Maturità 2020, la traccia di storia torna diversa

di Alessandro Giuliani,  La Tecnica della scuola, 23.11.2019

– Fioramonti: basta eventi epocali, sì alle questioni quotidiane –

Il ministro dell’Istruzione Lorenzo Fioramonti non si accontenta di avere reinserito la traccia di storia nella prova scritta della maturità: adesso chiede di prendere le distanze dei temi storici tradizionali, legati alle battaglie e alle lotte di potere, per dare spazio invece alle vicende legate al quotidiano.

“Riflettere sulla storia di tutti i giorni”

A proposito della traccia storica dell’Esame di Stato conclusivo del secondo ciclo, Fioramonti esce allo scoperto.

“Mi piacerebbero tracce che uscissero da eventi epocali e facessero riflettere sulla storia di tutti i giorni, su come le generazioni del passato si sono trovate ad affrontare questioni quotidiane”, ha detto il titolare del Miur nel corso dell’intervista di Maria Latella su Skytg24.

La storia? Va insegnata in maniera accattivante

Più in generale, secondo Fioramonti “è importante avere un dibattito sul ruolo della storia. Per questo ho avviato colloqui con i principali storici italiani, per fare in modo che la storia possa essere sempre più insegnata in maniera accattivante”.

Secondo il responsabile del Miur è “importante che di storia si parli anche utilizzando nuove metodologie”.

Insomma, per il nuovo titolare del dicastero bianco dell’Istruzione è tempo di rivedere tutto il modo su come la storia venga insegnata ai nostri studenti.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

Maturità 2020, la traccia di storia torna diversa ultima modifica: 2019-11-24T04:51:03+01:00 da Gilda Venezia
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl