Mobilità, annullare e revocare la domanda. Che differenza?

Orizzonte_logo14

Orizzonte Scuola, 31.3.2020

– Il docente che decide di partecipare alla mobilità per il prossimo anno scolastico e presenta la domanda, può cambiare idea ed è utile che sappia come si deve comportare.

Le strade da seguire sono essenzialmente due: l’annullamento o la revoca della domanda.

Analizziamo le differenze

Annullamento

È possibile annullare la domanda di mobilità inviata soltanto entro il termine ultimo per la sua presentazione, quindi entro e non oltre il 21 aprile 2020.

Il docente che dopo aver compilato e inviato la domanda nella piattaforma ministeriale IstanzeOnline, se cambia idea prima o entro il 21 aprile 2020, può annullare l’invio e se non ha più intenzione di partecipare alla mobilità non deve fare più niente, altrimenti può modificare la domanda e inviarla di nuovo entro il 21 aprile.

Non è possibile, invece, annullare l’invio dopo il 21 aprile in quanto oltre il termine di scadenza per la presentazione della domanda le funzioni su IstanzeOnline non saranno più attive

Revoca

Il docente che ha inviato la domanda di mobilità, ma non intende più partecipare al movimento richiesto, se i termini per la presentazione sono scaduti e non può più, quindi, annullare l’invio, può chiedere la revoca della domanda.

La richiesta di revoca deve essere inviata per il tramite della scuola di servizio o presentata all’Ufficio territorialmente competente ed è presa in considerazione soltanto se pervenuta non oltre il quinto giorno utile prima del termine ultimo, previsto nell’art.2 dell’OM n.182/2020, per la comunicazione al SIDI dei posti disponibili, quindi entro il 31 maggio 2020.

Come chiarisce la nota (1) dell’art.5 dell’Ordinanza Ministeriale, per la regolarità dell’invio “Fa fede il protocollo della scuola alla quale è stata presentata l’istanza di revoca ovvero quello dell’ufficio ricevente o la ricevuta della pec

Il docente che presenta più domande può revocarne solo una

Il docente che ha presentato più domande di mobilità, sia di trasferimento che di passaggio, deve dichiarare esplicitamente se intende revocare tutte le domande o alcune di esse.

In tale ultimo caso deve chiaramente indicare le domande per le quali chiede la revoca.

In mancanza di tale precisazione la revoca si intende riferita a tutte le domande di movimento presentate.

Mobilità insegnanti 2020: tutte le guide

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

 

Mobilità, annullare e revocare la domanda. Che differenza? ultima modifica: 2020-03-31T09:07:36+02:00 da Gilda Venezia
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl