Scuola, calo delle pensioni: l’Italia ha gli insegnanti più vecchi del mondo

forex-info_logo1

Forexinfo.it, 12.2.2016

Scuola, in calo i pensionamenti per docenti e personale ATA. La situazione è allarmante, soprattutto considerando che l’Italia ha gli insegnanti più vecchi del mondo.

prof-anziano13

Scuola, sempre meno insegnanti vanno in pensione e di conseguenza anche quest’anno l’Italia sarà il paese con i docenti più vecchi del mondo.

Questo triste scenario è stato consolidato anche dagli ultimi dati sui pensionamenti degli insegnanti nel 2015, il cui numero è in netto calo.

Lo scorso 26 gennaio è scaduto il termine per presentare domanda di pensionamento per il personale scolastico e i primi dati relativi al numero di insegnanti che dal prossimo 1 settembre andranno in pensione non è incoraggiante.

Infatti, pur se si tratta di dati ancora provvisori è possibile fare un’analisi riguardante il numero di insegnanti e personale non docente che a partire dal prossimo anno scolastico andrà in pensione. Analisi che a detta di molti non è per niente positiva, poiché c’è stato un calo notevole del numero degli insegnanti che ha richiesto il pensionamento.

Se il trend rimarrà questo anche nei prossimi anni sarà difficile che gli obiettivi della Buona Scuola saranno raggiunti. Questa infatti tra i primi punti del suo programma pone lo svecchiamento del corpo insegnante al fine di avviare delle riforme che oltre a migliorare il sistema d’istruzione porti le nostre scuole a concorrere con quelle degli altri paesi d’Europa.

Scuola: in calo il numero dei docenti che hanno chiesto il pensionamento
Cominciano a diffondersi i primi dati riguardanti i pensionamenti del personale scolastico nel 2016. Nel dettaglio, i pensionamenti riguardano:

  • 13 mila maestre e professori;
  • 3 mila tra personale amministrativo, tecnico e ausiliario (personale Ata).

Questi dati testimoniano un crollo del pensionamento scolastico rispetto al 2015, quando andarono in pensione 6 mila docenti e 2 mila bidelli e personale non docente in più. Nel dettaglio, c’è stato un calo del 31,6% per il pensionamento dei docenti e del 40% per il resto del personale.

Scuola: chi poteva andare in pensione?
Come previsto dalla legge Fornero quest’anno i requisiti per andare in pensione erano:

  • età minima di 66 anni e 7 mesi (al 31 dicembre 2016);
  • 20 anni di contribuzione.

Chi invece non aveva i requisiti per richiedere il pensionamento poteva andare in “pensione anticipata”, purché avessero almeno 42 anni e 10 mesi di anzianità contributiva.
Se questi dati venissero confermati (come è molto possibile che accada), sarebbe un danno ulteriore per la Buona Scuola, che tra caos delle supplenze e difficoltà nello svecchiamento del corpo docente, avrebbe difficoltà a decollare.

Scuola e pensioni: l’Italia è il paese con i docenti più vecchi al mondo
Secondo l’ultimo rapporto sulla scuola dei paesi OCSE (Education at a glance 2015), l’Italia è la nazione con gli insegnanti più vecchi del mondo.
I dati del rapporto si riferiscono al 2013 ma, come abbiamo detto in precedenza, negli ultimi anni il numero dei pensionamenti non è migliorato, anzi.
Nel dettaglio, in Italia il 44% delle maestre della scuola primaria supera i 50 anni d’età mentre il 16% ha più di 60 anni. E le Under 30? Addirittura nessuna.
Se si guarda il corpo docente nelle scuole medie e superiori il 57% è over 50 mentre il numero di professori che ha meno di 40 anni è solo il 3%. Un dato allarmante sicuramente, come quello per cui nelle scuole medie più del 19% degli insegnanti ha superato i 60 anni.
Volendo fare un confronto con gli altri paesi europei pensate che in Francia nella scuola primaria c’è l’8% di maestre under 30 e solo il 23% di over 50. Nelle scuole elementari inglesi invece il 29% degli insegnanti delle scuole primarie ha meno di 30 anni.
A quale paese spetta il primato? Alla Turchia, che può vantare il 35% di personale docente under 30.
Se questa situazione non cambierà in tempo, sarà possibile raggiungere il rinnovamento generale richiesto dalla Buona Scuola? Difficile, soprattutto se si considera che i docenti più anziani potrebbero essere contrari all’innovazione e al rinnovamento dei loro metodi di insegnamento.

Scuola, calo delle pensioni: l’Italia ha gli insegnanti più vecchi del mondo ultima modifica: 2016-02-13T05:31:53+01:00 da Gilda Venezia

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl