Pensioni, opzione donna: maturazione dei requisiti entro il 31 dicembre 2020

di Lara La Gatta,  La Tecnica della scuola, 25.1.2021.

Gilda VeneziaL’articolo 1, comma 336, della legge di Bilancio 2021 (legge 30 dicembre 2020, n. 178) ha previsto che: “All’articolo 16 del decreto-legge 28 gennaio 2019, n. 4, convertito, con modificazioni, dalla legge 28 marzo 2019, n. 26, al comma 1, le parole: «31 dicembre 2019» sono sostituite dalle seguenti: «31 dicembre 2020» e, al comma 3, le parole: «entro il 29 febbraio 2020» sono sostituite dalle seguenti: «entro il 28 febbraio 2021»”.

In pratica, la disposizione normativa estende la possibilità di accedere al trattamento pensionistico anticipato c.d. opzione donna alle lavoratrici che abbiano perfezionato i prescritti requisiti entro il 31 dicembre 2020.

Quindi, possono conseguire il trattamento pensionistico, secondo le regole di calcolo del sistema contributivo, le lavoratrici che, entro il 31 dicembre 2020, abbiano maturato un’anzianità contributiva minima di 35 anni e un’età anagrafica minima di 58 anni se lavoratrici dipendenti e di 59 anni se lavoratrici autonome.

Decorrenza per il Comparto Scuola

Come chiarito dall’INPS con messaggio del 19 gennaio 2021, con riferimento alla decorrenza del trattamento pensionistico per le lavoratrici del Comparto Scuola e AFAM trovano applicazione le disposizioni di cui all’articolo 59, comma 9, della legge 27 dicembre 1997, n. 449. Pertanto, al ricorrere dei prescritti requisiti, le stesse possono conseguire il trattamento pensionistico rispettivamente a decorrere dal 1° settembre 2021 e dal 1° novembre 2021.

.

.

.

.

.

.

.

.

 

Pensioni, opzione donna: maturazione dei requisiti entro il 31 dicembre 2020 ultima modifica: 2021-01-26T04:00:39+01:00 da Gilda Venezia
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl