P. Crepet una conferma del nostro demansionamento

dal blog del maestro Scialpi, 29.9.2018

– P. Crepet noto psichiatra e molto presente nel talk-show. Con sconcertante sintesi, senza qualche ambiguità conferma il nostro ruolo nella società dell’iperconnessione. Ne usciamo male!

P. Crepet, l’intervista-verità

Su “Notizie” (Diocesi di Carpi) P. Crepet ha rilasciato un’intervista che esprime una convinzione  diffusa, anche se non sempre esplicitata, della nuova funzione del docente nella società 2.0 e iperconnessa. Ha dichiarato: “Siamo tutti impotenti di fronte a certe situazioni. Il fallimento della scuola nasce anche da questo. Non serve a niente sospendere gli studenti, mandarli a casa o bocciarli. Bisogna educarli, non mandarli a spasso quindici giorni. Gli insegnanti devono tornare a fare gli educatori, non gli istruttori – afferma lo psichiatra I ragazzi vanno educati, non istruiti. La scuola deve tornare a produrre educazione, perché l’istruzione si può avere anche studiando a casa o in qualsiasi altro posto. La scuola negli ultimi tempi è sembrata privilegiare unicamente la sua funzione di centro d’istruzione. L’educazione prevede delle regole. Se queste saltano, salta l’intero impianto. 

Il ruolo deprimente del docente

Diversi sono i messaggi! Fra tutti il demansionamento del docente, ridotto a educare senza istruzione. Se quest’ultima dimensione è assente, rimane solo la proposizione di un sistema di valori etici, ritenuti adeguati a definire il profilo del “bravo e onesto cittadino”. Caratteristiche ritenute un l’argine contro le barbarie dell’ego senza limiti. E chi meglio dei docenti, quasi sempre accostati al mondo del libro “Cuore”, può assolvere questo compito?
Questo approccio  leggero, privo di contenuti, è favorito dalla percezione storica di soggetti (=i docenti)  incapaci di trasmettere efficacemente istruzioni e abilità o dalla convinzione che l’istruzione sia un “bagaglio culturale” a bassa complessità. Quindi qualunque agenzia è in grado di trasmetterli. Da qui l’inutilità della scuola come soggetto che “forma l’uomo e il cittadino”
P. Crepet. probabilmente senza saperlo, cade nella “legge del pendolo” che ha caratterizzato la scuola, soprattutto quella primaria dal 1861 al 1985. In sintesi, le riforme e i programmi hanno oscillato sempre tra due estremi: istruzione ed educazione. L’uno escludeva l’altro e viceversa, in una contrapposizione che vedeva l’altro polo quasi “come un male assoluto”. L’intervista di P. Crepet, però va oltre la tradizione,  indicando l’educazione come dimensione pervasiva di tutto il ciclo scolastico, e non solo come “fondamento e coronamento” della scuola primaria.

Contrapposizione inutile e superata 

Lo sviluppo della psicologia costruttivistica (P. Ausubel) ha da tempo superato questa contrapposizione, individuando una  sintesi tra le due realtà.
In altri termini, “tutto è educazione”. Il compito della scuola non è quello di puntare all’educazione a 360°. All’istituzione scolastica è affidata una parte “di questa torta” alla quale deve dare una forma attraverso la proposizione di modelli  in grado di leggere e sviluppare l’umano e interagire con la realtà circostante. E’ sempre stato così. Mi auguro che lo sia in futuro. Diversamente è consigliabile “chiudere la scuola”!

.

.

.

P. Crepet una conferma del nostro demansionamento ultima modifica: 2018-10-04T07:01:53+00:00 da Gilda Venezia

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl