“Liberare la scuola“ o “Liberiamo i concorsi pubblici scolastici dagli errori“

RTS_logo2di Aldo Domenico Ficara, Regolarità e Trasparenza nella Scuola,  24.3.2016

errore-matita3

– Leggendo il documento programmatico dei “Dirigenti Scolastici Italiani(http://www.dirigenti scolasticitaliani.it/wp/wp-content/uploads/2016/02/LIBERARE-LA-SCUOLA.compressed.pdf) trovo il riferimento ad alcune riflessioni di Norberto Bottani, infatti, nel documento si scrive:

“ Afferma Norberto Bottani:

“… nel mondo: scuole che cambiano ma restano nel sistema, scuole che si liberano dagli obblighi del sistema scolastico , che diventano autonome e indipendenti, scuole diverse fuori dal sistema scolastico. Si ha l’impressione che in Italia esista poca innovazione scolastica, che ci siano pochi tentativi alternativi. C’è voglia di cambiamento, però paura, scarso supporto. Si esita a rompere con il modello dominante statale diretto dal MIUR , a proporre varianti. Le idee non mancano .
Gente che soffre e che ha proposte nel cassetto ce n’è, ma  mancano le condizioni che mettono sulla rampa di lancio innovazioni e esperienze alternative nella scuola. Come dice Ribolzi, il sistema è ingessato”.

Questo rifermento mi fa ricordare un convegno organizzato dalla rivista on line Education 2.0 (diretta da Luigi Berlinguer) nell’ottobre del 2011, dove fui invitato per presentare un mio progetto didattico. In questo convegno ebbi l’opportunità di scambiare quattro chiacchiere proprio con Norberto Bottani.

L’argomento della discussione: gli errori docimologici nella batteria di item della preselettiva del concorso a DS 2011.  In quel concorso furono più di mille le domande errate su oltre 5000 confezionate. Una sagra dell’errore che con molta probabilità falsò l’esito di  quella selezione concorsuale.

A distanza di un lustro il grido “liberare la scuola”. Forse sarebbe stato più coerente nel nome di una cultura ormai persa e di competenze certamente da recuperare,  urlare “liberiamo i concorsi pubblici scolastici dagli errori”. Per definire meglio l’errore nei concorsi pubblici scolastici ripropongo un mio contributo pubblicato nella rivista “La Ricerca” della Loescher editore: http://www.laricerca.loescher.it/component/ content/article.html?id=850:esempi-di-errori-formulati-nei-concorsi-pubblici-scolastici

“Liberare la scuola“ o “Liberiamo i concorsi pubblici scolastici dagli errori“ ultima modifica: 2016-03-24T20:45:06+01:00 da Gilda Venezia

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl