Stipendi supplenti, ai precari frutta secca solo dopo Natale

Gilda_logo-zeroB

dall’Ufficio stampa della Gilda degli insegnanti,   21.12.2015.  

Di Meglio: “Dopo aver lavorato per quattro mesi, in 25mila 
trascorreranno il Natale senza aver ancora percepito un euro”

Frutta-secca1

“Nonostante la nota inviata dal Miur alle scuole per la liquidazione degli stipendi ai supplenti, c´è ben poco da stare allegri perché, dopo aver lavorato per quattro mesi, 25mila precari trascorreranno comunque il Natale senza aver ancora percepito un euro. Se questo è il raccolto di ciò che ha seminato la cosiddetta ´Buona scuola´, siamo alla frutta secca, come da tradizione natalizia”. Così Rino Di Meglio, coordinatore nazionale della Gilda degli Insegnanti, commenta la notizia riguardante il pagamento dei docenti precari annunciato da viale Trastevere e che avverrà con la prima emissione utile da NoiPa entro la prima metà di gennaio.

Riferendosi poi alla legge di Stabilità approvata alla Camera, Di Meglio usa toni duri contro il Governo che ha aggirato la sentenza della Consulta sull´incostituzionalità del blocco reiterato del contratto del pubblico impiego: “Lo stanziamento di 5/6 euro netti mensili per il rinnovo è una beffa, perché il presidente del Consiglio sa bene che nessun sindacato sarà disposto a sottoscrivere un contratto a queste misere condizioni economiche. Evidentemente – conclude il coordinatore della Gilda – Renzi è convinto di ottenere risultati elettorali migliori impiegando le scarse risorse disponibili per distribuire mance”.

Roma, 21 dicembre 2015
Ufficio stampa Gilda Insegnanti

Stipendi supplenti, ai precari frutta secca solo dopo Natale ultima modifica: 2015-12-22T14:14:44+00:00 da Gilda Venezia

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl