Stipendi bassi degli insegnanti italiani: anche l’Unione Europea si accorge della loro indecenza

RTS_logo2di Aldo Domenico Ficara, Regolarità e Trasparenza nella Scuola, 8.9.2019– In attesa che il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca indichi il maxi-concorso per docenti delle scuole di ogni ordine e grado, da Bruxelles qualche settimana fa arrivarono indicazioni ben precise sul trattamento economico degli insegnanti.

Secondo l’Unione Europea, c’è una relazione diretta tra la qualità dell’istruzione del nostro Paese e la produttività “tendenzialmente stagnante” dei lavoratori italiani. La situazione, in particolare “è dovuta alle debolezze del sistema di istruzione e formazione e alla scarsità della domanda di competenze elevate. Migliorare, quindi, la qualità del sistema di istruzione e formazione rappresenta una sfida importante”.

Servirebbe quindi investire nel settore dell’istruzione, così da poter attirare insegnanti più preparati e qualificati e motivarli con un salario più elevato rispetto a quelli attuali (secondo un recente sondaggio AlmaLaurea, i titoli legati all’insegnamento sono quelli che assicurano gli stipendi mensili più bassi).

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

Stipendi bassi degli insegnanti italiani: anche l’Unione Europea si accorge della loro indecenza ultima modifica: 2019-09-08T21:02:16+02:00 da Gilda Venezia
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl