Il primo vero incontro sul rinnovo del contratto scuola è il 13 novembre

di Lucio Ficara, La Tecnica della scuola, 8.11.2017

– Domani 9 novembre 2017 alle ore 15 all’ARAN, in via del Corso a Roma, si incontreranno le organizzazioni sindacali per l’avvio delle trattative per il rinnovo del contratto collettivo nazionale di lavoro (CCNL) relativo al triennio 2016-2018.

PRIMO INCONTRO SPECIFICO SULLA SCUOLA, FISSATO IL 13 NOVEMBRE

In questo primo incontro di domani sono stati convocati solamente i Segretari Generali dell’intero comparto, mentre il primo incontro specifico sulla sezione scuola ci sarà il 13 novembre 2017.

Dunque per quello che riguarderà il rinnovo contrattuale della Scuola nel suo specifico, bisognerà attendere il lunedì 13 novembre 2017. Tuttavia c’è grande attesa per la convocazione di domani 9 novembre, perché domani si apre il confronto negoziale sul rinnovo del contratto, con la speranza che da tale confronto possano essere date risposte concrete ai legittimi bisogni dei docenti e del personale scolastico, ma più in generale a tutti i lavoratori del settore della conoscenza, dopo un lunghissimo e illegittimo blocco contrattuale durato ben 9 anni.

ATTO DI INDIRIZZO E INTESA 30 NOVEMBRE 2016

I nodi sul tavolo del rinnovo contrattuale non sono soltanto di natura economia, ma sono anche di natura giuridica. Infatti i sindacati, secondo l’intesa del 30 novembre 2016siglata con la Ministra Marianna Madia e sulla base dell’atto di indirizzo che richiama tale intesa, vorrebbero fare un decisivo e significativo passo in avanti nell’opera di smantellamento della legge 107. Il rinnovo del contratto scuola sarebbe, secondo il punto di vista dei sindacati, lo strumento per cancellare il bonus premiale e la chiamata diretta.

A proposito del bonus del merito, l’On. Simona Malpezzi del Partito Democratico ha dichiarato che è un cardine della legge 107/2015 e quindi non sarà oggetto di contrattazione.

Per i sindacati il rinnovo contrattuale è l’occasione, oltre che per recuperare la forte perdita salariale di potere d’acquisto, quella di riconsiderare una corretta disciplina del rapporto di lavoro. Infatti si tenterà di recuperare gli spazi di contrattazione perduti a causa del D.lgs.150/2009 ed eliminare le prerogative discrezionali assegnate, con la legge 107/2015, ai dirigenti scolastici.

In buona sostanza i sindacati puntano ad un adeguamento salariale che superi le 100 euro medie mensili e ad un ridimensionamento effettivo della legge 107/2015 e del d.lgs. 150/2009.

.

.

Il primo vero incontro sul rinnovo del contratto scuola è il 13 novembre ultima modifica: 2017-11-08T21:31:42+01:00 da Gilda Venezia
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl