Riscatto laurea, raddoppiano le domande con l’iter agevolato. Ecco quando vale anche prima del 1996

sole-scuola_logo14

 di Francesca Barbieri, Il Sole 24 Ore, 9.3.2019

– Quasi 3mila domande nel giro di due mesi. Stiamo parlando delle richieste di riscatto agevolato della laurea presentate all’Inps, in base alle regole stabilite dal decretone pensioni-reddito (Dl 4 del 28 gennaio 2019, convertito nella legge 26 del 29 marzo 2019). Un riscatto low cost riservato a chi non ha pensione ed è iscritto all’assicurazione generale obbligatoria (dipendenti, autonomi o gestione separata), senza alcun limite di età (il tetto dei 45 anni previsto dal decreto è stato poi cancellato nella legge 26).

Il costo del riscatto agevolato è calcolato con le modalità oggi previste per quello laurea per gli inoccupati: moltiplicando l’aliquota Ivs vigente (33%) per il reddito minimo soggetto a imposizione della Gestione Inps di artigiani e commercianti, pari a 15.878 euro nel 2019, per una spesa di 5.240 euro circa per ogni anno riscattato.

In base ai dati forniti al Sole 24 Ore dall’Inps le domande di riscatto agevolato arrivate finora sono:
•2.400 per la gestione privata
•530 gestione pubblica

Numero piccoli, che però assumono proporzioni rilevanti se si considera che in un anno vengono presentate circa 12mila domande di riscatto della laurea.

PER SAPERNE DI PIÙ / Riscatto light della laurea, ecco perché aiuta soprattutto le lavoratrici

Se consideriamo che la presentazione delle domande è possibile dal 29 gennaio (data di entrata in vigore del decretone pensioni reddito), suddividendo il numero totale di richieste per l’arco temporale di due mesi risulta che ogni giorni sono state presentate circa 50 domande di riscatto agevolato della laurea, che proiettate sull’anno arriverebbero a oltre 18mila, circa il doppio rispetto alle richieste normalmente presentate in un anno.

RISCATTO DELLA LAUREA / Vai al calcolatore per fare il test di convenienza

L’agevolazione, in base a quanto è scritto nella legge, riguarda in generale solo gli anni di corso dal 1996, periodo di competenza del metodo contributivo, una condizione ben più stringente rispetto al limite di età dei 45 anni che è cancellato in caso di approvazione del testo da parte del Parlamento: il riscatto della laurea è agevolato, infatti, solo per gli anni di corso dal 1996 in poi.
Questo non significa che non si possano riscattare gli anni precedenti, ma chiaramente il costo sarà ben più alto. E non significa neanche che al riscatto agevolato possano accedere solo coloro che hanno iniziato a lavorare dal 1996 in avanti.

PER SAPERNE DI PIÙ / Riscatto agevolato della laurea: perché per gli over 45 resterà sulla carta

C’è però un caso in cui la nuova facoltà di riscatto low cost della laurea potrebbe riguardare anche gli anni di studio precedenti il 1996 (come riportato sul Sole 24 Ore del 29 marzo). Una nota presente a pagina 135 nel dossier del servizio studi della Camera dei deputati e del Senato(del 21 marzo) «Disposizioni urgenti in materia di reddito di cittadinanza e di pensioni» , registra che il limite del 1996 non riguarda le persone che hanno optato per il sistema contributivo integrale. Chi può accedere a questo sistema? I lavoratori che hanno espresso una serie di requisiti:
– meno di 18 anni di contributi nel 1995;
– almeno 15 anni di contributi, di cui 5 successivi al 1995.

PER SAPERNE DI PIÙ / LEGGI L’ESEMPIO

Questi lavoratori possono far rientrare tutti gli anni di lavoro nel sistema contributivo (anche quelli precedenti al 1996) e poter così riscattare gli anni di laurea con il nuovo sistema di calcolo più conveniente. In questo caso, salvo una diversa interpretazione da parte dell’Inps, chi abbia optato o scelga per il metodo contributivo potrà riscattare tutti gli anni universitari pagando un importo ridotto, anche nel caso in cui si sia immatricolato all’università prima del 1996.

PER SAPERNE DI PIÙ / DOSSIER PENSIONI 2019

.

.

.

.

.

Riscatto laurea, raddoppiano le domande con l’iter agevolato. Ecco quando vale anche prima del 1996 ultima modifica: 2019-04-09T06:14:22+02:00 da Gilda Venezia

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl