Scuola, concorsi e immissioni in ruolo 2020/1: come verrà ripartito il contingente dei posti?

di Luigi Rovelli, Scuola in Forma, 10.1.2020

– Alla luce dei prossimi concorsi, è opportuno fare chiarezza su come avverranno le immissioni in ruolo dei docenti per l’anno scolastico 2020/2021. Si tratta di una questione piuttosto dibattuta sui social che ha sollevato più di un dubbio. Grazie alla scheda tecnica sul decreto scuola redatta da Uil Scuola Rua Calabria, cerchiamo di chiarire l’argomento.

Procedura immissioni in ruolo anno scolastico 2020/1

Prima delle operazioni di mobilità per l’anno scolastico 2020/2021, verranno disposte le immissioni in ruolo sui posti lasciati liberi da chi ha fatto richiesta della misura di anticipo pensionistico Quota 100. Le immissioni in ruolo continueranno a svolgersi secondo la consueta procedura ovvero con lo scorrimento delle Gae al 50 per cento e lo scorrimento delle graduatorie concorsuali 2016 e 2018 per l’altro 50%.
Occorre fare una distinzione, però, per il 50 per cento destinato ai concorsi, in merito ai diversi ordini di scuola.

Scuola dell’infanzia e primaria

Tutto il 50% dei posti destinato ai concorsi è assegnato al concorso 2016 (prorogato di un altro anno). Qualora non vi fossero più candidati, si passerà al concorso 2018.
Nel caso in cui già dall’anno scolastico 2020/21 siano pronte le graduatorie del nuovo concorso ordinario, il 50% destinato ai concorsi si dividerà nel seguente modo:
  • – 25% concorso 2018
  • – 25% nuovo concorso ordinario.
La stessa procedura riguarderà anche gli anni successivi.

Scuola secondaria di primo e secondo grado

Tutto il 50% dei posti destinato ai concorsi è assegnato al concorso 2016 (anche in questo caso prorogato di un altro anno).
Nel caso non ci fossero più candidati, successivamente e sempre con riferimento al 50% dei posti destinato ai concorsi, i posti verranno assegnati con i seguenti criteri:
  • Per gli anni scolastici 2020/1 e 2021/2: l’80% al concorso 2018 e il 20% ai concorsi successivi al 2018;
  • Per gli anni scolastici 2022/3 e 2023/4: il 60% al concorso 2018 e il 40% ai concorsi successivi al 2018;
  • Per gli anni scolastici 2024/5 e 2025/6: il 40% al concorso 2018 e il 60% ai concorsi successivi al 2018;
  • Per gli anni scolastici 2026/7 e 2027/8: il 20% al concorso 2018 e l’80% ai concorsi successivi al 2018.

Ulteriori precisazioni e ‘call veloce’

Nel caso in cui le graduatorie del concorso 2018 dovessero esaurirsi, il 100% dei posti va destinato ai concorsi successivi, sempre considerando il 50% dei posti destinati ai concorsi.

In ogni caso al concorso straordinario della secondaria di primo e secondo grado potranno essere assegnati solo 24.000 posti nel corso di un triennio, fermo restando che le immissioni in ruolo potranno essere effettuate anche successivamente qualora occorra ancora rispettare il contingente previsto delle assunzioni.
Per tutti i concorsi 2016 e 2018, di ogni ordine e grado di scuola, verrà operata la cosiddetta ‘call veloce‘ e la possibilità di iscrizione in fascia aggiuntiva al concorso 2018. Ricordiamo, infine, che la ‘call veloce’ interesserà anche i docenti inseriti nelle Graduatorie ad Esaurimento.
.
.
.
.
.
.

 

.
.
.
.
.
.

 

.
.
.
.
.
.

 

 

Scuola, concorsi e immissioni in ruolo 2020/1: come verrà ripartito il contingente dei posti? ultima modifica: 2020-01-11T06:53:48+01:00 da Gilda Venezia
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl