Gelmini, Giannini, Fedeli, le tre ministre premiate

scialpi_logo16

dal blog del maestro Scialpi, 30.3.2018

– Gelmini, Giannini, Fedeli, sono accomunate  da un medesimo percorso con  premio finale. In altri termini, aver sostenuto due riforme che hanno compromesso il sistema-scuola, ha portato loro dei benefici. Sono state promosse!  Non è un bel segnale per la scuola.

Gelmini, Giannini, Fedeli,  lo stesso copione

Negli ultimi 9-10 anni la scuola è stata sottoposta ad uno stress riformistico.  Il risultato: la sua azione formativa è stata compromessa! Gelmini, Giannini, Fedeli sono state le attrici di un copione scritto da soggetti esterni alla scuola. Mi riferisco al “finanzcapitalismo” (L. Gallino) che percepisce la scuola come un’istituzione inutile, alla quale sono destinate risorse economiche eccessive. La determinazione è giustificata dai fini assegnati: formare soggetti a bassa complessità prestazionale e  consolidare le differenze di partenza.
Analizziamo nello specifico  le azioni delle tre ministre.
Gelmini. Lei ha “obbedito a tutti gli ordini” del suo mentore ( Berlusconi ), che a riguardo della scuola pubblica ha sempre espresso supponenza e disprezzo, perché espressione del ” comunismo italiano”.
Analizziamo alcuni provvedimenti.
Salasso di 8 miliardi di €. Risorse in vari modo tolte alla scuola;
Le classi pollaio, istituzionalizzate con la legge 133/2008 art 64;
Smantellamento della legge 148/90 ( Riforma scuola elementare ). Abolite le compresenze, i moduli didattici ( legge 133 del 2008 .  Si legga ” Il modulo è morto…” ) fortemente depotenziato il tempo pieno e ripristinato il maestro unico ( decreto-legge 137/2008);
Giannini e Fedeli. La prima ha firmato con Renzi la “Buona scuola”, aggiornando il disegno di V. Aprea ( bonus merito)  e confermando nel silenzio/assenso tutte le riforme di M. S.Gelmini. Il ruolo di V. Fedeli si è ridotto ad emanare i decreti attuativi di una pessima riforma, calata dall’alto e quindi percepita come un corpo estraneo dagli operatori della scuola.

I premi delle tre ministre

Alle tre ministre è convenuto “rispettare  gli ordini di scuderia” dei rispettivi partiti.  La loro visibilità, come ministre dell’Istruzione, ha pagato.
M. S. Gelmini dopo la sua esperienza ministeriale ha assunto incarichi importanti all’interno di FI. Il 27 marzo 2018 è divenuta capogruppo di Forza Italia alla Camera dei deputati
S. Giannini  è stata nominata vicepresidente dell’Unesco. Di difficile lettura la nomina. Come conciliare questo incarico con la “Buona scuola” che ha quasi ignorato “l’aula” come “ambiente di apprendimento”, confermando le classi-pollaio e  sostenendo con il suo silenzio-assenso quelle superpollaio ( Legge di stabilità 2015) che hanno compromesso la qualità e ogni discorso sull’inclusione. Eppure ” Il Settore “Education”, che sarà guidato da Stefania Giannini, …. coordina, nel sistema ONU,l’insieme delle iniziative per il raggiungimento dell’Obiettivo 4 dell’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile: << Fornire un’istruzione di qualità, equa ed inclusiva, e opportunità di apprendimento per tutti” .
V. Fedeli, candidata  bocciata a Pisa e ripescata nel proporzionale in Campania, è stata candidata “vera e non di bandiera” del PD per la poltrona di Presidente della Camera dei Deputati.

Il Miur come trampolino di lancio

Indubbiamente la poltrona di V. Trastevere ha l’obiettivo di far conoscere personaggi politici all’opinione pubblica. Il meccanismo, per alcuni versi oscuro, permette di caratterizzare queste persone, facendole uscire dall’ombra. Sicuramente personaggi organici al grande disegno di smantellamento della scuola, che richiede referenti ossequiosi del mantra liberistico. Da qui si comprende che il miglioramento pedagogico della scuola non è il criterio che guida alla scelta del ministro. E’ una pessima notizia per l’istruzione!

.

.

.

Gelmini, Giannini, Fedeli, le tre ministre premiate ultima modifica: 2018-03-31T13:57:29+02:00 da Gilda Venezia

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl