Svolta su docenti e presidi aggrediti: non saranno più soli. Bussetti: al loro fianco in tribunale

di Alessandro Giuliani, La Tecnica della scuola, 19.6.2018

– “Chi già a scuola manifesta certi atteggiamenti, un domani potrebbe aggredire un medico in un pronto soccorso o mancare di rispetto a un rappresentante delle forze dell’ordine in uno stadio”. Sono parole forti quelle pronunciate dal ministro dell’Istruzione, Marco Bussetti, in un’intervista al Corriere della Sera, ripresa dalla Tecnica della Scuola. Il riferimento è a quegli studenti e genitori che si lasciano andare a pratiche aggressive nei confronti di docenti, dirigenti scolastici e personale della scuola.

Il ministro: il Miur con chi querela

“Gli episodi di violenza – ha continuato Bussetti – vanno condannati duramente e, come ministro, non voglio limitarmi alla vicinanza formale: saremo al fianco di insegnanti, dirigenti, del personale amministrativo e ausiliario. Sono in contatto con la presidenza del Consiglio affinché, in ogni procedimento attivato con querela, il ministero possa costituirsi parte civile”.

Secondo il ministro, “la scuola deve potersi concentrare sulla gestione del rapporto con le famiglie, adottare metodi di recupero efficaci dei ragazzi, anche quelli più problematici. E si può fare solo puntando sull’educazione civica e restituendo tempo al mondo della scuola affinché possa perseguire il suo obiettivo principale: il successo formativo”.

Serve più educazione civica ma senza appesantire l’orario settimanale

Sull’introduzione di un’ora di educazione civica alla settimana, come chiedono i sindaci nella loro proposta di legge, Bussetti si dice d’accordo ma non si impegna nell’inserirla come disciplina curricolare: “che serva più educazione civica è un dato di fatto. Come fare senza appesantire l’orario è una delle prossime sfide”.

Il neo ministro preferisce un’azione a largo raggio: “Penso a un’offensiva su più fronti, che restituisca a chi lavora nella scuola l’autorevolezza che gli spetta”, perchè “i genitori non possono improvvisarsi docenti o dirigenti scolastici: ognuno deve stare nel confine dei propri ruoli”.

La strada è tracciata

La strada, per Bussetti, è quindi tracciata. Occorre, certamente, potenziare l’educazione civica a scuola, magari attraverso progetti ed iniziative di vario genere, ma senza aggiungere ore settimanali.

Tuttavia, siccome si tratta di un’azione che produrrebbe risultati solo a lunga scadenza, parliamo di diversi anni (a meno che non si voglia agire anche sui genitori), il titolare del Miur punta soprattutto e supportare docenti e dirigenti scolastici nelle loro azioni giudiziarie.

Ha prevalso la filosofia leghista

E per un dipendente dello Stato che si accinge a querelare chi lo ha aggredito, avere il Miur costituito “parte civile”, quindi che dà manforte al proprio legale in tribunale, rappresenta un passaggio rilevante.

Questa è la vera novità, dopo l’escalation di episodi di violenze verso la scuola e suoi “operatori” cui abbiamo assistito negli ultimi mesi: non fare sentire più soli i formatori pubblici ufficiali colpiti, verbalmente e fisicamente nell’esercizio delle loro funzioni.

Si è scelta, certamente, l’azione più diretta e immediata, vicina alla filosofia leghista, sempre guidata– a costo di eccedere nelle modalità – dall’esigenza di difendere strenuamente i diritti dei cittadini.

.

.

.

 

Svolta su docenti e presidi aggrediti: non saranno più soli. Bussetti: al loro fianco in tribunale ultima modifica: 2018-06-19T20:54:59+00:00 da Gilda Venezia

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl