Matematica, Numeri, Fonti, Costituzione e Leggi. I problemi delle paritarie

– Mini Dossier. Le scuole paritarie hanno notevoli difficoltà con Matematica, Numeri, Fonti, oltre che con l’interpretazione di Costituzione e Leggi

di Vincenzo Pascuzzi – 5 maggio 2020

Per un allievo della scuola statale lo Stato spende dai 7.500 ai 10.000

di Anna Monia Alfieri – 4 maggio 2020·
Per un allievo della scuola statale lo Stato spende dai 7.500 ai 10.000; per un allievo della scuola paritaria euro 500,00 quindi i primi finanziatori dello Stato italiano oggi sono le famiglie e la scuola paritaria con 6Mld di euro ma pensate c’è chi dice il contrario… ideologia+non conoscenza = irresponsabilità

Costo standard e costo reale: per ogni studente lo Stato spende dai 5.200 a i 6.600 euro annui

di Pasquale Almirante – 29 aprile 2020
Lo Stato italiano per ogni alunno spende dai 5.278 euro della scuola dell’infanzia ai 6.693 delle superiori: il conteggio del costo medio per studente è stato effettuato dal ministero dell’Istruzione, per determinare (o meno) il contributo alle scuole paritarie.
Costo medio per studente

Dunque il costo medio per studente parte da 5.278 euro per la scuola dell’infanzia, passando per i 5.704 della primaria, i 6.348 delle medie fino ai 6.693 delle secondarie di II grado.

Il calcolo anche perché, secondo il decreto emanato per la distribuzione del contributo annuo alle scuole paritarie stabilisce che nella distribuzione dei fondi va data precedenza agli istituti che svolgono l’attività scolastica con modalità non commerciale, dunque senza fine di lucro e il modo per stabilirlo passa per il contributo medio per studente.

Modalità commerciale
Dunque le rette chieste alle famiglie andranno fissate sotto quelle soglie per essere considerate non commerciali.

Scuole paritarie tra chiusure e serrate a settembre.

di Vincenzo Pascuzzi – 10 aprile 2020
[Bugiardino. 1) Al momento – 10.04.2020 / 7:15 – la petizione non ha raccolto 80.000 firme, ma 62.952; inoltre i nominativi dei firmatari non compaiono e non si sa che ruoli ricoprono e a che titolo aderiscono; 2) La percentuale del 30% è arbitraria; tanto che ne sono state indicate altre: 50% (Fabio Belli), 100% (Virginia Kaladich) e anche 0% se c’è chi (Luigi Amicone) ha suggerito la serrata delle paritarie a settembre 2020; 3) Molte delle argomentazioni e i numeri a sostegno risultano fragili, fasulli, non dimostrati; 4) Il clamore mediatico e la massiccia mobilitazione dei media cattolici sembrano finalizzati ad “approfittare” dell’occasione contingente – che pure merita la dovuta attenzione – per riproporre (Andrea Zambrano/Anna Monia Alfieri) la richiesta annosa di contributi statali a dispetto della Costituzione vigente e della stessa legge di parità, l. 62/2000. v.p.]
– segue –

Scuole paritarie, 40 sassolini tolti dalle scarpe

di Vincenzo Pascuzzi – 13 febbraio 2020
.
.
.
.
.
.
.

.

.
.
.
.
.
.
.
.
Matematica, Numeri, Fonti, Costituzione e Leggi. I problemi delle paritarie ultima modifica: 2020-05-06T05:01:45+02:00 da Gilda Venezia
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl