Firmato accordo Alternanza scuola-lavoro. E’ disastro

di Claudia Baldini, Alganews, 30.10.2017

– MIUR – McDONALD firmato accordo per il programma di alternanza scuola-lavoro.
400 ore di formazione fra una friggitrice e un hamburger, ovvero fare gratis quello per cui prima eri pagato e farlo per forza, altrimenti niente diploma.
Forse direte voi sarà per gli studenti di istituti di formazione professionale alberghiera. No, per tutti. Lo chiamano stage.

Forse dovremmo ricordare che lo stage della buona scuola, non è visto come era già in atto da anni con le quinte classi, come opportunità attinente agli studi conseguiti. Quindi, non come generico ‘lavoro’, ma come estrapolazione dall’ovattato ambiente scuola all’azienda. Ad esempio per le discipline scientifiche e professionali presso aziende informatiche, elettroniche e di progettazione o presso agroalimentari, ceramiche, laboratori di analisi per chimici.
Per discipline umanistiche biblioteche, musei, terzo settore, cancellerie dei tribunali.
Il ministro Giannini, forse su consiglio di Poletti, ha travisato il senso dello stage. Sono stati fatti accordi nazionali con Confindustria, Coop, Confartigianato. Perciò Mc Donald ha diritto di starci. E, badate, è proprio la motivazione del ‘provate cosa vuol dire lavorare’ che presiede alla disgraziata decisione di ampliare lo ‘stage’, a questo punto tra virgolette, alle quarte che non sono certo in grande nemmeno di capire quello che farebbe una società di progettazione.

Ora i nostri ragazzi, in grande maggioranza, lavoricchiano in estate con i piani comunali, e fanno di tutto, dai Mc Donald a 3 € l’ora alla raccolta agricola, a forfait per un mese. La grande differenza rispetto a prima, fino alla Buona Scuola, perché nella scuola chiunque arriva deve fare il suo disastro personale, è che è sempre stata la scuola, attraverso gli insegnanti ad organizzare questa attività a misura di classe e contenuti. Si sono sempre collocati con ottimi risultati anche i disabili.
Ora la scuola è trattata come un’azienda: è diventata tutta una sponsorizzazione, una corsa allo sponsor, anche con lavoretti non pertinenti che non possiamo chiamare stage.

La scuola dovrebbe essere un bene comune, di cui tutta la società dovrebbe farsi carico ed onore per fornire opportunità ed aiuti. Invece di formare i ragazzi al pensiero critico e consapevole, all’ esercizio del leggere e capire, si è ormai instaurato il principio di istruire e parcellizare come in una azienda. Si va incontro cioè alle richieste di mano d’opera pronta per lavorare.
Questo è sbagliato e pregiudica fortemente l’elasticità mentale del cittadino futuro. Le aziende, che tempo fa si facevano carico di assumere menti e poi curare l’addestramento mettendo in conto un po’ di non profitto sul ragazzo, ora non lo fanno, così come non fanno ricerca se non con i soldi dello Stato.
E non è una questione di crisi è una questione di cambiamento (in peggio, perché la parola cambiamento non è di per sé positiva). Un cambiamento che ha visto il prevalere della Finanza sull’Economia reale, quindi non si investe il profitto per il bene comune oltre che per guadagno proprio, ma si specula per ottenere reddito non da lavoro.

E tutta la società è condizionata e purtroppo anche la scuola. Io dico ai genitori che dalla scuola dovrebbero pretendere stage dedicati alla formazione curriculare. Poi in estate, se vogliono, nessuno vieta che mandino i ragazzi a friggere le patatine, che dopo un giorno penso abbiano imparato a fare.

I guasti che questa riforma sta procurando saranno irrecurabili, una intera generazione li subirà, sempre che basti una.
Ci sono genitori che dicono : sempre meglio friggere patatine che stare alla play station o sul cellulare. Io dico che lo stage deve essere uno stage, altri mille lavori possono essere lavori ma non in tempo scolastico. E’ una vergogna questa riforma , fa male al cuore, e la cosa peggiore è vedere genitori che piuttosto che dare torto al proprio partito dicono fesserie immense per giustificarlo.

.

.

Firmato accordo Alternanza scuola-lavoro. E’ disastro ultima modifica: 2017-10-30T21:27:32+01:00 da Gilda Venezia
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl