Il sogno della ministra: nessuno scontro politico sulla scuola. Ma la realtà dice il contrario

Tecnica_logo15B

Alessandro Giuliani, La Tecnica della scuola  28.2.2017

– “La scuola non può essere terreno di scontro partitico: c’è un perimetro dentro il quale si può solo collaborare tra tutti perchè i nostri figli, tutti, ci appartengono”.

Così si è espressa lunedì 27 febbraio la ministra dell’Istruzione, Valeria Fedeli, a margine dell’inaugurazione di una scuola prima a Città S. Angelo.

“La scuola non può essere utilizzata per dividere perchè le compete la costruzione dei pilastri democratici della società. Noi dobbiamo superare un punto fondamentale: l’investimento sulla scuola – ha concluso il responsabile del Miur – è senza colore e vuol dire investire sul futuro”.

Le parole di Fedeli non possono che essere condivisibili. Tuttavia, va ricordato che nelle realtà le cose stanno diversamente. Nell’ultimo decennio abbiamo assistito, ad esempio, a tre revisioni radicali del sistema formativo italiano: si è passati dalla gestione Moratti alla riforma Gelmini, con il dimensionamento che ha ridotto di quasi un terzo sedi ed organici. Sino, ai nostri giorni, alla Buona Scuola voluta a tutti i costi dall’ex ministro Giannini.

Trovare un filo conduttore, super partes, tra le tre gestioni non è facile: ogni Governo è andato per i fatti suoi. Perché la scuola, purtroppo, non è ancora quel luogo del bene comune, auspicato dalla Fedeli. Purtroppo, l’appartenenza al partito prevale ancora rispetto ai bisogni della scuola, di chi la governa, di chi fa formazione e dei giovani che la vivono e crescono con essa.

.

Il sogno della ministra: nessuno scontro politico sulla scuola. Ma la realtà dice il contrario ultima modifica: 2017-02-28T05:00:08+01:00 da Gilda Venezia
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl