Massimo Recalcati: “La Dad non è scuola”

di Alessandro Nidi, il Sussidiario, 19.6.2020.

L’Istruzione torni al centro della società.

Lo psicanalista e accademico è intervenuto sulle colonne de “La Repubblica” per dire la sua circa la riforma di cui necessiterebbe la scuola italiana.

Gilda Venezia

Sulle colonne del quotidiano “La Repubblica” è intervenuto in queste ore Massimo Recalcati, psicanalista, saggista e accademico, per parlare della scuola, che, a suo dire, si trova già da tempo in terapia intensiva, ben prima dell’emergenza epidemiologica connessa al Coronavirus. “Tutto il dibattito attuale sul presente e sul futuro dell’istruzione appare integralmente assorbito dal problema della sicurezza – scrive –. Tuttavia, limitarsi a ragionare sulle distanze necessarie da preservare, sul rischio degli assembramenti e sulle mascherine, sulla presenza o meno delle pareti divisorie, spoglia fatalmente la riflessione, schiacciandola sulla necessità della gestione della crisi sanitaria”. D’altro canto, secondo Recalcati non esiste didattica a distanza: la tecnologia non può supplire alla vita comunitaria della scuola. Ecco perché è necessario fra ritornare al più presto in aula gli studenti, a rieducarli all’apprendimento frontale. A recuperare quella normalità strappata da un nemico invisibile.

MASSIMO RECALCATI: “ECCO COME RIFORMARE LA SCUOLA”

Sempre attraverso gli spazi del quotidiano “La Repubblica”, ecco dunque che Massimo Recalcati offre il suo punto di vista in merito a un’auspicabile riforma della scuola, suggerendo anche i punti sui quali intervenire: favorire l’interdisciplinarietà; rendere possibile una diversa circolazione degli allievi attraverso la composizione di piani di studio più adeguati alla loro attitudine come già accade in molti Paesi; portare la scuola verso la città, nei quartieri, nei territori, nei luoghi culturali, reinserendola come protagonista attiva della nostra vita sociale; abolire definitivamente un uso “solo sadicamente numerologico” della valutazione; riqualificare seriamente la formazione e il lavoro degli insegnanti per favorire la permanenza nella scuola dei migliori. “Ma per fare questo occorrerebbe lo studio nel dettaglio di una ricomposizione inedita della didattica e del rapporto della scuola con la città – conclude Recalcati –. Chi vi si sta dedicando? È necessario uno sforzo politico e culturale di immaginazione e di pensiero. Meglio se collettivo, meglio se capace di coinvolgere gli insegnanti e le loro associazioni. In ogni caso libero, laico, vivo, insomma non pietrificato dallo sguardo di Medusa del virus”.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

Massimo Recalcati: “La Dad non è scuola” ultima modifica: 2020-06-20T07:41:57+02:00 da Gilda Venezia
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl