Maturità, in arrivo nomi dei commissari. Sul web impazza il toto-temi

sole-scuola_logo14

di Alessia Tripodi, Il Sole 24 Ore, 5.6.2018

– L’attesa è finita: oggi gli oltre 500mila maturandi potranno conoscere i nomi dei commissari d’esame che si troveranno di fronte a partire dal 20 giugno, data d’inizio della maturità 2018. Le liste dei componenti delle commissioni – formate da 3 membri esterni, 3 interni e un presidente esterno -potranno essere consultate a partire dalle ore 12 sul sito del ministero dell’Istruzione . Lo ha annunciato oggi lo stesso Miur, che come negli anni scorsi metterà a disposizione degli studenti un motore di ricerca: basterà inserire il nome e l’indirizzo della propria scuola per scoprire i nomi dei commissari, oppure digitare il nome dell’insegnante designato per sapere in quale commissione è stato inserito. Le nuove commissioni si riuniranno per la prima volta il 18 giugno.

Intanto, in vista del 20 giugno, data in cui si svolgerà la prima prova, ovvero il tema di italiano, sui social e sul Web è partito il “toto-tracce”: al momento, secondo un sondaggio, i temi più quotati sarebbero quelli su Pirandello, il caso Moro e la Costituzione. E nei giorni scorsi il ministero dell’Istruzione ha pubblicato la circolare con le regole che i maturandi dovranno rispettare durante le prove: niente tablet, pc e cellulari, sì al vocabolario e alle calcolatrici (ma non quelle wireless).

Il calendario delle prove
La prima prova scritta, il tema di italiano, si svolgerà mercoledì 20 giugno 2018 alle ore 8.30, per una durata massima di 6 ore. La seconda prova è in calendario per giovedì 21 giugno alle ore 8.30. La durata dipende dalle discipline che caratterizzano gli indirizzi ed è variabile dalle 4 alle 8 ore, tranne che per alcuni indirizzi, come i Licei musicali, coreutici e artistici, dove la prova può svolgersi in due o più giorni. La terza prova, assegnata da ciascuna commissione d’esame,è fissata per lunedì 25 giugno, a partire dalle ore 8.30. Infine la quarta prova, che si svolge nei licei sperimentali di doppio diploma italo-francese Esabac ed Esabac Techno e nei Licei con sezioni spagnola, tedesca e cinese, è programmata per giovedì 28 giugno, sempre alle 8.30.

Le materie
Le materie della seconda prova scritta scelte per l’esame 2018 sono greco per il liceo classico e matematica per lo scientifico. E poi, scienze umane per il liceo delle Scienze umane, economia aziendale per l’indirizzo Amministrazione, finanza e marketing degli istituti tecnici, scienza e cultura dell’alimentazione per l’indirizzo Servizi enogastronomia e ospitalità alberghiera degli istituti professionali.

Il toto temi
Secondo un sondaggio condotto dA Skuola.net su 3.500 maturandi, per il tema di italiano crescono ulteriormente le quotazioni di Luigi Pirandello, in pole position per il 18% degli studenti. Al secondo posto c’è Italo Svevo (11%), mentre in terza Dante Aligheri (10%). Ad affiancare Svevo, stavolta, è Giuseppe Ungaretti – uscito già nel 2001 e nel 2006 – anche lui con l’11% dei consensi.
Poco credito alle donne: tra le autrici proposte dal sondaggio – Alda Merini, Elsa Morante, Grazia Deledda e Oriana Fallaci – nessuna supera la quota del 4%. Più facile, per i maturandi, che si riaffacci un nome poco noto ai più, come avvenuto con Giorgio Caproni nel 2017 e Claudio Magris nel 2013: il 50% dei votanti lo ritiene più che probabile e un altro 38% possibile, mentre solo il 12% pensa che il Miur tornerà a un autore ‘classico’. I 40 anni dal caso Moro, poi, convincono quasi 1 maturando su 4 a considerarlo tra gli argomenti più probabili, così come i 70 anni dall’entrata in vigore della Costituzione Italiana, che per il 21% – 1 su 5 – è quasi una certezza. E per il tema di attualità la rosa delle scelte appare ristretta a quattro opzioni: la morte di Stephen Hawking, bullismo e cyberbullismo, la violenza sulle donne, l’immigrazione.

Vocabolario sì, tablet no: la mappa dei divieti
Il Miur ha confermato il divieto tassativo di utilizzare durante le prove scritte cellulari, smartphone, Pc e qualsiasi altra apparecchiatura elettronica in grado di accedere alla rete o riprodurre file e immagini. I trasgressori rischiano l’esclusione dall’esame. Semaforo verde invece per le calcolatrici scientifiche e grafiche, ma solo se rientrano nella lista dei modelli ammissibili diffusa nei mesi scorsi dal Miur. In ogni caso, chi vorrà usarle dovrà consegnarle il giorno della prima prova scritta, per consentire alla commissione d’esame i necessari controlli. Vietati, poi, anche i libri di testo, mentre è ammesso l’uso del vocabolario. L’accesso a Internet sarà consentito ai soli pc usati dal dirigente scolastico o da un suo referente.

Scritti e orali: come si assegnano i voti
Per la valutazione delle tre prove scritte i commissari hanno a disposizione un totale di 45 punti. Per ogni prova il voto varia da 1 a 15, con 10 a rappresentare la sufficienza. Per i colloqui orali, invece, il voto è compresa tra 1 e 30, con la sufficienza che si raggiunge a 20. Il voto finale minimo per superare l’esame è di 60/100, il massimo è di 100/100, al quale la commissione può aggiungere la lode.

.

.

.

.

Maturità, in arrivo nomi dei commissari. Sul web impazza il toto-temi ultima modifica: 2018-06-05T06:08:09+00:00 da Gilda Venezia

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl