Mobilità docenti di sostegno 2017: lo tsunami che colpisce gli alunni disabili

tuttoscuola_logo4

 Tuttoscuola, 16.1.2017

– Il nuovo dossier di Tuttoscuola “Mobilità docenti di sostegno 2017: lo tsunami che colpisce gli alunni disabili” – che fa seguito a quello lanciato il 9 gennaio sulla “Mobilità dei docenti 2017 – Il grande caos atto secondo: e agli studenti chi ci pensa?” –  ha creato scalpore, anche a seguito dell’evidenza data alla nostra inchiesta dal Corriere della Sera nel servizio di oggi di apertura del quotidiano. Anche su Radio 24, il programma condotto da Oscar Giannino, “La versione di Oscar” ha dedicato l’intera trasmissione al tema del dossier di Tuttoscuola. Ci sono state anche le prime dichiarazioni politiche come per esempio quella dell’on. Michela Vittoria Brambilla (FI), presidente della commissione parlamentare per l’infanzia e l’adolescenza.

I numeri sono allarmanti: se oltre 2 milioni e mezzo di alunni (il 33% dell’intera popolazione scolastica) si trovano quest’anno con almeno un insegnante nuovo in classe, è andata ancora peggio agli alunni con disabilità, perché – secondo i calcoli del dossier di Tuttoscuola – almeno 100 mila di loro (il 43% dei 233 mila alunni disabili presenti quest’anno nelle classi di ogni ordine di scuola) hanno cambiato il docente di sostegno.

Il dossier di Tuttoscuola fornisce tutti i dati aggiornati del fenomeno della mobilità dei docenti di sostegno, racconta storie di quotidiana “mobilità scolastica” (siamo infatti andati in alcune scuole per raccontare dal “campo” quali problemi si incontrano). Ma l’inchiesta non si limita solo alla denuncia e all’analisi delle cause. Facciamo anche proposte concrete. Infatti un modo – anzi due – per ridimensionare il problema ci sarebbe. Tuttoscuola propone nuove regole per la mobilità e la stabilizzazione dei posti di sostegno in deroga e indica anche quanto costerebbero.

I dati
Mobilità insegnanti di sostegno: lo tsunami che colpisce gli alunni disabili
Un esercito di 137 mila insegnanti di sostegno, più dei Carabinieri, il doppio dei medici; un grande investimento (5 miliardi di euro l’anno solo per gli stipendi), nel Paese che per primo 40 anni fa ha creduto nell’integrazione scolastica degli studenti con disabilità, superando le terribili classi differenziate: tutto in buona parte vanificato da un’insensata girandola di cattedre: 100 mila alunni con disabilità (il 43%) hanno cambiato quest’anno docente, spesso più di uno. La seconda parte dell’inchiesta sulla mobilità di Tuttoscuola.

La mobilità selvaggia sui posti di sostegno, i numeri dello scandalo
Secondo una stima elaborata da Tuttoscuola, tra i 207 mila docenti di ruolo che si sono trasferiti nel 2016/17, sono noti i dati relativi ai circa 75 mila trasferiti sugli ambiti territoriali e successivamente chiamati dai dirigenti scolastici nelle scuole per un incarico triennale: il 18% (13.650 unità) sono docenti di sostegno. Tutti i numeri del fenomeno.

2017: i docenti di sostegno precari saliranno, la discontinuità didattica pure
L’anno prossimo i posti di sostegno in deroga saliranno ancora. Nel frattempo la legge di stabilità 2017 ha previsto la (timida) stabilizzazione di circa 5 mila posti in deroga. Cosa succederà alla continuità didattica è facile prevederlo…

Le storie

Tre insegnanti in tre mesi: l’odissea dei bambini di Palestrina
Una dirigente ci racconta dell’impegno quotidiano nel promuovere la dimensione inclusiva, nonostante le tante difficoltà quotidiane, tra cui spicca senza dubbio, il problema della mobilità degli insegnanti di sostegno.

Le conseguenze dell’assegnazione provvisoria: insegnanti non specializzati e continui cambi
“Quest’anno abbiamo nominato 18 docenti di sostegno attraverso la “chiamata diretta” ma nessuno di loro ha lavorato con continuità perché hanno ottenuto tutti e 18 l’assegnazione provvisoria nella loro provincia. Siamo dovuti ricorrere a supplenti senza specializzazione nel sostegno”. E questo è solo l’inizio della nostra storia.

Le proposte
1650 euro per salvare gli alunni disabili dal carosello dei docenti di sostegno
Tuttoscuola propone nuove regole per la mobilità e la stabilizzazione dei posti di sostegno in deroga. Quanto costerebbero? Una spesa per le Casse dello Stato di circa 1650 euro per alunno disabile permetterebbe la stabilizzazione dei posti di sostegno. Solo il 7% di quanto già si spende, ma il risultato sarebbe del tutto diverso.

.

Mobilità docenti di sostegno 2017: lo tsunami che colpisce gli alunni disabili ultima modifica: 2017-01-16T21:48:34+01:00 da Gilda Venezia
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl