Esami di Stato e valutazione, la Ministra presenta le Ordinanze

di Fabrizio De Angelis e Andrea Carlino, La Tecnica della scuola, 16.5.2020

– Conferenza stampa al Ministero con la ministra Lucia Azzolina in merito alle Ordinanze sugli Esami di Stato del primo e del secondo ciclo e sulla valutazione finale delle studentesse e degli studenti. Presenti anche il Dott. Agostino Miozzo e il Prof. Alberto Villani per illustrare il documento del Comitato tecnico-scientifico sullo svolgimento degli Esami di Stato del secondo ciclo in presenza.

“Sarebbe stato più facile riaprire le scuole, ma abbiamo agito con prudenza”, dice la ministra Azzolina in apertura di conferenza stampa.

Valutazione

“E’ stato un anno diverso per tutti. Nessuno studente doveva essere lasciato indietro. Ma serve una valutazione seria. Le insufficienze saranno presenti nei documenti. Non ci sarà nessun 6 politico. Si può non ammettere all’anno successivo solo in alcuni casi specifichi. Nel caso di impossibilità di valutazione per tante assenze o in caso di note disciplinari”.

Esame di terza media

“Non ha cambiato idea il Ministero dell’Istruzione, ma abbiamo ascoltato le scuole. Gli studenti scriveranno un elaborato e lo discuteranno online, e ci sarà tempo fino al 30 giugno”.

Maturità 2020

Ci sarà un colloquio orale di un’ora: una discussione sulle discipline di indirizzo da concordare. Dopo ci sarà un colloquio orale su un testo di italiano per valutare le competenze. In seguito ci sarà una parte relativa ai materiali sulle altre materie”.

La ministra Azzolina invita a tenere conto del percorso PCTO e quello di cittadinanza e costituzione.

Per quanto riguarda il punteggio, ci sarà un massimo 60 crediti per studente e una valutazione orale fino 40. Possibilità della lode.

Ricordiamo che abbiamo già pubblicato le linee guida del Comitato Tecnico Scientifico per sostenere l’esame di maturità, in programma mercoledì 17 giugno in presenza e non a distanza come suggerito dal CSPI.

 


Valutazione, Azzolina: “Si può bocciare in due casi specifici”.

L’ordinanza ministeriale

Non ci sarà 6 politico ma si potrà bocciare solo in casi specifici. Le insufficienze saranno presenti ma saranno recuperate il prossimo anno scolastico.

E’ quanto ha riferito la ministra dell’Istruzione Azzolina, nel corso di una conferenza stampa dal Ministero, in cui ha spiegato le ordinanze in merito agli Esami di Stato e alla valutazione.

Le insufficienze si potranno recuperare il prossimo anno

“In un tempo complesso come quello che stiamo vivendo non potevamo che prevedere un diverso principio di valutazione. Il principio che abbiamo seguito e’ stato quello di non lasciare indietro nessuno, ma con una valutazione seria. Le valutazioni ci saranno, le insufficienze saranno riportate nei documenti di valutazione ma gli studenti avranno il diritto di recuperare”, spiega Azzolina in conferenza stampa.

Ecco in quali casi si può bocciare

“Resta la possibilita’ di non ammettere all’anno successivo ma solo in casi particolari: se lo studente non aveva frequentato nel primo periodo didattico, prima del coronavirus, o se lo studente abbia ricevuto dei provvedimenti disciplinari gravi. Esclusi questi due casi lo studente verra’ ammesso e recuperera’ in seguito le insufficienze”, prosegue la Ministra dell’Istruzione.

Valutazione alunni disabili

“La valutazione degli studenti disabili, a cui va il mio grande abbraccio”, prosegue Azzolina, avverrà sulla base del piano educativo individualizzato, e per i disturbi specifici dell’apprendimento sulla base del piano didattico personalizzato”.

Ha spiegato la ministra Azzolina a proposito della valutazione degli alunni e studenti.


Esame terza media, così si svolgerà. Più tempo per le scuole.

La Ministra dell’Istruzione, Lucia Azzolina, ha presentato le Ordinanze sugli Esami di Stato del primo e del secondo ciclo e sulla valutazione finale: “Abbiamo ascoltato le richieste delle scuole, che ci hanno chiesto di dilatare nel tempo le procedure dell’esame. Gli studenti dovranno scrivere un elaborato, discuterne online con il consiglio di classe e poi saranno valutati in consiglio di classe. Per farlo, avranno tempo fino al 30 giugno”.

Quest’anno l’Esame di Stato di terza media coincide con la valutazione finale del consiglio di classe che tiene conto anche dell’elaborato prodotto dall’alunno. La presentazione orale dell’elaborato avverrà in modalità telematica.

C’è tempo fino al 30 giugno per concludere tutte le operazioni.

ORDINANZA ESAME DI TERZA MEDIA

 

 

Esami di Stato e valutazione, conferenza stampa della Ministra Azzolina ed il Comitato Tecnico Scientifico [VIDEO]


Maturità 2020, ecco il protocollo di sicurezza

con modello di autodichiarazione per docenti e studenti

Ecco le linee guida del Comitato Tecnico Scientifico per sostenere l’esame di maturità, in programma mercoledì 17 giugno in presenza e non a distanza come suggerito dal CSPI.

Le misure del Comitato tecnico scientifico riguardano tutto lo svolgimento dell’esame, dalla pulizia delle aule sino all’uso dei dispositivi di protezione. Il testo è stato trasmesso al Ministero dell’Istruzione, ma ancora non si sa se saranno apportate delle modifiche dai tecnici ministeriali.

Maturità 2020, le linee guida del Comitato Tecnico Scientifico

Ingressi scaglionati, con i candidati che dovranno presentarsi a scuola solo 15 minuti prima dell’orario di convocazione. Le aule saranno sanificate, mascherine per commissari e studenti e distanza di almeno due metri tra i professori e il maturando durante il colloquio.

Linee guida

Modello di autodichiarazione (PDF)

Le operazioni di pulizia dovranno essere effettuate ogni giorno, così come dovrà essere assicurato il ricambio d’ara nei locali. Obbligatorio l’uso delle mascherine, ma non dei guanti.

Inoltre tutti gli studenti, docenti e personale amministrativo coinvolto dovranno dichiarare di non avere sintomi o febbre superiore ai 37.5 gradi nel giorno dell’avvio delle procedure d’esame e nei tre giorni precedenti; di non essere stati in quarantena negli ultimi 14 giorni; di non essere stati a contatto con persone positive nello stesso periodo di tempo.

Maturità 2020, in campo anche la Croce Rossa

In campo anche la Croce Rossa: con una convenzione stipulata con il Ministero dell’Istruzione il personale della Croce Rossa supporterà presidi e insegnanti in vista dell’esame di maturità in presenza, fornendo corsi di formazione per gli insegnanti e anche assistenza nelle scuole, su chiamata dei presidi.

Si legge testualmente: “la Cri realizzerà incontri in presenza e on-line per la formazione del personale scolastico in materia sanitaria a livello regionale e provinciale”.

Il personale della Croce Rossa sarà rappresentato al tavolo nazionale permanente e potrà essere chiamato in supporto alle singole istituzioni scolastiche sede degli esami di Stato.

 

 

Esami di Stato e valutazione, la Ministra presenta le Ordinanze ultima modifica: 2020-05-16T17:00:21+02:00 da Gilda Venezia
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl