sottosegretario De Cristofaro potrebbe essere una soluzione anche per gli insegnanti precari di religione, in attesa da quindici anni di una risposta alla loro condizione lavorativa.

Si tratterebbe, dice il primo sindacato dei docenti di religione, di una immissione in ruolo per titoli e servizi sul modello Trento e Bolzano, che lo Snadir ha sostenuto – unitariamente alle altre organizzazioni sindacali – sin da settembre 2018: “rappresenterebbe un riconoscimento del servizio svolto e quindi dell’esperienza maturata nelle aule scolastiche, garanzia per una effettiva qualità dell’insegnamento”, ha detto Orazio Ruscica, leader dello Snadir.

C’è chi caldeggia la riapertura delle GaE

Una soluzione del genere è caldeggiata anche dall’Anief, che da anni rivendica la mancata applicazione delle direttive Ue introdotte per combattere l’abuso di precariato: una delegazione del sindacato lo ha fatto presente in occasione dell’incontro sui concorso tenuto la scorsa settimana con i dirigente del MI, sostenendo che “è indispensabile, prima di ogni cosa, predisporre, così come ha già provveduto a fare la Provincia Autonoma di Trento, un percorso straordinario di reclutamento anche per la scuola Infanzia e Primaria, riservato” (…) “prevedendo che il servizio utile per l’accesso sia quello svolto in tutto il sistema nazionale di istruzione e non solo nella scuola statale e riconoscendo precedenza per la “conferma in ruolo” ai docenti in possesso di diploma magistrale già in servizio con contratto a tempo indeterminato”.

 

I concorsi per titoli e servizi a Trento

L’indizione dei concorsi straordinari per titoli per l’assunzione a tempo indeterminato del personale docente è stato attuato dalla provincia autonoma di Trento con delibere n.410 e  n.411 del 27 marzo scorso: riguardano la scuola secondaria di primo e secondo grado, ma anche la scuola primaria.

Potranno partecipare alla selezione per la scuola secondaria gli insegnanti, abilitati per le classi di concorso esprimibili dal bando, inseriti nelle graduatorie di istituto nelle scuole secondarie di I e II grado della Provincia autonoma di Trento e che abbiamo svolto tre anni di servizio nelle istituzioni scolastiche e formative provinciali o nelle istituzioni scolastiche paritarie del sistema educativo provinciale o nelle istituzioni scolastiche del sistema nazionale di istruzione dall’anno scolastico 2011/2012 all’anno scolastico 2018/2019.

Per la scuola primaria potranno partecipare coloro che sono in possesso del titolo di studio (abilitazione all’insegnamento conseguita dopo aver frequentato i corsi di laurea in scienze della formazione primaria – indirizzo scuola primaria oppure il diploma di istituto magistrale conseguito entro l’anno scolastico 2001/2002, o eventuali titoli a esso equipollenti, conseguiti entro l’anno scolastico 2001/2002), iscritti nelle graduatorie di istituto della provincia di Trento valide per il triennio 2017/2020 e abbiano svolto tre anni di servizio nelle istituzioni scolastiche e formative provinciali o nelle istituzioni scolastiche paritarie del sistema educativo provinciale o nelle istituzioni scolastiche del sistema nazionale di istruzione dall’anno scolastico 2011/2012 all’anno scolastico 2018/2019.

Graduatorie e domande on line

Ovviamente, le graduatorie predisposte a seguito della predetta delibera e del relativo bando per la scuola secondaria saranno utilizzate solo dopo l’esaurimento di quelle dei precedenti concorsi straordinari e fino al loro esaurimento. Inoltre, le graduatorie formate a seguito dell’espletamento della concorsuale per la primaria saranno utilizzate per le assunzioni a tempo indeterminato a partire dall’anno scolastico 2020/2021 e fino al loro esaurimento.

La presentazione delle domande potrà avvenire fino alle ore 12,00 di lunedì 4 maggio esclusivamente con modalità on line.

Concorso straordinario per titoli: assunzioni a tempo indeterminato di docenti della scuola primaria

Concorso straordinario per titoli: assunzioni a tempo indeterminato di docenti della scuola secondaria di primo e secondo grado

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

 

Docenti in ruolo con concorsi per titoli, no del Governo ma Trento lo fa ultima modifica: 2020-04-20T05:52:57+02:00 da Gilda Venezia
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl